Siracusa: La Guardia Costiera sequestra prodotti ittici privi di tracciabilità. Reviewed by Momizat on . [caption id="attachment_78679" align="alignleft" width="300"] Polpa di ricci di mare sequestrata dalla Guardia Costiera[/caption] LA GUARDIA COSTIERA DI SIRACUS [caption id="attachment_78679" align="alignleft" width="300"] Polpa di ricci di mare sequestrata dalla Guardia Costiera[/caption] LA GUARDIA COSTIERA DI SIRACUS Rating: 0
You Are Here: Home » Ambiente » Siracusa: La Guardia Costiera sequestra prodotti ittici privi di tracciabilità.

Siracusa: La Guardia Costiera sequestra prodotti ittici privi di tracciabilità.

Polpa di ricci di mare sequestrata  dalla Guardia Costiera

Polpa di ricci di mare sequestrata dalla Guardia Costiera

LA GUARDIA COSTIERA DI SIRACUSA SEQUESTRA PRODOTTO ITTICO PRIVO DI TRACCIABILITA’ 

  Siracusa, 18 maggio 2017  – Proseguono i controlli del personale militare della Capitaneria di Porto di Siracusa, impiegato in tutto il territorio della Provincia, per verificare il rispetto delle normative comunitarie e nazionali in materia di commercializzazione del prodotto ittico che, a seguito di segnalazioni, sarebbe posto in commercio presso alcune pescherie privo di qualsiasi documentazione, in quanto proveniente dalla pesca sportiva. Sono stati pertanto intensificati i controlli che hanno condotto, nella giornata di ieri, al sequestro di oltre Kg 10 di prodotto ittico di varia specie che veniva ritrovato esposto sul banco vendita di una pescheria di Avola privo di documentazione che ne attestasse la tracciabilità. Veniva pertanto richiesto l’intervento del personale veterinario dell’A.S.P. n°8 del distretto di Noto al fine di stabilire la destinazione di tale prodotto e, nel contempo, verificare l’idoneità al consumo umano del restante prodotto ittico che, seppur tracciato, all’apparenza non appariva fresco. Giunto sul posto il veterinario dell’A.S.P. destinava alla distruzione il pescato privo di documentazione e dichiarava idoneo al consumo umano il resto del prodotto ittico. La Guardia costiera  provvedeva anche ad elevare  verbale di constatazione e contestazione di illecito amministrativo a danno del trasgressore  per un importo di euro 1500. La G.C. rammenta che nei mesi di maggio e giugno è vietata la pesca la detenzione e commercializzazione del riccio di mare. 

 

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 15599

Leave a Comment


× 1 = nove

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top