Siracusa – Accorsi per proteggere la moglie dal marito violento, i carabinieri vengono aggrediti dalla donna. Noto- Polacca 35 enne muore per coma etilico. Priolo: Polizia ferma coppia criminale. Avola- 3 lavoratori in nero denunciato esercente. Reviewed by Momizat on .   SIRACUSA ORTIGIA.   DONNA AFFERMA DI ESSERE AGGREDITA DAL CONVIVENTE: DENUNCIATA DAI CARABINIERI PER FURTO, RESISTENZA E OLTRAGGIO A PUBBLICO UFFICIALE.    SIRACUSA ORTIGIA.   DONNA AFFERMA DI ESSERE AGGREDITA DAL CONVIVENTE: DENUNCIATA DAI CARABINIERI PER FURTO, RESISTENZA E OLTRAGGIO A PUBBLICO UFFICIALE.  Rating: 0
You Are Here: Home » Cronaca » Siracusa – Accorsi per proteggere la moglie dal marito violento, i carabinieri vengono aggrediti dalla donna. Noto- Polacca 35 enne muore per coma etilico. Priolo: Polizia ferma coppia criminale. Avola- 3 lavoratori in nero denunciato esercente.

Siracusa – Accorsi per proteggere la moglie dal marito violento, i carabinieri vengono aggrediti dalla donna. Noto- Polacca 35 enne muore per coma etilico. Priolo: Polizia ferma coppia criminale. Avola- 3 lavoratori in nero denunciato esercente.

 

SIRACUSA ORTIGIA.   DONNA AFFERMA DI ESSERE AGGREDITA DAL CONVIVENTE: DENUNCIATA DAI CARABINIERI PER FURTO, RESISTENZA E OLTRAGGIO A PUBBLICO UFFICIALE. 

Siracusa, 6 dicembre 2017  – Nel corso della giornata di ieri i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Siracusa, durante un servizio di controllo del territorio, sono intervenuti presso un’abitazione di Ortigia su richiesta di una donna che affermava di essere stata picchiata dal convivente. Immediatamente intervenuti sul posto, i militari dell’Arma hanno trovato davanti il cancello di casa la donna, l’uomo e il figlio 11enne, che sono stati subito sentiti per ricostruire la dinamica dei fatti. La signora ha affermato di essere stata colpita con un pugno all’occhio sinistro per non farla uscire di casa, mentre l’uomo diceva di aver avuto dissidi con la convivente poiché la stessa aveva sottratto la somma di euro 260 dai suoi pantaloni. Effettuati ulteriori accertamenti è emerso che l’uomo era già stato ammonito dal Questore per fatti analoghi e pertanto veniva condotto dai Carabinieri presso i locali della Compagnia di Siracusa per le incombenze del caso. Nel frattempo la donna che aveva affermato di volersi recare presso il locale pronto soccorso per ricevere cure, in realtà si è diretta verso l’attività commerciale del convivente dove presta la propria attività lavorativa come dipendente e ha sottratto un’ulteriore somma di euro 160 dalla cassa. I Carabinieri quindi appresa la notizia dell’impossessamento del denaro si sono recati sul posto per avere spiegazioni dalla donna e in quell’occasione sono stati oggetto di insulti, minacce e resistenza da parte della stessa. A questo punto anche la donna è stata condotta presso i locali della Compagnia di Siracusa ove è stata denunciata per i reati di furto, resistenza e oltraggio a Pubblico Ufficiale.    

 NOTO (SR).  DONNA POLACCA MUORE IN CASA PER VEROSIMILE COMA ETILICO. I CARABINIERI SONO IMPEGNATI IN TUTTA LA PROVINCIA PER CONTRASTARE L’ABUSO DELLE BEVANDE ALCOLICHE

Controlli contro l'alcool

Controlli contro l’alcool

Noto, 6 dicembre 2017  - Nella serata di ieri i Carabinieri della Stazione di Noto sono intervenuti in un’abitazione di quel centro, in quanto contattati dal locale personale sanitario che si era portato lì per constatare un decesso. La donna, una trentacinquenne di origini polacche, si trovava a letto quando il proprietario dell’abitazione, rincasando nel pomeriggio, ha trovato la donna ancora a letto. Ritenendo potesse esser stata colta da un malore improvviso, ha immediatamente contattato i sanitari, che, al loro arrivo, hanno potuto solamente accertare il decesso. Il medico legale, che stamane ha eseguito una ispezione cadaverica, oltre a constatare le precarie condizioni igienico sanitarie in cui la donna viveva, ha attribuito verosimilmente il decesso ad un coma etilico da cui la donna non s sarebbe più ripresa. Il fenomeno dell’abuso dell’alcool, infatti, ha come prima conseguenza la rottura degli equilibri nei rapporti interpersonali con le persone che sono vicine alla vittima di quella che è una vera e propria patologia, tanto che l’etilista spesso può cadere in situazioni di isolamento e quindi in condizioni ancor più difficili che lo possano aiutare ad uscire da un comportamento compulsivo che in molti casi può portare alla dipendenza. Il problema dell’abuso o comunque dell’uso non controllato di bevande alcoliche non colpisce solamente coloro che ne fanno uso ma può essere visto come un fenomeno che ha gravi riflessi sociali. Ad esempio, la guida in stato di ebrezza è uno dei motivi che incidono maggiormente sui sinistri stradali, in Italia come in Europa, e molto spesso gli automobilisti tendono a sottovalutare gli effetti dell’alcool sulla guida dimenticando che già con un tasso alcolemico di 0,8 g/l aumenta di 2,7 il rischio di incidenti, mentre con un tasso di 1,5 g/l il rischio diventa 22 volte più elevato.  Per avere un quadro preciso sulla situazione alcool e incidenti stradali basta dare un’occhiata agli studi della Commissione Europea che evidenziano come circa 10.000 morti l’anno in Europa siano da attribuire all’abuso di bevande alcoliche, mentre secondo l’Istituto  Superiore di Sanità, circa il 30% degli incidenti stradali in Italia è provocato da conducenti in stato psicofisico alterato da alcol e droghe. Per combattere questa emergenza il Comando Provinciale dei Carabinieri, continua a svolgere nella provincia una intensa azione preventiva con conferenze presso le scuole in cui viene anche dato ampio spazio all’informazione finalizzata ad evitare l’utilizzo di bevande alcoliche prima di porsi alla guida e quindi ad incrementare la cultura della sicurezza stradale. Sotto il profilo del contrasto, sono sempre più intensi i controlli alla circolazione stradale, anche con l’utilizzo degli apparati di rilevazione etilometrica, soprattutto nei fine settimana e nei luoghi di maggiore concentrazione giovanile. Dall’inizio dell’anno ad oggi, i Carabinieri di Siracusa hanno elevato quasi trenta contravvenzioni al Codice della Strada per guida in stato di ebbrezza con gravi conseguenze per i trasgressori che, nei casi più gravi, vengono deferiti all’Autorità Giudiziaria, soprattutto se coinvolti in incidenti stradali.

 SIRACUSA – LA POLIZIA DI STATO DENUNCIA UN UOMO ED INTERVIENE PER UNA RAPINA ED UN INCENDIO

 Siracusa, 6 dicembre 2017 – Poliziotti  in servizio alle Volanti della Questura di Siracusa, nell’ambito dei quotidiani controlli a coloro che in città sono sottoposti a misure restrittive della libertà personale, hanno denunciato R.A. (33 anni), residente a Siracusa, sottoposto agli arresti domiciliari e risultato assente al controllo.  Questa mattina, alle ore 8.10, gli agenti delle Volanti sono intervenuti in una tabaccheria, sita in via Grottasanta, per una rapina consumata. Sul posto i poliziotti hanno appreso che un uomo, armato di pistola e travisato  da un casco protettivo, si faceva consegnare l’incasso pari a circa 3.000 euro per poi fuggire. Indagini in corso.  Alle ore 3.10, agenti delle Volanti sono intervenuti in via Mastrarua, all’incrocio con il Lungomare Elio Vittorini e con Largo Bastione Santa Croce, per la segnalazione di un incendio. Le fiamme distruggevano completamente una Fiat 500 coinvolgendo altre cinque auto rimaste parzialmente danneggiate. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco, indagini in corso.

 PRIOLO GARGALLO – LA POLIZIA DI STATO ESEGUE DUE FERMI DI INDIZIATO DI DELITTO  

Antonino Restivo

Antonino Restivo

 

Lidia Zocco

Lidia Zocco

Priolo, 6 dicembre 2017 -  Gli agenti della Polizia di Stato, in servizio al Commissariato di Pubblica Sicurezza di Priolo Gargallo, a seguito di tempestive e accurate indagini, hanno proceduto al fermo di indiziato di delitto nei confronti di Antonino Restivo  (33 anni) e residente a Siracusa, già conosciuto alle forze di Polizia ed in atto già sottoposto al regime degli arresti domiciliari e di Lidia ZOCCO  (47 anni ) residente a Priolo Gargallo, già conosciuta alle forze di polizia per i reati di rapina aggravata, in concorso, tentata truffa. In particolare, alle ore 3 del 5 dicembre scorso, gli agenti sono intervenuti in un bar sito in via Taranto, ove, poco prima, il titolare era stato vittima di una rapina, durante la quale era stato ferito ad una mano dall’aggressore con un coltello.  Le immediate indagini, condotte dal personale di polizia, accertavano che la vittima, mentre si trovava all’interno del laboratorio di pasticceria attiguo l’esercizio, sentiva bussare alla porta d’ingresso. D’improvviso si trovava difronte ad un uomo travisato, il quale, sotto la minaccia di un coltello, gli intimava di consegnargli il denaro che deteneva. Sotto la continua minaccia dell’arma, l’uomo riusciva a portare il malcapitato all’interno del bar fino alla cassa, riuscendo ad impossessarsi dalla somma di euro 500 circa, in banconote di diverso taglio. Nel corso dell’azione, il titolare riusciva a divincolarsi dalla morsa dell’aggressore, ma ciò provocava l’immediata reazione da parte del rapinatore che, utilizzando un’arma da taglio, feriva alla mano l’esercente. Subito dopo, il malfattore si dava alla fuga.  Sulla scorta delle indicazioni fornite dai rilievi di polizia scientifica e dei filmati di video- sorveglianza della zona si riusciva ad individuare l’autovettura utilizzata dal rapinatore per guadagnarsi la fuga, che veniva rinvenuta, abbandonata e priva della targa posteriore. Sebbene di proprietà di altro soggetto, dopo una serie di accertamenti si verificava che l’autovettura in questione, priva di assicurazione, risultava essere stata assicurata, per ultimo, proprio Restivo, già noto per reati contro il patrimonio. Dalla disamina delle immagini si riscontrava, altresì, che poco prima de

lla aggressione, Zocco Lidia entrava all’interno del laboratorio di pasticceria per chiedere di avere del cibo, verosimilmente al fine di fornire i necessari elementi al complice. Infatti, a seguito di verifiche, gli Agenti hanno accertato che entrambi i soggetti sono stati per l’intera giornata insieme, perpetrando nel pomeriggio anche un tentativo di “truffa dello specchietto”. Inoltre, veniva rinvenuta, durante la perquisizione eseguita all’interno dell’abitazione della Zocco, la targa dell’autovettura utilizzata per eseguire la rapina. A seguito di ciò, mentre gli operatori di Polizia erano intenti alla perquisizione, venivano informati della presenza di un estraneo all’ultimo piano della palazzina, nascosto all’interno di un appartamento. Alla luce di quanto sopra, gli Agenti facevano irruzione all’interno dei locali, riuscendo ad individuare e bloccare il Restivo Antonino, che aveva appena gettato da un finestra posteriore un coltello a serramanico. Immobilizzato, a seguito di perquisizione, l’uomo veniva trovato in possesso di una somma di denaro, verosimilmente quella sottratta nel corso della rapina.  

AVOLA – LA POLIZIA DI STATO EFFETTUA DEI CONTROLLI AMMINISTRATIVI E DENUNCIA UNA DONNA

 Avola, 6 dicembre 2017 – Gli agenti della Polizia di Stato, in servizio al Commissariato di P.S. di Avola, nel corso di controlli amministrativi, hanno accertato un illecito e sanzionato il titolare di un’impresa che ha utilizzato le prestazioni lavorative di 3 lavoratori subordinati senza la preventiva comunicazione di instaurazione del rapporto di lavoro al Centro per l’impiego competente. La sanzione pecuniaria comminata è pari a  4500 euro . Inoltre, gli agenti di Avola hanno denunciato una donna ( 52 anni) per il reato di atti persecutori ai danni di un uomo al quale inviava continuamente sms da circa tre anni.  

NOTO – LA POLIZIA DI STATO DENUNCIA UNA DONNA   

Noto, 6 dicembre 2017 – Nella giornata di ieri, al termine di celere attività investigativa, agenti della Polizia di Stato, in servizio al Commissariato di P.S. di Noto, hanno denunciato R.S. (di 34 anni), residente a Canicattini Bagni per il reato di minacce aggravate dall’aver commesso il fatto in danno di un minore di 18 anni. Il minore, accompagnato dal padre, formalizzava negli uffici di  Polizia una querela nei confronti dell’odierna indagata. Il ragazzo riferiva che dal mese di Luglio 2017 una donna, amica della madre, senza alcuna plausibile ragione, ogni qualvolta l’incontrava per strada non perdeva occasione per ingiuriarlo con parole offensive usando anche espressioni intimidatrici del tipo “se ti incontro con la macchina ti schiaccio”. In effetti, in alcune occasioni, incontrata per strada la donna a bordo di un’auto, questa effettuava manovre azzardate lasciandogli intendere che voleva metterlo sotto salvo cambiare direzione di marcia all’ultimo secondo. Il movente della condotta pare sia riconducibile a vecchi dissapori tra la donna ed il padre del minore sfociati in lite circa tre/quattro anni prima ed, evidentemente, mai sopiti.

SIRACUSA – PRIMO E UNDICESIMO POSTO PER DUE AGENTI DELLA POLIZIA DI STATO AL TROFEO INTERFORZE “SANTA BARBARA”

   foto-n-1 foto-n-2Siracusa, 6 dicembre 2017 –  Questa mattina ha avuto luogo il trofeo interforze “Santa Barbara” anno 2017.  Il trofeo si è svolto all’interno del Comando Marittimo Sicilia (MARISICILIA) in Augusta e ha previsto una gara podistica per una distanza di circa 6 chilometri.  Alla gara ha partecipato personale appartenente alle diverse Forze Armate e alle Forze di Polizia.  Il primo posto è andato all’assistente capo della Polizia di Stato Carlo Rovella,  vincitore assoluto della gara podistica, il quale ha terminato il percorso previsto in 22 minuti e 47 secondi. Carlo Rovella ha partecipato a numerose maratone di livello nazionale ottenendo piazzamenti di notevole valore agonistico; ha vinto la Siracusa City Marathon, edizione 2014 e ha trionfato nella maratona Hybla Barocco Marathon nell’anno 2015 ed, infine, il giorno 19 novembre scorso. ha partecipato alla maratona internazionale di Verona classificandosi non della sua categoria. L’assistente capo della Polizia di Stato Michele Intranuovo si è classificato undicesimo assoluto con un tempo di 28 minuti e 54 secondi. Il risultato sportivo dimostra l’impegno e la dedizione dei due agenti di polizia e rappresenta senza dubbio, soprattutto per i più giovani, un positivo esempio che esalta i valori dello sport, della lealtà, donando prestigio alla Polizia di Stato.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 15610

Leave a Comment


+ 8 = diciassette

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top