Siracusa – Inciucio tra l’amministrazione e il gestore della cittadella dello sport è quanto afferma carte alla mano Salvo Baio dirigente del PD. Reviewed by Momizat on . [caption id="attachment_86655" align="alignleft" width="300"] Salvo Baio e un profilo della Cittadella dello Sport[/caption]  (*Salvo Baio) Siracusa, 30 novembr [caption id="attachment_86655" align="alignleft" width="300"] Salvo Baio e un profilo della Cittadella dello Sport[/caption]  (*Salvo Baio) Siracusa, 30 novembr Rating: 0
You Are Here: Home » Articoli in evidenza » Siracusa – Inciucio tra l’amministrazione e il gestore della cittadella dello sport è quanto afferma carte alla mano Salvo Baio dirigente del PD.

Siracusa – Inciucio tra l’amministrazione e il gestore della cittadella dello sport è quanto afferma carte alla mano Salvo Baio dirigente del PD.

Salvo Baio e un profilo della Cittadella dello Sport

Salvo Baio e un profilo della Cittadella dello Sport

 (*Salvo Baio) Siracusa, 30 novembre 2017 – Le tariffe pagate al gestore  degli impianti sportivi della Cittadella sono il frutto di un inciucio amministrativo, dimostrabile attraverso la documentazione ufficiale inserita nel sito del Comune di Siracusa.

Nel gennaio del 2010, la giunta Visentin approva una delibera per stabilire le tariffe della Cittadella. Tariffe di cui  “tutte le società sportive denunciano l’eccessiva onerosità”, tanto che la stessa Giunta Visentin  con successiva  delibera del febbraio 2012 le modifica, riducendole notevolmente.  Da allora il sistema tariffario resta invariato fino al quattro agosto 2017, quando la Giunta Garozzo, che in materia di impianti sportivi ha collezionato una serie imbarazzante di flop, decide di modificarlo facendo lievitare smisuratamente le tariffe delle piscine, come ha puntualmente documentato  l’associazione sportiva di pallanuoto,  Sikelia.

Poteva la Giunta modificare le tariffe stabilite con la delibera del 2012 ?  Assolutamente no.    Glielo impediva tassativamente il bando di gara,   che all’articolo  sette del capitolato prestazionale non soltanto  dispone che “le tariffe non possono essere variate per i primi tre anni dalla concessione”, ma disciplina il sistema tariffario vincolandolo alla delibera del 2010 e a quella del 2012.  Peraltro,  visto che la delibera  n.23 del 2010  viene  sostituita dalla delibera  n.84 del 2012, solo quest’ultima  è quella a tutti gli effetti vigente e  infatti viene applicata ininterrottamente per oltre cinque anni.  Come mai il Comune,  viola senza esitazione le regole scritte  negli atti di gara?   Possibile che il sindaco e gli assessori si siano dimenticati del divieto previsto nel bando?  

Anche  la dottoressa Caligiore, dirigente amministrativa del settore Sport del Comune,  si è dimenticata del divieto?  Difficile da credere,  visto che il bando di gara e l’allegato capitolato prestazionale li ha confezionati  lei.  La dottoressa Caligiore dovrebbe  inoltre  sapere che le disposizioni previste nel bando, che è lex specialis,   non possono essere modificate con atti amministrativi di rango inferiore qual è una delibera di giunta.

C’è di più.  Dopo la pubblicazione del bando,  la dottoressa Caligiore riceve una raffica di quesiti, tra cui il quesito n.6  col quale le viene chiesto un parere   proprio sul sistema tariffario da applicare.  “Posto che la delibera 84/2012- è scritto nel quesito- aveva carattere  temporaneo e che tale temporaneità è da tempo scaduta… le tariffe da ritenere vigenti sono quelle della delibera 23/2010…”  La società che pone il quesito  si dà la risposta e, sapendo che da lì a poco diventerà concessionaria della Cittadella,     indica  la propria preferenza per la  delibera del 2010, che, come abbiamo detto, è quella più onerosa per le società sportive e, ovviamente, più vantaggiosa  per il gestore.

La dottoressa Caligiore  il tre gennaio 2017 riscontra il quesito : “Le tariffe previste dalla delibera di giunta 84/2012 -scrive-  sono attuali in quanto confermate dalla delibera di Giunta di indirizzo e di avvio della procedura in corso”.  Risposta giusta e rispettosa del procedimento.  Poi però aggiunge  che: ”  Una proposta migliorativa potrà essere presentata, valutata e fatta propria dalla Giunta.”  Con questa affermazione, apparentemente innocua, viene  aperto un varco per aggirare il bando e voilà   spunta  la nuova proposta.  Essa è   nettamente peggiorativa rispetto a quella del 2012 in quanto gonfia notevolmente le tariffe vigenti e pertanto dovrebbe essere ignorata, ma nessuno ci fa caso, né la dirigente comunale che predispone gli atti, né la Giunta che ad occhi chiusi li fa propri.  La trattazione della delibera dura appena cinque minuti, dalle 12,00 alle 12,05, neanche il tempo di leggerla.  Strana politica sportiva quella del Comune di Siracusa che, con una generosità (verso il gestore) degna di migliore causa, aumenta notevolmente, e illegittimamente,  le tariffe a carico  delle associazioni sportive e dunque rendendo molto più costosa la pratica sportiva. Strano  è pure il silenzio dei consiglieri comunali, silenzio vergognoso  perché penalizza il valore sociale dello sport. Neanche i 5Stelle  hanno fin qui  battuto un colpo.

La dottoressa Caligiore doveva  sapere che una nuova delibera per rideterminare al rialzo  le tariffe non poteva essere adottata sia  perché, come detto,  il sistema tariffario era già   codificato dal bando di gara  e sia perché quella del quattro agosto tutto era tranne che  migliorativa. Per di più non c’è in delibera una sola parola di motivazione  per giustificare l’approvazione delle nuove tariffe. Una cosa incredibile per chi ha un minimo di dimestichezza con l’attività amministrativa di una pubblica amministrazione

Perché ciononostante  funzionari amministrativi e amministratori   tirano  dritto, incuranti di ogni vincolo e di ogni divieto?   La carte descrivono fatti, non intenzioni. E’ tutto molto strano, ma chi conosce la storia della gara per la concessione della Cittadella sa che non è l’unica stranezza.

*Dirigente provinciale del PD

 

 

 

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 15610

Leave a Comment


uno + = 8

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top