Siracusa-Trattamento delle mielolesioni con l’esoscheletro. Reviewed by Momizat on .  LA MIELOLESIONE ATTUALITA' IN RIABILITAZIONE     [caption id="attachment_29302" align="alignleft" width="231"] Esoscheletro per tornare a camminare [/capt  LA MIELOLESIONE ATTUALITA' IN RIABILITAZIONE     [caption id="attachment_29302" align="alignleft" width="231"] Esoscheletro per tornare a camminare [/capt Rating: 0
You Are Here: Home » Cultura » Siracusa-Trattamento delle mielolesioni con l’esoscheletro.

Siracusa-Trattamento delle mielolesioni con l’esoscheletro.

 LA MIELOLESIONE ATTUALITA’ IN RIABILITAZIONE  

 

Esoscheletro

Esoscheletro per tornare a camminare

(CS) Siracusa 23 ottobre 2013 – Recuperare i soggetti che hanno subito lesioni midollari facendo uso della robotica, delle nuove tecnologie come l’esoscheletro nato come presidio militare negli Stati Uniti ed oggi strumento medico. Ad oggi solo tre ne sono stati consegnati in Italia. E’ questa una delle indicazioni emersa nel corso del 7° corso della E.M.R.S.S., Euro Mediterranean Rehabilitation Summer School, che si sta svolgendo alla Fondazione Sant’Angela Merici a Siracusa. Presenti 40 giovani medici specializzandi in medicina fisica e riabilitativa provenienti dai Paesi dell’Area Euromediterranea che stanno effettuando un corso di perfezionamento sotto la guida di professori provenienti dalle più prestigiose Università Italiane ed Estere. Un confronto su “Attualità nel trattamento delle lesioni midollari”, un tema molto importante soprattutto per le conseguenze altamente invalidanti delle lesioni midollari, che vede relatori di fama internazione. “A Siracusa sono riuniti i maggiori esponenti delle Unità Spinali in Italia – ha detto il presidente dell’Emrss, dott. Franco Cirillo – come il direttore dell’Unità Spinale del Centro Montecatone a Imola  Jacopo Bonavita o il direttore dell’U.O. Riabilitazione del San Raffaele di Roma Marco Franceschini o il direttore dell’Unità Spinale Unipolare dell’ospedale Cannizzaro di Catania Maria Giuseppe Onesta. Sta emergendo la possibilità di recuperare soggetti facendo uso della robotica. L’esoscheletro, nato come presidio militare negli Stati Uniti diventa strumento per il recupero di soggetti che hanno subito lesioni midollari. Un soggetto che ora può camminare e sta in posizione eretta e non più sulla sedia a rotelle. Che quindi comincia ad avere un grado di autonomia. Giovedì il corso si svolgerà presso l’Unità Spinale dell’Ospedale Cannizzaro di Catania, prima struttura realizzata nel mezzogiorno d’Italia e specializzata per il trattamento in emergenza del trauma midollare e delle sue conseguenze. Un punto di eccellenza come lo è l’Istituto di Riabilitazione Sant’Angela Merici di Siracusa è all’avanguardia nel trattamento dei postumi delle lesioni midollari essendo dotata di modernissime vasche riabilitative dove è possibile attuare la Idrochinesiterapia e dove è possibile effettuare un percorso di riabilitazione neurologica grazie alle più recenti attrezzature e alla specifica preparazione del personale. Diventa un’opportunità per la provincia di Siracusa ma anche un polo di attrazione per le province limitrofe”.   Relatori e discenti arrivano da ben 13 paesi dell’Europa e del Nord Africa: giovani medici  provenienti da Portogallo, Spagna, Austria, Lettonia, Estonia, Georgia, Bosnia Herzegovina, Croazia, Grecia, Egitto, Serbia, Montenegro, Turchia e Cipro. A questi si aggiungono altri giovani medici provenienti dalle Università Italiane di Pavia, Perugia, Roma Tor Vergata, Ancona, Napoli Federico II e Napoli 2,  Bari, Foggia e Catanzaro. I docenti, che rappresentano le eccellenze in campo riabilitativo delle mielolesioni provengono da Lisbona ( Portogallo ), Losanna ( Svizzera), La Valletta ( Malta ), Buenos Aires ( Argentina ), Montecatone d’ Imola, Firenze, Udine, Pavia, Milano, Roma, Napoli, Foligno, che assieme ai colleghi del Cannizzaro di Catania affronteranno le tematiche del caso. La Unità Spinale di Catania, l’unica del Mezzogiorno d’Italia, e la Fondazione San’Angela Merici di Siracusa, ciascuna con le proprie peculiarità, la prima nella emergenza e la seconda nella continuità assistenziale, si propongono come punto di riferimento per il Sud Europa e il Nord Africa relativamente al trattamento delle mielolesioni.

 

 

 

La Scuola Euromediterranea è stata fondata nel 2005 a Siracusa. I Soci fondatori della Scuola, denominata Euromediterranean Rehabilitation Summer School furono: la Simfer (Società Italiana di Medicina Fisica e Riabilitativa) Nazionale e Regionale; il Consorzio Universitario Archimede, il Consorzio Universitario  Megara Ibleo. Lo scopo della Scuola è quello di realizzare, con cadenza annuale, un corso di alta specialità dedicato a giovani Medici Specializzandi in Medicina Fisica e Riabilitativa. Il tema che ogni anno viene scelto come oggetto del corso è sviluppato dai maggiori esperti nel settore e consente ai giovani corsisti di affinare la conoscenza sull’argomento.
Nel 2008 la Scuola venne intitolata ad Haim Ring, illustre scienziato Israeliano prematuramente scomparso, co-fondatore della Scuola. Negli anni è stato concesso il patrocinio dalla ESPRM e dalla ISPRM. Fino a tutto il 2012  quindi la Scuola ha ospitato oltre 300 studenti e 100 docenti provenienti da Portogallo, Spagna, Italia, Slovenia, Croazia, Bosnia, Montenegro, Serbia, Albania, Grecia, Turchia, Cipro, Siria, Giordania, Israele, Tunisia, Egitto, Belgio, Polonia, Irlanda Ungheria , favorendo, oltre alla crescita culturale , lo scambio di esperienze e l’incremento della solidarietà e dell’amicizia tra i popoli di diverse culture.

 

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 16806

Leave a Comment


5 + = dieci

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top