Usa – Con un solo gene modificato si potrebbe vivere normalmente 100 anni. Con i topi ha funzionato. Reviewed by Momizat on .   [caption id="attachment_25970" align="alignleft" width="292"] I 100 anni del cugino di ElioVittorini, De Franchis oggi scomparso[/caption] (LN7) USA, 30   [caption id="attachment_25970" align="alignleft" width="292"] I 100 anni del cugino di ElioVittorini, De Franchis oggi scomparso[/caption] (LN7) USA, 30 Rating: 0
You Are Here: Home » Scienza » Usa – Con un solo gene modificato si potrebbe vivere normalmente 100 anni. Con i topi ha funzionato.

Usa – Con un solo gene modificato si potrebbe vivere normalmente 100 anni. Con i topi ha funzionato.

 

I 100 anni del cugino di ElioVittorini  De Franchis

I 100 anni del cugino di ElioVittorini, De Franchis oggi scomparso

(LN7) USA, 30 agosto 2013 – Hanno fatto vivere un topo il 20 per cento in più della sua vita, come dire che un uomo potrebbe vivere tranquillamente e normalmente 100 anni se reagissse allo stesso modo. La scoperta annunciata con una pubblicazione è avvenuta attraverso la modifica di un solo gene, con questa operazione  si è riusciti ad allungare la vita ai topi del 20%. Questo stato di cose, traslaslato  nell’uomo, potrebbe significare  proprio che in un futuro non molto lontano, l’età media degli esseri umani dovrebbe sfiorare  i cento anni. E’ quanto afferma un gruppo di ricercatori americani dell’Istituto nazionale per la Salute che ha pubblicato un articolo sulla rivista Cell Reports. Il gene, chiamato ‘mTOR’ e modificato da alcuni ricercatori americani, ha allungato la vita ai topi ma ha anche creato uno squilibrio invecchiando o preservando, in maniera diversa, i tessuti e i diversi organi. Si è così ottimizzato il coordinamento e la memoria, ma si è anche deteriorato più velocemente il tessuto osseo e si è verificato un forte abbassamento delle difese immunitarie. Il rischio è quello di avere degli anziani che hanno una perfetta memoria, ma sono affetti da una osteoporosi che gli impedisce di muoversi liberamente. Tuttavia questi risultati potrebbero aiutare le terapie guida per le malattie legate all’invecchiamento su specifici organi bersaglio, come l’Alzheimer. Sembrerebbe che allo studio ora ci sia un altro gene, che in pratica funziona come un orologio, che serve a regolare e rendere omogeneo l’avanzamento dell’età in tutto le parti del corpo. Come di consueto, però, prima di applicare queste terapie all’uomo sono necessari ulteriori studi e approfondimenti. Molti aspettano che la fantascienza, dove i personaggi di Star Trek diventavano centenari,  diventi scienza senza elisir di lunga vita.

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 16806

Leave a Comment


+ cinque = 11

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top