Siracusa – Il Pd vuole aprire un dibattito sulla sconfitta e sulle future amministrative. Garozzo prepara liste ancora sconosciute. E spunta la candidatura Italia. Reviewed by Momizat on . [caption id="attachment_89835" align="alignleft" width="300"] Alessio Lo Giudice, Marco Monterosso e Francesco Italia[/caption]   (Greg.Val.) Siracusa 12 marzo [caption id="attachment_89835" align="alignleft" width="300"] Alessio Lo Giudice, Marco Monterosso e Francesco Italia[/caption]   (Greg.Val.) Siracusa 12 marzo Rating: 0
You Are Here: Home » Politica » Siracusa – Il Pd vuole aprire un dibattito sulla sconfitta e sulle future amministrative. Garozzo prepara liste ancora sconosciute. E spunta la candidatura Italia.

Siracusa – Il Pd vuole aprire un dibattito sulla sconfitta e sulle future amministrative. Garozzo prepara liste ancora sconosciute. E spunta la candidatura Italia.

Alessio Lo Giudice, Marco Monterosso e Francesco Italia

Alessio Lo Giudice, Marco Monterosso e Francesco Italia

  (Greg.Val.) Siracusa 12 marzo 2018 -  Nel Pd siracusano si comincia a parlare di cose serie e condivisibili. Le segreterie (provinciale e cittadina) con un comunicato congiunto si propone di aprire immediatamente  ” una seria riflessione sulle ragioni della sconfitta alle elezioni nazionali dello scorso 4 marzo e per avviare un ampio dibattito in vista delle imminenti elezioni amministrative.” Ormai le segreterie del PD non nascondono che nel partiti c’è confusione e non si comprende chi è nel partito e chi fingendo di essere nel partito lo lavora ai fianchi per atterrarlo completamente. Una cosa che risulta incomprensibile ai dirigenti del PD è la figura del sindaco di Siracusa Garozzo, che non manca di lanciare strali verso chi abita nel PD come  si trattasse di avversari se non addirittura nemici. Incomprensibile a molti è il fatto che Garozzo stia preparando delle liste elettorali, da presentare alle prossime amministrative del 10 giugno,  senza considerare che lui stesso in qualità di ” dirigente nazionale ” rappresenterebbe ( almeno teoricamente ) gli interessi del PD. Ora che il “protettore” del sindaco Garozzo  non è più il segretario nazionale  e viene contestato in ogni sede, l’interessato – una volta renziano della prima ora –   dovrebbe far sapere cosa pensa degli ultimi accadimenti e del futuro che ha tracciato per se e i suoi seguaci. Insomma, invece delle conferenze stampa per celebrare sconfitte giudiziarie di suoi nemici, farebbe bene (almeno una volta) a convocare una conferenza  per parlare di politica e spiegare cosa intende fare da oggi fino a giugno. In questi giorni nei corridoi della politica siracusana si parla di nuove proposte provenienti dal Vermexio, in grado di sostituire la candidatura di Garozzo che a molti appare perdente. Si discute, tra i cosiddetti renziani della prima ora e alleati, vecchi e nuovi, di candidare che suonano come novità del giorno: il vicesindaco Francesco Italia al posto del sindaco. E se fosse vera la notizia  sarebbe una vera novità dal significato politico rilevante. Un fatto che andrebbe comunicato senza sotterfugi strategici. Non si tratterebbe, infatti, di candidature provenienti dalla Città, ma di personaggi che hanno determinato gli ultimi 5 anni  dei siracusani.            

Dichiarazione congiunta del segr. cittadino e del segr. provinciale, del PD in merito alle prossime elezioni amministrative a Siracusa.

(*CS) Siracusa 12 marzo 2018 – Il Partito Democratico convocherà a breve i suoi dirigenti per avviare una seria riflessione sulle ragioni della sconfitta alle elezioni nazionali dello scorso 4 marzo e per avviare un ampio dibattito in vista delle imminenti elezioni amministrative. Riteniamo infatti che la consapevolezza derivante dalla sconfitta elettorale, da molti imputata anche alla sottovalutazione delle richieste provenienti dalla base del partito e dagli organismi territoriali, dovrebbe indurre a ricercare assieme una risposta corale al disagio dell’elettorato non più disposto ad assecondare certi schemi. Recenti dichiarazioni e indiscrezioni hanno ingenerato non poca confusione tra molti iscritti ed elettori del Partito Democratico L’ipotesi di un progetto civico per riportare il ragionamento sui bisogni primari dei cittadini in termini di servizi appare certamente condivisibile, cosi come va presa seriamente in considerazione una candidatura condivisa dal PD e da altre liste della coalizione di centrosinistra. Tuttavia seppur disponibile a ragionare su questi ed altri punti, il Partito Democratico di Siracusa non può e non deve lasciarsi trascinare da logiche che verrebbero percepite dall’elettorato solo in chiave di conquista di posizioni di potere, senza alcuna progettualità su precisi punti programmatici. Il ragionare solo sui nomi o sulle tattiche di mimetizzazione dei partiti dentro liste civiche, prima ancora di aver avviato un serio dibattito all’interno del partito coinvolgendo la cittadinanza, evidenzia proprio una sottovalutazione del messaggio uscito fuori dalle urne ed una fuga in avanti rispetto a proposte ancora tutte da valutare.

* Marco Monterosso e  Alessio Lo Giudice – Segr. Citadino PD Siracusa e Segr. Prov. PD Siracusa

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 16806

Leave a Comment


2 − = zero

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top