Siracusa – Il giornalista Borrometi doveva essere ucciso dal clan Cappello (CT) per imput del boss siracusano Salvatore Giuliano. Reviewed by Momizat on .   [caption id="attachment_90759" align="alignleft" width="300"] Da sinistra Giuseppe Patti dei Verdi e il Giornalista paolo Borrometi[/caption]  (LN7)Siracusa,   [caption id="attachment_90759" align="alignleft" width="300"] Da sinistra Giuseppe Patti dei Verdi e il Giornalista paolo Borrometi[/caption]  (LN7)Siracusa, Rating: 0
You Are Here: Home » EDITORIALE » Siracusa – Il giornalista Borrometi doveva essere ucciso dal clan Cappello (CT) per imput del boss siracusano Salvatore Giuliano.

Siracusa – Il giornalista Borrometi doveva essere ucciso dal clan Cappello (CT) per imput del boss siracusano Salvatore Giuliano.

 

Da sinistra Giuseppe Patti dei Verdi e il Giornalista paolo Borrometi

Da sinistra Giuseppe Patti dei Verdi e il Giornalista paolo Borrometi

 (LN7)Siracusa, 10 aprile 2018Ancora una volta un giornalista nel mirino di mafiosi. Ancora una volta sono state sco0perte  le intenzioni  di eliminare il giornalista scomodo Paolo Borrometi. Contro il giornalista doveva agire il clan catanese dei Cappello, chiamato ad intervenire  su richiesta del boss siracusano Salvatore Giuliano. Il clan mafioso etneo, a quanto scrive il giudice “stava per organizzare un’eclatante azione omicidiaria per eliminare  ” Paolo Borrometi (direttore del sito la spia.it), per le sue inchieste sul territorio”. A rendere noto quanto è stato accertato da indagini e intercettazioni  è stato il Gip Giuliana Sammartino, che ha riportato i fatti all’interno  dell’ordinanza che ha portato all’arresto di quattro persone (vedi in pagina Cronaca di oggi  ndr) per un attentato dinamitardo messo a segno contro la vettura dell’avvocato Adriana Quattropani, che operava in qualità di curatore fallimentare tentando di porre i sigilli ad una stazione di servizio nel comune di Pachino. Inutile ricordare che il  Borrometi è stato più volte bersaglio di minacce e intimidazioni mafiose, tanto da essere sottoposto tutt’ora a uno stretto servizio di scorta da parte delle Autorità di Polizia. Ancora una volta si è levata la solidarietà per il giornalista a rischio, sia da parte dei colleghi sia della società civile in genere.

MAFIA – PATTI (VERDI): SOLIDARIETA’ ALL’AMICO GIORNALISTA BORROMETI MINACCIATO

(CS) Siracusa, 10 aprile 2018  – “A nome mio personale e di tutta la Federazione Nazionale dei Verdi Italiani esprimo l’incondizionata stima e la più affettuosa solidarietà a Paolo Borrometi, un giornalista dalla “schiena dritta” preso di mira con minacce mafiose e con ‘un’eclatante azione omicidiaria per eliminare lo scomodo giornalista’ da parte del clan catanese dei Capello. Plaudiamo all’importante attività investigativa che ha portato all’arresto di quattro mafiosi che volevano attentare alla vita di una delle voci più libere del panorama giornalistico siciliano.”

*Giuseppe Patti Responsabile per la Legalità dei Verdi.

Solidarietà del Sindaco Bruno al giornalista Borrometi minacciato a morte

(CS)Pachino 10 aprile 2018 – «Le minacce di morte nei confronti di Borrometi sono inumane. Al giornalista esprimo tutta la mia solidarietà, dell’amministrazione comunale e di tutta la città». A dichiararlo è il sindaco Roberto Bruno, che ha manifestato vicinanza al direttore del giornale online “La Spia” e collaboratore dell’Agenzia Agi, vittima di gravi minacce fatte da un gruppo malavitoso.  

«Solidarietà e vicinanza – ha dichiarato il sindaco – al giornalista Borrometi, dal punto di vita umano e anche da quello professionale, affinché possa continuare la battaglia contro le mafie e la criminalità. Intendo, inoltre, esprimere un sentito ringraziamento alle forze dell’ordine che con la loro costante presenza sul territorio riescono a prevenire e reprimere la corruzione e l’illegalità, restando sempre al fianco dei cittadini. Anche per questo giovedì 12 aprile è importante manifestare per la legalità e partecipare alla marcia “Pachino per la legalità”. Rivolgo pertanto il massimo appello alla partecipazione di tutta la cittadinanza: istituzioni, imprese, commercianti, sindacati, scuole, parrocchie, associazioni».


Ufficio Stampa e Comunicazione

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 16707

Leave a Comment


nove × 7 =

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top