Siracusa – Il PD provinciale e regionale vuole chiarezza sul recente terremoto giudiziario aretuseo. L’opinione. Reviewed by Momizat on . [caption id="attachment_88745" align="alignleft" width="300"] Il segretario provinciale PD Alessio Lo Giudice e il segretario regionale Fausto Raciti si occupan [caption id="attachment_88745" align="alignleft" width="300"] Il segretario provinciale PD Alessio Lo Giudice e il segretario regionale Fausto Raciti si occupan Rating: 0
You Are Here: Home » Politica1 » Siracusa – Il PD provinciale e regionale vuole chiarezza sul recente terremoto giudiziario aretuseo. L’opinione.

Siracusa – Il PD provinciale e regionale vuole chiarezza sul recente terremoto giudiziario aretuseo. L’opinione.

Il segretario provinciale PD Alessio Lo Giudice e il segretario regionale Fausto Raciti

Il segretario provinciale PD Alessio Lo Giudice e il segretario regionale Fausto Raciti si occupano delle anomalie giudiziare

  (Gregorio Valvo) Siracusa, 7 febbraio 2018 -  Il Pd siracusano si appoggia al segretario  regionale per  emettere un comunicato sul terremoto giudiziario che ha coinvolto  una sorta di consorteria di professionisti discussi in città  che avrebbe avuto come finalità l’aggiustamento di procedimenti diretti a creare vantaggi economici rilevanti. Il comune  di Siracusa sarebbe stato coinvolto e danneggiato economicamente dai personaggi di cui la cronaca si occupa in questi giorni, quindi, la segreteria provinciale del Pd   scende in campo per chiedere conto e ragione su quanto è accaduto a danno della cosa pubblica aretusea. Giusto per non dare ragione al sindaco Garozzo  che ha annotato il silenzio della politica sugli accadimenti di oggi. La firma in fondo al comunicato del segretario regionale Fausto Raciti,  dovrebbe essere interpretata come il rafforzamento di avvenute richieste  di indagare ( purtroppo ancora una volta) su come viene esercitata la giustizia a Siracusa. Nel corso degli anni  sono state rilevate anomalie  che non hanno certo giovato al buon nome della dea bendata aretusea. La sfiducia dei siracusani ancora una volta – purtroppo – cresce verso …tutto e tutti, non facendo distinguo tra buoni  e cattivi. Ancora una brutta pagina della storia siracusana che in effetti passa senza molti interventi della politica locale, lasciando a pochi del PD il tentativo parziale di aprire un dibattito serio del territorio sul modo di amministrare la Giustizia. Oggi, però dovrebbe essere avvertita (anche nel PD) l’esigenza di non sparare nel mucchio  (e specialmente sul pianista di turno) dove ci sono tante realtà da apprezzare che svolgono il compito istituzionale  in maniera onesta e scrupolosa. Oggi sarebbe facile, ma anche poco corretto moralmente,  come Plinio il Vecchio suggeriva “cum grano salis” nell’assumere  l’antidoto a granelli.  Insomma, si discuta sulla gravità del caso  ma con un po’ di buon senso e senza  voglia di rivalsa o peggio ancora di vendetta. Non resta che ricordare che in passato le ispezioni ministeriali nel palazzo di Giustizia hanno avuto l’effetto dei pannicelli caldi destinati a raffreddarsi.  

COMUNICATO DELLA  SEGRETERIA PROVINCIALE E QUELLA  REGIONALE DEL PD     

(*CS)Siracusa, 7 febbraio 2018 – Il quadro che emerge dal lavoro degli organismi inquirenti di Roma e Messina è inquietante. Nonostante sia necessario attendere l’esito dei procedimenti penali in corso, la portata delle accuse mosse sui metodi adottati dai soggetti coinvolti desta non solo preoccupazione ma anche rabbia in tutti noi per l’asservimento, che pare emergere con tutta evidenza, delle funzioni e dei ruoli istituzionali a interessi particolari, contro i supremi interessi delle nostre comunità. Se dovesse essere accertato, ad esempio, che il sistema descritto dagli inquirenti ha avuto la capacità di condizionare pronunce giudiziarie che hanno pregiudicato il Comune di Siracusa e i beni paesaggistici e ambientali del nostro territorio, saremmo di fronte a un gravissimo attacco alla nostra vita istituzionale e democratica.

         Pochi mesi fa abbiamo, non a caso, sostenuto e difeso pubblicamente la richiesta dell’On.le Amoddio di un’ispezione ministeriale volta a chiarire la situazione dell’istituzione giudiziaria siracusana. È questo il ruolo che dovrebbe assolvere la politica in casi come questo: nel pieno rispetto del principio della separazione dei poteri, a tutela dei cittadini e delle istituzioni stesse, essere vigili al fine di garantire il corretto svolgimento dell’attività giudiziaria. Per altro verso, siamo convinti di aver fatto bene a tenere sempre ferma la distinzione tra i giudizi politici e valutazioni di altro tipo che, invece, non competono alle forze politiche. Al di là degli esiti giudiziari della vicenda, è sicuramente un fatto positivo che le autorità competenti, attraverso le indagini compiute e i provvedimenti adottati, abbiano agito con vigore a tutela anche delle istituzioni che incarnano e consentendo a tutti noi di rinnovare la fiducia nell’attività della magistratura.     

 *Fausto Raciti  Segretario Regionale PD Sicilia -  Alessio Lo Giudice Segretario Provinciale PD Siracusa

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 16707

Leave a Comment


5 × sei =

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top