Siracusa -Il Prefetto chiama (ad Augusta) la popolazione da consultare sul piano di emergenza per la zona industriale. Reviewed by Momizat on . [caption id="attachment_91748" align="alignleft" width="300"] Una delle industrie del siracusano[/caption] PIANO DI EMERGENZA ESTERNA DELL’AREA DEL POLO PETROLC [caption id="attachment_91748" align="alignleft" width="300"] Una delle industrie del siracusano[/caption] PIANO DI EMERGENZA ESTERNA DELL’AREA DEL POLO PETROLC Rating: 0
You Are Here: Home » Ambiente » Siracusa -Il Prefetto chiama (ad Augusta) la popolazione da consultare sul piano di emergenza per la zona industriale.

Siracusa -Il Prefetto chiama (ad Augusta) la popolazione da consultare sul piano di emergenza per la zona industriale.

Una delle industrie del siracusano

Una delle industrie del siracusano

PIANO DI EMERGENZA ESTERNA DELL’AREA DEL POLO PETROLCHIMICO IL PREFETTO INDICE UNA ASSEMBLEA PUBBLICA PER LA CONSULTAZIONE DELLA POPOLAZIONE

    (CS)Siracusa, 16 maggio 2018 –  Il Prefetto Castaldo ha fissato alle ore 18  di martedì 22 maggio prossimo, presso il Municipio di Augusta, una assemblea pubblica nella quale saranno illustrati i principali aspetti del Piano di emergenza esterna (PEE) dell’area del Polo Petrolchimico, in corso di aggiornamento.  La procedura di revisione e aggiornamento della pianificazione prevede infatti lo svolgimento – prima dell’approvazione definitiva – di una fase di consultazione della popolazione. Tale fase era stata avviata lo scorso 23 marzo, con la diffusione della notizia che, come previsto dal D.M. 29 settembre 2016 n.200, sul sito istituzionale della Prefettura,  http://www.prefettura.it/siracusa/contenuti/Piani_di_emergenza_esterna-6920659.htm) erano state pubblicate alcune categorie di informazioni riguardanti, in particolare:

a) la descrizione e le caratteristiche dell’area interessata dalla pianificazione o dalla sperimentazione;

b) la natura dei rischi;

c) le azioni possibili o previste per la mitigazione e la riduzione degli effetti e delle conseguenze di un incidente;

d) le autorità pubbliche coinvolte;

e) le fasi e il relativo cronoprogramma della pianificazione o della sperimentazione;

f) le azioni previste dal piano di emergenza esterna concernenti il sistema degli allarmi in emergenza e le relative misure di autoprotezione da adottare.

L’incontro di martedì prossimo, dunque, rappresenta il momento conclusivo della rilevante fase che prevede il coinvolgimento diretto della popolazione interessata dal Piano di emergenza, chiamata a partecipare al procedimento di perfezionamento della pianificazione.

 

 

 

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 16561

Leave a Comment


3 + sette =

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top