Una ventata di politica Reviewed by Momizat on . (GV)Siracusa, 1 dicembre 2016 – Massimo D’Alema ha fatto il pieno a Siracusa con almeno 500 presenze che hanno ascoltato, in silenzio e a volte applaudendo, le (GV)Siracusa, 1 dicembre 2016 – Massimo D’Alema ha fatto il pieno a Siracusa con almeno 500 presenze che hanno ascoltato, in silenzio e a volte applaudendo, le Rating: 0
You Are Here: Home » Video » Una ventata di politica

Una ventata di politica

(GV)Siracusa, 1 dicembre 2016 – Massimo D’Alema ha fatto il pieno a Siracusa con almeno 500 presenze che hanno ascoltato, in silenzio e a volte applaudendo, le sue ragioni per votare No al referendum di domenica prossima. Prima di cominciare ha promesso che avrebbe rispettato il luogo che lo ospitava usando un linguaggio consono e dai toni contenuti. E così è stato, anche se non ha mancato nulla per argomentare i motivi del “NO”. E’ arrivato nella sala conferenze del Santuario con un leggero ritardo perché arrivava da Catania. Ad accoglierlo oltre alla folla delle grandi occasioni, c’erano il deputato nazionale dell’area riformista Pippo Zappulla , Carmelo Saraceno presidente di Medeuropa e Turi Raiti coordinatore dell’area. Mancava al tavolo della presidenza l’assessore regionale alla PI Bruno Marziano oberato di impegni istituzionali a Palermo dove si votava per il bilancio. Dopo un’ora di trattazione a braccio, senza neanche un appuntino scritto, sulle riforme istituzioni proposte dal premier Renzi e sul perché non devono essere votate, è andato via alla volta dei comuni della zona nord della provincia (Francofonte e Lentini dove ha dormito). L’ex presidente del Consiglio dei Ministri ha sostanzialmente ricevuto lo stesso trattamento che i siracusani avevano riservato alcune settimane addietro a Matteo Renzi. Cosa di non poco conto per uno che in atto non è neanche deputato, che dal “rottamatore” viene considerato un vecchio da tenere fuori dalla politica. E su questo punto Massimo D’Alema ha promesso al pubblico – ai suoi, quelli di sinistra – che presto ritornerà a fare politica attiva. Tra coloro che hanno fatto capolino in sala c’erano personaggi che con la sinistra riformista avevano poco a che spartire, mentre nelle prime file si scorgevano rappresentanti storici della sinistra come Umberto Di Giovanni Roberto Fai, Raffaele Gentile. Non poteva mancare tra coloro che si spellavano le mani per D’Alema l’inossidabile Pippo Lo Curzio.

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 14102

Leave a Comment


+ otto = 9

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top