Siracusa – Il Ministro Orlando in città per ricercare consensi per le Primarie del PD e per confrontarsi con i sindacati sul tema dello sviluppo. Reviewed by Momizat on . [caption id="attachment_77169" align="alignleft" width="300"] Il Ministro Orlando si confronta con i segretari provinciali di Cgil, Cisl e Uil[/caption] [captio [caption id="attachment_77169" align="alignleft" width="300"] Il Ministro Orlando si confronta con i segretari provinciali di Cgil, Cisl e Uil[/caption] [captio Rating: 0
You Are Here: Home » Politica1 » Siracusa – Il Ministro Orlando in città per ricercare consensi per le Primarie del PD e per confrontarsi con i sindacati sul tema dello sviluppo.

Siracusa – Il Ministro Orlando in città per ricercare consensi per le Primarie del PD e per confrontarsi con i sindacati sul tema dello sviluppo.

Il Ministro Orlando si confronta con i segretari provinciali di Cgil, Cisl e Uil

Il Ministro Orlando si confronta con i segretari provinciali di Cgil, Cisl e Uil

La sala che ha ascoltato  il confronto sullo sviluppo e sull'occupazione

La sala che ha ascoltato il confronto sullo sviluppo e sull’occupazione

 

(GV)Siracusa, 11 aprile 2017 - Il Ministro della Giustizia Andrea Orlando  in visita a Siracusa, solo ed esclusivamente per parlare del PD  che sarà, o potrebbe essere, con un Matteo Renzi più riflessivo e meno baldanzoso. Ai giornalisti che lo hanno accolto nella speranza di ottenere qualche dichiarazione  sui veleni che si sprecano al palazzo di giustizia nella lotta tra magistrati. Il ministro ha subito chiarito che si sarebbe astenuto da qualsiasi  intervento sulla vicenda, creando la naturale delusione del mondo dell’informazione locale. Ovviamente, al centro dell’incontro con la stampa  Orlando, con accanto il suo sponsor, l’assessore regione Bruno Marziano, ha ribadito tutti i concetti che lo vedono in competizione per assumere la guida nazionale del PD. Non  ha nascosto di “credere di poter vincere” perchè un cosa sono le tessere  altra cosa sono le persone che potranno votare alle primarie che non gradiscono i metodi e i modi  usati da Matteo Renzi. Dopo i giornalisti, secondo il programma, il ministro Orlando si è confrontato con i massimo rappresentati dei sindacati Cgil, Cisl e Uil sui temi dello sviluppo e del lavoro.  Una giornata difficile per ottenere rilevante partecipazione di pubblico: vuoi per l’orario scomodo della tarda mattinata, vuoi perché in un normale orario di lavoro che impedisce di norma la partecipazione a chiunque. Ma, l’organizzazione non ha sfigurato.  Di seguito il parere espresso dai sindacati al termine dell’incontro.   

IL COMUNICATO DI CGIL, CISL, UIL.

 

La solita accoglienza esterna dei giornalisti prima della conferenza stampa

La solita accoglienza (all’arrivo in corso Gelone del Ministro) dei giornalisti prima della conferenza stampa

(CS)Siracusa, 11 aprile 2017 – Cgil, Cisl e Uil hanno incontrato questa mattina il ministro della Giustizia Andrea Orlando in visita in città. I segretari provinciali di Cgil e Uil, Roberto Alosi e  Stefano Munafò, con il componente di segreteria della Cisl siracusana, Antonio Bruno (in rappresentanza del segretario generale Paolo Sanzaro, trattenuto da altro precedente impegno) hanno consegnato un documento in cui vengono sottolineate diverse priorità fra sviluppo del territorio, salvaguardia dei posti di lavoro, sicurezza e salute.

“Abbiamo voluto sottoporre all’attenzione del ministro Orlando – hanno dichiarato i tre segretari di Cgil, Cisl e Uil – la situazione drammatica in cui si trovano i lavoratori e le imprese di questo territorio, nonostante le notevoli opportunità, che avrebbero potuto dettare le condizioni e potrebbero farlo ancora oggi, per uscire dalla crisi, o attutirla, prima e meglio di altri”.

In primis, la questione industriale: “Il 21 Dicembre 2005 fu sottoscritto l’accordo di programma per la chimica, un accordo che puntava alla qualificazione e alla reindustrializzazione del Polo Petrolchimico di Priolo; così come quello riguardante gli interventi di riqualificazione ambientali funzionali alla reindustrializzazione e infrastrutturazione delle aree comprese nel Sito di Interesse Nazionale di Priolo. Porta la data del 2008 il piano di risanamento ambientale, un progetto approvato e finanziato per oltre 800 milioni tra pubblico e privato, con una prima tranche di 110 milioni dichiarata erogabile e in realtà rimasta sepolta non si sa dove.  A tal proposito il ministro Orlando ha detto di essersene occupato nel breve periodo in cui lui è stato ministro per l’Ambiente.

Alosi, Munafò e Bruno hanno messo in evidenza le sofferenze più acute del territorio: tra queste c’è la posizione singolare dell’ex Provincia Regionale, i cui dipendenti sono senza stipendio, e che non rende più alla comunità i servizi – dalla manutenzione delle strade extraurbane a quella delle scuole, giusto per portare un esempio – che erano di sua competenza. <<Tutto ciò è espressione chiara di quanto e come lo Stato sia arretrato su competenze che avrebbe dovuto avere su questo territorio>>.

Focus anche sul tema delle infrastrutture, del tutto inadeguate rispetto alle esigenze e potenzialità della provincia. <<Abbiamo parlato della Ragusana, i cui lavori potrebbero dare occupazione a centinaia di lavoratori; abbiamo chiesto una data certa dell’apertura dei cantieri>>. I tre sindacalisti hanno puntato i riflettori sulla pesantissima disoccupazione, in costante crescita, e che inevitabilmente comporta rischi sulla tenuta sociale. Tra le opere  infrastrutturali bloccate, sono state indicate il raddoppio della statale Catania-Ragusa e il prolungamento della Siracusa-Gela .

Attenzione puntata anche sulla vicenda dell’Autorità portuale: <<Abbiamo precisato che si tratterebbe dell’ennesimo scippo che questa provincia rischia di subire immotivatamente, a maggior ragione visti i requisiti che vanta il porto di Augusta, che di certo non ha quello di Catania>>.

Il ministro Orlando, dal suo canto, si è dichiarato disponibile a  rappresentare agli altri ministri le istanze avanzate da Cgil, Cisl e Uil con cui oltretutto, ha affermato di voler intraprendere un rapporto  costante di confronto, non solo a livello romano, ma anche locale. Al termine Alosi, Munafò e Bruno hanno consegnato al ministro un dossier sulle criticità della provincia e sugli stanziamenti mai erogati.

*CGIL CISL UIL

 

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 15610

Leave a Comment


sette × 7 =

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top