Siracusa – Il comune di Canicattini Bagni continua a offrire immagine da peracottaro affiggendo manifesti abusivi in mezza provincia. Reviewed by Momizat on . [caption id="attachment_82076" align="alignleft" width="300"] Marcello Lo Iacono, presidente associazione Plemmirio Blu[/caption]   (Gregorio Valvo)Siracusa, 4 [caption id="attachment_82076" align="alignleft" width="300"] Marcello Lo Iacono, presidente associazione Plemmirio Blu[/caption]   (Gregorio Valvo)Siracusa, 4 Rating: 0
You Are Here: Home » Politica » Siracusa – Il comune di Canicattini Bagni continua a offrire immagine da peracottaro affiggendo manifesti abusivi in mezza provincia.

Siracusa – Il comune di Canicattini Bagni continua a offrire immagine da peracottaro affiggendo manifesti abusivi in mezza provincia.

Marcello Lo Iacono, presidente associazione Plemmirio Blu

Marcello Lo Iacono, presidente associazione Plemmirio Blu

  (Gregorio Valvo)Siracusa, 4 agosto 2017 -  Qualcuno si è accorto che il comune di Canicattini Bagni attua una filosofia strettamente personalizzata quando necessita di fare  pubblicità a propri eventi. Di solito nessuno si rende conto che c’è qualcosa che non va, ma, proprio su questo particolare che al Comune giocano la partita  che consiste nell’ inondare i centri della provincia  di manifesti  di ogni dimensione – gran parte all’interno delle mura urbiche - inneggianti all’ultima, manifestazione, sagra, o fiera. Fino ad ora è sempre andata bene per il risparmio che a Canicattini sono riusciti a realizzare  senza pagare le tasse sulla pubblicità. Da questo si ricava la ricchezza acquisita dall’amministrazione a guida Paolo Amenta. Nesuno è riuscito a cogliere sul fatto nessuno degli attacchini abusivi che operano come quel tale Batman nel buio della notte. Di mira solitamente viene presa la città capoluogo  che per la distanza contenuta  dalla citta di Amenta, secondo attacchini e mandanti , dovrebbe fornire il maggior numero di visitatori. L’ultimo richiamo  rilevato  da siracusani incavolati  sarebbe a favore degli spiedini di taglio culturale ( cosa non si fa in nome della cultura?) che  sarebbero diventati  da qualche settimana  appannaggio e specialità di Canicattini Bagni. A qualcuno non è andata giù la semina murale dei manifesti abusivi del comune montano perchè stavolta sarebbe stata presa di mira anche la zona balneare e l’area della riserva del Plemmiro. Chi ha avvertito la necessità di  presentare un reclamo contro il singolare abusivismo istituzionale è il presidente dell’associazione  Plemmirio Blu, Marcello Lo Iacono, che ha scritto altre che all’amministrazione responsabile dell’abuso anche all’amministrazione comunale di Siracusa e ai  suoi uffici responsabili dei controlli e delle eventuali multe da elevare. Inutile dire che un  comune che si comporta come quello dello della sagra dello spiedino non offre una buona immagine all’esterno, specialmente per la ridicola cifra evasa come imposta sulla pubblicità che li collega alla figura antica dei peracottari, mentre dovrebbe mostrare come opera la buona politica. Di seguito il testo della lettera firmata dal presidente dell’associazione Plemmirio Blu.         

LA LETTERA

        Al Sindaco del  Comune di  Canicattini Bagni

​    epc:  al Sindaco di Siracusa, all’assessorato Ambiente e al comando della Polizia Municipale

​    ​                                                                        cc:    alla IGM Rifiuti Group Siracusa

​  Siracusa 04.08.2017
Oggetto: Manifesti Selvaggi

Ritorna sul Territorio del Plemmirio e non solo, la maledizione che ogni anno il Comune di Canicattini si sforza di ricordarci: la Sagra dello Spiedino.

Ogni anno, puntuale, il Comune di Canicattini, tra l’altro conosciuto per   motivi culturalmente più elevati, ci da comunicazione di questo importante intrattenimento​: La sagra dello Spiedino.​ 

Il Comune di Canicattini   organizza  questa manifestazione che ha come obiettivo primario il ristoro dello spirito ma soprattutto il ristoro della pancia. E lo fa in un modo poco discreto.

Difatti tempesta il Territorio del Plemmirio e non solo,  con manifesti che pubblicizzano questa occasione di socializzazione nel nome dello storico spiedino del Comune Ibleo.

Lo fa ​però, ​ comportandosi come quei poveri attacchini abusivi che, in occasione delle competizioni elettorali, incollano manifesti a più non posso e nei posti più impensabili. E così, come ogni anno, ci siamo svegliati una mattina con manifesti dappertutto: attaccati nei nuovissimi contenitori della differenziata, sui pali dell’illuminazione, sui segnali stradali, sui cassonetti della indifferenziata, sulle bacheche degli esercizi commerciali, sui catarifrangenti delle rotatorie, sulle porte delle cabine elettriche e telefoniche, in ogni piccolo spazio che può essere violentato da questo incollaggio selvaggio.

Selvaggio come il comportamento del Comune di Canicattini, che l’anno scorso, sebbene avvisato del tappezzamento del nostro Territorio,  ha fatto orecchio da mercante.

Ma quest’anno, mentre il Plemmirio è oggetto di una pulizia straordinaria da parte dell’azienda che si occupa dei rifiuti, l’Associazione Plemmirio Blu e i residenti non possono tollerare questo stato di cose che ci fanno ripiombare in una

​s​ocietà senza regole, senza senso estetico e senza educazione sociale. Protestiamo energicamente con il Comune di Canicattini per la sconsiderata azione e lo invitiamo a fare  rimuovere con celerità questi manifesti palesemente abusivi .

Comunichiamo inoltre che  l’Associazione Plemmirio Blu nata per la tutela del territorio, porterà avanti tutte le azioni necessarie a tutela del decoro e dei residenti, cominciando a rendere pubblico questo esecrabile comportamento, inammissibile per una Pubblica Amministrazione.

Invitiamo le Autorità in indirizzo a prendere tutti i doverosi provvedimenti del caso, sia per rispetto del decoro cittadino, sia per questo aspetto di colonizzazione culinaria di cui il Plemmirio non ha proprio bisogno.

Cordialità.                                                                                                        ​

Associazione Plemmirio Blu​ Il Presidente Marcello Lo Iacono

 

 

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 15236

Comments (2)

  • La Redazione

    Lei non sa di cosa straparla. Cosa centra il candidato alle regionali di cui solo lei conosce la candidatura. In questi casi si deve solo chiedere scusa, magari al posto del candidato lo faccia lei!
    Il presidente.

  • Seby

    Egregio presidente , sono un cittadino di Canicattini Bagni e nel leggere il suo articolo ( puramente votato a denigrare un candidato regionale di un paesino che un altro figlio della vecchia politica) mi offendo perché se c’era da prendersela è con chi affligge manifesti sicuramente abusivi ( non autorizzati dal comune ) consistente in una o più persone che con una cittadinanza onesta e per bene. Le fila del vecchio modo di fare politica sono iniziate .

Leave a Comment


9 − = tre

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top