Siracusa Premio Insetti di galoppo a Zafiro Gial Reviewed by Momizat on . Trotto.  Zaffiro Gial a fil di palo nel “Centrale”.  [caption id="attachment_91875" align="alignleft" width="300"] Zaffiro Gial[/caption] (CS)Siracusa, 21 maggi Trotto.  Zaffiro Gial a fil di palo nel “Centrale”.  [caption id="attachment_91875" align="alignleft" width="300"] Zaffiro Gial[/caption] (CS)Siracusa, 21 maggi Rating: 0
You Are Here: Home » Sport » Ippica » Siracusa Premio Insetti di galoppo a Zafiro Gial

Siracusa Premio Insetti di galoppo a Zafiro Gial

Trotto.  Zaffiro Gial a fil di palo nel “Centrale”. 

Zaffiro Gial

Zaffiro Gial

(CS)Siracusa, 21 maggio 2018 - Arrivo in pariglia riserva il Premio Insetti, centrale del secondo convegno di trotto all’Ippodromo del Mediterraneo. Un Invito per indigeni di 3 anni che vede giungere il linea sul palo Zaffiro Gial e Zelig Rab. Si ricorre al verdetto del giudice d’arrivo che, dopo aver decifrato una strettissima foto, decreta il successo del primo citato. L’allievo di Tony Porzio ribalta, così, le ultime poco fortunate uscite beffando un Zelig Rab, invece, in grande periodo di forma. Rimane sul podio, ma scende un di un gradino rispetto all’ultimo ingaggio, Zenì Rl, che afferra la terza moneta. E’ ancora la recente linea dettata da Voici As e Vaitor a confermarsi nella reclamare, per cavalli di 4 anni, che aperto il pomeriggio in sulky. Dopo l’affermazione nella II Tris Nazionale che ha inaugurato il primo convegno siracusano, “Voici” regala al driver Carlo Giordano il suo terzo successo. A completare la terna del Premio Aracnidi ci pensa Vento del Nord. Tra i Gentleman impegnati, invece, nel Premio Imenotteri, seconda prova in programma, emerge il nome di Piero Cucinotta. Alla conduzione del regolare Solo D’Asolo, il giovane guidatore si impone su Tivadar Verynice e Tutto Mattos.

 

 

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 16703

Leave a Comment


uno + = 7

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top