Siracusa – Tornerà nello storico edificio al Molo Sant’Antonio il mercato del pesce. La riqualificazione avverà con fondi europei. Era qualcosa che mancava. Reviewed by Momizat on . [caption id="attachment_82262" align="alignleft" width="300"] Da mercato del pesce divenne deposito del Comune[/caption] Mercato ittico, in arrivo 3,3 milioni p [caption id="attachment_82262" align="alignleft" width="300"] Da mercato del pesce divenne deposito del Comune[/caption] Mercato ittico, in arrivo 3,3 milioni p Rating: 0
You Are Here: Home » Ambiente » Siracusa – Tornerà nello storico edificio al Molo Sant’Antonio il mercato del pesce. La riqualificazione avverà con fondi europei. Era qualcosa che mancava.

Siracusa – Tornerà nello storico edificio al Molo Sant’Antonio il mercato del pesce. La riqualificazione avverà con fondi europei. Era qualcosa che mancava.

Da mercato del pesce divenne deposito del Comune

Da mercato del pesce divenne deposito del Comune

Mercato ittico, in arrivo 3,3 milioni per la riqualificazione  sarà attrezzato anche per vendita telematica e trasformazione del pesce

   (CS) Siracusa, 9 agosto 2o17 Si avvicina il tempo del rilancio del mercato ittico comunale, chiuso da qualche decennio per carenze strutturali. Sarà pubblicato nelle prossime ore dalla Regione il decreto con il quale viene concesso un finanziamento di quasi 3,3 milioni di euro che consentirà al Comune di mettere a bando i lavori per una radicale riqualificazione della struttura. Ne dà notizia l’assessore al Patrimonio, Gianluca Scrofani, che, su mandato del sindaco, Giancarlo Garozzo, ha seguito il lungo iter all’assessorato regionale all’Agricoltura, sviluppo rurale e pesca.

        Le opere saranno finanziate grazie a fondi messi a disposizione dall’Unione Europea, per il periodo 2014-2020, in favore degli affari marittimi e della pesca e destinati ai porti, ai luoghi di sbarco e alla vendita all’asta.

        “Un progetto che giaceva nei cassetti – commentato il sindaco Garozzo – e che la nostra Amministrazione ha rilanciato con convinzione perché crede nelle enormi potenzialità della risorsa mare e in un modello di sviluppo basato sulla sostenibilità e sulla qualità dei prodotti tipici. Una città marittima per eccellenza e che nel mare ha sempre trovato fonte di ricchezza non può privarsi di un mercato ittico moderno, così come non può privarsi di un porto la cui riqualificazione, ferma al palo al momento del nostro insediamento, sarà completata grazie al nostro lavoro. L’immagine della città e la sua appetibilità dal punto di vista turistico si basano anche sull’affermazione di un’economia compatibile con il territorio e con la difesa ambientale”.

        I lavori consisteranno in una manutenzione straordinaria affinché il vecchio edificio di largo Molo sant’Antonio torni ad essere luogo privilegiato per la vendita in tutte le forme, anche quelle più moderne – all’ingrosso, all’asta, direttamente al consumatore finale o per via telematica – del pescato della marineria siracusana. In questo senso, oltre agli impianti per la produzione e il confezionamento del ghiaccio, saranno realizzati anche quelli per la lavorazione e la trasformazione del pesce.

        “C’era attesa per questa notizia – afferma l’assessore Scrofani – che è giunta con una telefonata direttamente dal direttore del Dipartimento pesca, Dario Cartabellotta. Si tratta di un obiettivo straordinario per Siracusa in una prospettiva di valorizzazione della risorsa mare che, come è sempre stato in passato, deve tornare a essere uno dei pilastri dell’economia locale. Della chiusura del mercato ittico hanno sofferto soprattutto i nostri pescatori e i nostri commercianti, che presto potranno tornare ad essere competitivi abbattendo le spese, tornando a investire, giocando le carte del “chilometro zero” e della trasformazione del pesce. Una impostazione alla quale, anche grazie allo Smart Lab, abbiamo molto lavorato negli ultimi mesi e che la Regione, approvando il progetto, ha accolto. Tutto ciò apre una via d’uscita a un settore che altrimenti rischiava di essere ulteriormente penalizzato dalle nuove misure in difesa del mare”.

        Soddisfatta anche l’assessora alle Attività produttive, Silvia Spadaro. “È il rilancio concreto ed immediato del comparto pesca a Siracusa – afferma – che verrà attuato già dai primi mesi del 2018. La promozione interattiva del pescato del nostro territorio, il recupero architettonico del vecchio mercato ittico, l’aggregazione degli operatori del settore si trasformerà in concreta opportunità di lavoro attraverso un’azione di marketing territoriale di cui la nostra città ha pieno bisogno”.

        Secondo i dati aggiornati allo scorso gennaio, la flotta siracusana è composta da 215 motopescherecci in cui si lavora, nella quasi totalità, utilizzando criteri tradizionali e artigianali.

                                                                                           UN NOSTRO COMMENTO                

( GV) Siracusa, 9 agosto 2017 - Il mercato del pesce è stato chiuso oltre 20 anni addietro, quando non esisteva nessun “passo avanti” e la Castello  era una giovanissima che ambiva a conoscere i personaggi  che guidavano in nome di Forza Italia, sia la Sicilia sia Siracusa. Come fa ad affermare che il suo movimento che non c’era era a favore del mercato dove i pescatori  siracusani sbarcavano il pescato, resta a noi incomprensibile. Ma ognuno è libero di affermare ciò che vuole fino a quando si trovano creduloni.   

                                                                                                                                                                    Parla anche Costanza Castello

(CS) Siracusa, 9 agosto 2017 - “In tempi non sospetti, Un Passo Avanti aveva segnalato che la chiusura del mercato ittico dal 2005 fosse una ferita sanguinante nella vita quotidiana di pescatori e commercianti, costretti a dirigersi nella vicina Catania. La notizia odierna di un finanziamento che nutre la prospettiva di una riapertura della struttura, dunque, ci vede soddisfatti, al netto di ogni valutazione politica complessiva sull’Amministrazione Garozzo”. Interviene con queste parole Costanza Castello, coordinatrice regionale di Un Passo Avanti dopo la notizia trasmessa alla stampa dall’assessore Scrofani di un finanziamento di 3,3 milioni di euro per l’ex mercato ittico. “Era assurdo – conclude Costanza Castello – immaginare che ancora per molto il mercato ittico continuasse a restare un deposito di biciclette e bus elettrici, assolutamente al di fuori dalla vocazione della struttura”. 

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 14874

Leave a Comment


8 − = sei

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top