Siracusa – In 4 rapinano tabaccaio di Belvedere ma i carabinieri li arrestano; L’Arma incontra gloi studenti del Rizza su bullismo e stalking Reviewed by Momizat on .            BELVEDERE - RAPINANO UN TABACCAIO ARMATI DI PISTOLA: IN 4 ARRESTATI DAI CARABINIERI.  [caption id="attachment_91883" align="alignleft" width="300"] C            BELVEDERE - RAPINANO UN TABACCAIO ARMATI DI PISTOLA: IN 4 ARRESTATI DAI CARABINIERI.  [caption id="attachment_91883" align="alignleft" width="300"] C Rating: 0
You Are Here: Home » Cronaca » Siracusa – In 4 rapinano tabaccaio di Belvedere ma i carabinieri li arrestano; L’Arma incontra gloi studenti del Rizza su bullismo e stalking

Siracusa – In 4 rapinano tabaccaio di Belvedere ma i carabinieri li arrestano; L’Arma incontra gloi studenti del Rizza su bullismo e stalking

           BELVEDERE – RAPINANO UN TABACCAIO ARMATI DI PISTOLA: IN 4 ARRESTATI DAI CARABINIERI. 

Caracciolo, Italia denise, Melino, Puglisi

Caracciolo, Italia Denise, Melino, Puglisi

La pistola della rapina

La pistola a salve della rapina

Siracusa, 22 maggio 2018 – Nella serata di ieri, un’operazione congiunta dei Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Siracusa, della Stazione di Belvedere e della Tenenza di Floridia, ha consentito di assicurare alla giustizia i 4 responsabili di una rapina a mano armata avvenuta poco prima ai danni di un tabaccaio di Belvedere.

Nel tardo pomeriggio di ieri infatti, poco prima dell’orario di chiusura, 4 giovani dopo aver fatto un rapido sopralluogo nell’esercizio commerciale che intendevano colpire, sono entrati a volto coperto e impugnando una pistola hanno minacciato di morte il titolare in caso non gli avesse consegnato tutto l’incasso giornaliero.

Assicuratisi rapidamente il bottino, ancora in corso di quantificazione e ammontante probabilmente a qualche migliaio di euro, i quattro rapinatori si sono dati repentinamente alla fuga facendo perdere le loro tracce. A questo punto sono intervenuti i Carabinieri della Stazione di Belvedere che hanno effettuato i primi rilievi e acquisito le immagini di videosorveglianza e le testimonianze di chi era riuscito a vedere i rapinatori in fuga. Grazie ad un rapido coordinamento info-investigativo i Carabinieri della Tenenza di Floridia e del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno riconosciuto 2 dei 4 rapinatori e hanno dato immediato avvio alle ricerche che hanno consentito di procedere all’arresto dei 4 rapinatori.

A seguito di accurate perquisizioni personali e domiciliari è stato possibile anche recuperare l’arma utilizzata per commettere il reato, risultata essere una pistola a salve, priva di tappo rosso, fedele riproduzione della pistola beretta mod. 92.

I soggetti arrestati si identificano in Mario Melino, disoccupato di 36 anni, Denise Italia, disoccupata di 22 anni, Danilo Caracciolo, operaio edile di 21 anni, e Sebastiano Puglisi, operaio edile di 22 anni, tutti floridiani con precedenti di polizia. Accompagnati presso i locali della Tenenza di Floridia per le incombenze di rito, i 4 arrestati sono stati infine sottoposti agli arresti domiciliari in attesa di rito direttissimo.        

I CARABINIERI INCONTRANO GLI STUDENTI DELL’ISTITUTO SUPERIORE RIZZA. 

Incontro al Rizza

Incontro al Rizza

Siracusa, 22 maggio 2018 - Nella mattinata di oggi alcune classi dell’Istituto Superiore Rizza di Siracusa hanno incontrato i Carabinieri del Comando Compagnia di Siracusa per trattare le delicate tematiche del bullismo e dello stalking fra i giovani. L’incontro di oggi rientra nel più ampio progetto di cultura della legalità promosso dal Comando Provinciale Carabinieri di Siracusa in collaborazione con gli Istituti Scolastici della Provincia che ha consentito di incontrare numerosi studenti degli Istituti Superiori e delle Scuole Secondarie di primo grado della provincia. 

Fra gli argomenti trattati è stata posta l’evidenza sulle conseguenze giuridiche derivanti dagli episodi di bullismo e stalking e sugli strumenti che il legislatore ha messo a disposizione delle vittime di violenza per difendersi, come il numero 1522 e la rete dei centri antiviolenza presenti sul territorio della Provincia che in caso di necessità possono dare supporto ed anche ospitare le vittime. I Carabinieri hanno anche spiegato agli studenti i profili di responsabilità penale e civile in cui possono incorrere i minori con la commissione di atti di bullismo e stalking.

Ulteriori incontri con le scuole sono previsti nei prossimi giorni con la finalità di diffondere il più possibile la cultura della legalità fra i giovani.

 

 

 

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 16804

Leave a Comment


− uno = 6

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl


Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top