Siracusa – Guardia Costiera senza sosta contro la pesca di frodo di ricci: Rigettati in mare 1600 ricci. Sanzione da 12 euro per 2 pescatori notturni. Reviewed by Momizat on .                                                                                                                                                    CONTRASTO ALL                                                                                                                                                    CONTRASTO ALL Rating: 0
You Are Here: Home » SOCIETA' » Siracusa – Guardia Costiera senza sosta contro la pesca di frodo di ricci: Rigettati in mare 1600 ricci. Sanzione da 12 euro per 2 pescatori notturni.

Siracusa – Guardia Costiera senza sosta contro la pesca di frodo di ricci: Rigettati in mare 1600 ricci. Sanzione da 12 euro per 2 pescatori notturni.

                                                                                                                                                   CONTRASTO ALLA PESCA DI FRODO NOTTURNA 

I ricci sequestrati e le attrezzature di pesca

I ricci sequestrati e le attrezzature di pesca

(CS)Siracusa, 14 marzo 2018 – Nella tarda serata di ieri personale militare dipendente dalla Capitaneria di Porto di Siracusa, durante l’attività di controllo sul territorio nel compartimento di giurisdizione, precisamente nella zona di Calabernardo, individuava un’autovettura munita di carrello per trasporto di unità da diporto in una zona poco frequentata.  Insospettiti da questa circostanza, i militari operanti procedevano ad effettuare controlli in merito alle generalità del proprietario del veicolo, che risultava essere un soggetto abitualmente dedito ad attività di pesca illecita. A questo punto gli operatori  si appostavano in prossimità dell’area di sosta e alle ore 01:30 intercettavano due pescatori fare ritorno a bordo di un natante: gli stessi venivano fermati ed identificati. Sul natante utilizzato venivano rinvenuti circa 1600 esemplari di ricci e l’attrezzatura, non consentita, utilizzata per la loro cattura. Si procedeva al sequestro del pescato e degli strumenti di pesca, nonché all’elevazione a carico dei pescatori di tre processi verbali di constatazione e contestazione di illecito amministrativo per le seguenti violazioni: pesca subacquea in orario notturno, pesca subacquea sportiva con l’ausilio di autorespiratore e pesca di riccio di mare oltre il limite consentito, per un totale di euro 12.000. I ricci, ancora vivi, venivano  rigettati in mare. Si rammenta l’obbligo di attenersi a quanto previsto dalle normative nazionali e comunitarie vigenti in materia di pesca, anche sportiva, al fine di non incorrere in violazioni che prevedono sanzioni ancora più elevate a seguito delle recenti modifiche legislative intervenute.

           

 

 

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 16804

Leave a Comment


4 × = trenta due

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl


Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top