Siracusa – Ormai Ortigia è un inferno per gli automobilisti e i residenti. Reviewed by Momizat on . [caption id="attachment_78462" align="alignleft" width="300"] Traffico in Ortigia[/caption] Code chilometriche di oltre un’ora per entrare nell’isolotto Costanz [caption id="attachment_78462" align="alignleft" width="300"] Traffico in Ortigia[/caption] Code chilometriche di oltre un’ora per entrare nell’isolotto Costanz Rating: 0
You Are Here: Home » Ambiente » Siracusa – Ormai Ortigia è un inferno per gli automobilisti e i residenti.

Siracusa – Ormai Ortigia è un inferno per gli automobilisti e i residenti.

Traffico in  Ortigia

Traffico in Ortigia

Code chilometriche di oltre un’ora per entrare nell’isolotto Costanza Castello: “Amministrazione incauta, kermesse così vanno organizzate altrove”  

 (*CS)Siracusa, 13 maggio 2017 - L’iniziativa che ha avuto luogo questa mattina in Ortigia ha dimostrato ancora una volta e, se ce ne fosse stato bisogno, quanto sia incauto da parte dell’amministrazione comunale autorizzare eventi privati di grande richiamo di pubblico nel centro storico. Soprattutto dopo la scelta dell’amministrazione comunale di procedere all’abbattimento del Ponte dei Calfatari riducendo drasticamente le vie di fuga dall’isola in caso di pericolo”. Così la coordinatrice regionale del movimento politico Un Passo Avanti, Costanza Castello, sulla manifestazione organizzata da un grande società privata in Ortgia in questo week end.

Code chilometriche e di oltre un’ora hanno caratterizzato il traffico veicolare rivoluzionando la vita dei residenti e mettendo a grave rischio la sicurezza dei cittadini di Ortigia e di quanti hanno partecipato all’evento. “Eppure la città di Siracusa è ben più grande e potrebbe permettere di realizzare e autorizzare anche altrove questo tipo di kermesse – prosegue Costanza Castello –. Ciò denota in più anche una visione culturale che riduce l’attenzione amministrativa nell’organizzazione di eventi impropriamente solo al centro storico. Ci auguriamo che l’accaduto non si ripeta e che, soprattutto, non debba scapparci l’evento negativo per comprendere come vada gestita Ortigia in considerazione delle attuali vie di fuga esistenti”.

*Costanza Castello Coordinatrice regionale “Un passo avanti”

 

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 15600

Leave a Comment


tre + = 11

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top