Siracusa – Silenzio si vota. Quasi tutti non hanno fatto nulla di buono per gli altri, ma vogliono tornare all’Ars. Chissà perchè? Reviewed by Momizat on . [caption id="attachment_85677" align="alignleft" width="300"] Il posto più ambito[/caption] (GV) Siracusa, 4 novembre 2017 – Ufficialmente da oggi non si dovreb [caption id="attachment_85677" align="alignleft" width="300"] Il posto più ambito[/caption] (GV) Siracusa, 4 novembre 2017 – Ufficialmente da oggi non si dovreb Rating: 0
You Are Here: Home » Articoli in evidenza » Siracusa – Silenzio si vota. Quasi tutti non hanno fatto nulla di buono per gli altri, ma vogliono tornare all’Ars. Chissà perchè?

Siracusa – Silenzio si vota. Quasi tutti non hanno fatto nulla di buono per gli altri, ma vogliono tornare all’Ars. Chissà perchè?

Il posto più ambito

Il posto più ambito

(GV) Siracusa, 4 novembre 2017 – Ufficialmente da oggi non si dovrebbe più fare campagna elettorale. Campagna che invece non cessa, e  non cambia quasi per niente. Quella che ci lasceremo alle spalle domenica sera, sarà ricordata come una competizione strana e insolita, per assenza delle cose tradizionali che infarcivano le competizioni regionali siciliane. Solo qualche apparizione in spot o in tv, e per i candidati   più quotati, qualche intervista  prevista nel pacchetto pubblicitario, all’insegna  del “lei sì che è bravo, bello e forte”. Poi nulla di rilevante che possa essere servito a conoscere sul serio il soggetto aspirante al seggio in Ars. Nessuno ha chiesto, almeno tra i candidati di Siracusa, di volersi confrontare  con qualcuno  degli avversari  esterni alla propria lista. Ovviamente, perchè è mancato il motivo  del confronto che dovrebbe stare alla base: un programma serio sottoposto agli elettori. Per chi ha già coperto il ruolo di deputato regionale, probabilmente aveva poco, forse niente, di cui vantarsi. Addirittura, chi ha coperto i ruoli più rappresentativi nel Palazzo dei Normanni, anche se riconosciuto ottimo oratore e cavallo di lunghe corse, a malapena ha trovato  la forza di accennare a qualche surrogato di comizio, mostrando difficoltà nel parlare delle proprie azioni andate a male. Promettere progetti per  andare su Marte è stato facile. Difficile dire alle persone comuni le cose  realizzate nel loro palpabile interesse. Le chiacchiere, a dire il vero, questa volta sono state pochissime e disponibili  solo per coloro abituati a giocare col  bluff. Dei deputati siracusani uscenti non c’è stato uno che abbia rivendicato, per se e con orgoglio, qualcosa realizzata per i siracusani e per il territorio. Tutti meno uno, il solito noto “ primo” della classe, che ha elencato le cose fatte in un libretto contenente una rassegna stampa riproducendo articoli dei quotidiani cartacei  sulle tante cose fatte. Per fortuna non ha inserito gli articoli di giornali online, altrimenti,  avrebbe dovuto mettere in distribuzione un libro vero e proprio. Non può che far rabbia, all’osservatore obiettivo, che nessun altro sia stato in grado di elencare cose realizzate per il territorio  che li ha onorati. E che dire del candidato delle mangiate di pesce? E di quello che ha creato una mensa dei poveri travestita?!  Anche se la campagna elettorale è stata silenziosa e sotterrane , purtroppo, saranno 5 ad essere eletti. I pronostici fanno pensare che molti saranno new entry, che metteranno in naftalina i vecchi che non si arrendono. Chi rischia di uscire dal gioco che porta a Palermo si consola già affermando che  nel caso non venisse eletto, tra qualche mese  per lui  passerà il treno per le nazionali, grazie alla legge schifellum  (qualcuno la definisce rosatellum) che il presidente Matterella ha (purtroppo) promulgato con grande coraggio istituzionale. Il riposo non fa per i nostri  deputati regionali, ecco perchè  nessuno di loro intende uscire dalla scena politica,  nonostante il godimento di una bella pensione d’oro. Signori elettori votateli pure, non chiedetevi come mai, se non hanno realizzato nulla (neanche uno straccio di proposta) in 5 o 10 anni,  perché mai sono pronti a tutto per tornare a non fare nulla per altri 5 anni.  Però, questa volta saranno 20 in meno: consoliamoci.

 

 

 

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 15441

Leave a Comment


× 8 = sedici

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top