Siracusa – Nello Musumeci proclamato Presidente, ma la legislatura si annuncia “agitata” e forse anche “mescolata”- Molti esclusi pronti al ricorso per rientare al posto di altri. Reviewed by Momizat on .   [caption id="attachment_86211" align="alignright" width="300"] Sicilia: Musumeci incontra i giornalisti dopo la proclamazione a presidente della Regione   [caption id="attachment_86211" align="alignright" width="300"] Sicilia: Musumeci incontra i giornalisti dopo la proclamazione a presidente della Regione Rating: 0
You Are Here: Home » Articoli in evidenza » Siracusa – Nello Musumeci proclamato Presidente, ma la legislatura si annuncia “agitata” e forse anche “mescolata”- Molti esclusi pronti al ricorso per rientare al posto di altri.

Siracusa – Nello Musumeci proclamato Presidente, ma la legislatura si annuncia “agitata” e forse anche “mescolata”- Molti esclusi pronti al ricorso per rientare al posto di altri.

 

Sicilia: Musumeci incontra i giornalisti dopo la proclamazione a presidente della  Regione ( Foto Pecoraro)

Sicilia: Musumeci incontra i giornalisti dopo la proclamazione a presidente della Regione ( Foto Ansa-Pecoraro)

(EV)Siracusa, 18 novembre 2017 – Sarà una legislatura con tanti problemi da risolvere e con tante “rogne” giudiziarie per deputati eletti  che  dovranno scontrarsi con la non ottemperanza alla prevista dichiarazione a norma della legge Severino. Una legislatura che potrebbe incorrere in stravolgimenti  qualora i giudici amministrativi dovessero accogliere i ricorsi che un comitato di candidati non eletti si prepara a presentare, iniziando una battaglia giudiziaria  che potrebbe durare oltre un anno e che potrebbe portare addirittura ad un ricalcolo a danno di liste che hanno superato lo sbarramento del 5% e a vantaggio di altre che non hanno raggiunto quella soglia e che sono fuori dall’Ars. Chi appare impegnato a riportare all’Ars il suo partito (AP) e il non eletto Enzo Vinciullo che a Siracusa aveva portato al 9 per cento i consensi  che in altre province  non raggiungevano la soglia prevista. Secondo la teoria di Vinciullo ci sarebbero deputati che hanno sbagliato, Tribunali che hanno sbagliato nell’accogliere dichiarazioni che  si richiamavano ad una legge abrogata dalla sopravvenuta Severino.   Se la tesi sostenuta verrà accettata dai tribunali amministrativi  molto potrebbe mutare all’Ars  e anche  nel collegio di Siracusa dove il M5S avrebbe  ottenuto 2 deputati eletti. Insomma c’è chi sostiene che  sarà riammesso Paci dell’Udc  e uscirà sicuramente Pasqua del M5S e forse non solo lui. Per ora solo chiacchiere.  Per dare il via ai ricorsi sono attese  le dichiarazioni allegate alla candidatura dei parlamentari regionali eletti e non. Diverse sono state le richieste di accesso agli atti e non tutti i Tribunali hanno risposto positivamente ai richiedenti.  Come finirà  si vedrà nelle aule di tribunali in un lungo prossimo futuro. Intanto ieri Nello Musumeci è stato proclamato presidente della Regione siciliana dalla Corte d’appello di Palermo. Al momento della proclamazione da parte del presidente del Corte, Matteo Frasca, il neo governatore Musumeci si è commosso. In prima fila nell’aula magna con Musumeci c’erano il figlio Salvo e la nipote Rita. Un applauso ha chiuso la breve cerimonia, presenti un centinaio di persone. Al termine, nell’ atrio del palazzo di giustizia il neo presidente è stato festeggiato dalla folla: tanti gli abbracci e baci.  Si è insediato, quindi, a Palazzo d’Orleans il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci. Il cambio di consegne con l’uscente Rosario Crocetta s’è svolto in un clima cordiale e scherzoso. I due sono entrati insieme nella sala Alessi, sorrisi e strette di mano. Crocetta ha regalato a Musumeci “Viaggio in Sicilia”, di Johann Wolfgang Goethe, il neo governatore ha ricambiato la cortesia donando cinque testi di Oscar Wilde (il ritratto di Dorian Gray, Aforismi, La ballata del carcere di reading, Salomè e L’importanza di chiamarsi Ernesto) e un libro con una raccolta di foto di Luigi Pirandello. “Lei è una persona trasgressiva, avrei voluto regalarle un testo di Pasolini che lei adora come lo adoro io ma non l’ho trovato”, ha detto Musumeci rivolgendosi a Crocetta.  Il candidato  presidente del M5S, Cancelleri, non eletto, è risultato assente alla cerimonia della proclamazione  che è avvenuta comunque  trattandosi di una formalità. Cancelleri ha telefonato al presidente della Corte di Appello, Frasca,   scusandosi per l’assenza  dovuta al fatto che “non sapeva della sua proclamazione come deputato.  Da oggi inizia il percorso  del nuovo presidente della Regione, le attese del popolo siciliano sono tantissime, e difficilmente potranno essere realizzate, è la storia che offre il fianco al vaticinio. 

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 15610

Leave a Comment


+ 2 = nove

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top