Siracusa – C’è ancora chi crede nella Befana e nel rito dei patti impossibili stipulati con politici. Reviewed by Momizat on . [caption id="attachment_86042" align="alignleft" width="300"] Cafeo, Romano e Stefano Zito[/caption]  (GV) Siracusa, 14 novembre 2017 -  In una città che si è v [caption id="attachment_86042" align="alignleft" width="300"] Cafeo, Romano e Stefano Zito[/caption]  (GV) Siracusa, 14 novembre 2017 -  In una città che si è v Rating: 0
You Are Here: Home » Articoli in evidenza » Siracusa – C’è ancora chi crede nella Befana e nel rito dei patti impossibili stipulati con politici.

Siracusa – C’è ancora chi crede nella Befana e nel rito dei patti impossibili stipulati con politici.

Cafeo, Romano e Stefano Zito

Cafeo, Romano e Stefano Zito

 (GV) Siracusa, 14 novembre 2017 -  In una città che si è vista sottrarre di tutto e viene relegata in fondo ad ogni  classifica del vivere civile, ogni tanto spunta qualcuno  che s’impone ingenuamente di avere fiducia cieca nelle promesse politiche  che sanno di messa cantata.  Afferma  il titolo di un comunicato di Confesercenti  ” Avvenuta la sottoscrizione del Patto tra il direttivo Confcommercio e i deputati presenti”. Non si capisce bene cosa sia stato sottoscritto  tra l’associazione dei commercianti e i deputati regionali  Giovanni Cafeo e Stefano Zito. Il primo  del PD e il secondo del M5S  dovrebbero accettare le segnalazioni  provenienti da  Alessandro Romano in merito a Trasporti, Accoglienza , Servizi, Formazione, Sanità privata. Nel comunicato si parla anche del recente trionfo del  centrodestra e del presidente della Regione Nello Musumeci, quindi, non si capisce come i due deputati sottoscrittori, appartenenti a partiti schierati all’opposizione convintamente, potrebbero essere funzionali ai progetti di Confcommercio. Se non c’è confusione e ritualità nell’organizzare tali incontri  e protocolli inutili  cos’altro potrebbe esserci.  Avevamo già scritto, nel corso della campagna elettorale di incontri di facciata e inconsistenti  tra associazioni e candidati alle elezioni regionali. Non si è mai scoperta l’utilità  del  rito che impongono ai candidati di ogni dove le organizzazioni sociali esistenti sul territorio. A parte la voglia di far apparire sui media  soggetti interessati,  e riceverne visibilità per l’organizzazione che organizza il rito, non si è mai saputo di un ritorno concreto scaturito da impegni  sottoscritti o assunti verbalmente Confesercenti  ci faccia sapere quando e cosa vedrà approvato grazie a Giovanni Cafeo e a Stefano Zito ( che è stato rieletto) che a Palermo andranno per fare opposizione al nuovo governo Musumeci. Insomma, se non ha potuto  fare nulla uno con la carica di assessore regionale perchè dovrebbero realizzare due semplici parlamentari eletti  come contraltare del governo?  I siciliani sognano da anni cose che mai avranno dalla politica, pertanto, è  difficile che da oggi le cose cambino sol perchè all’Ars è arrivato Giovanni Cafeo e Stefano Zito inizia la sua seconda stagione di deputato regionale.      

Sandro Romano – PATTO CON SIRACUSA: POSITIVA LA RISPOSTA DEI NEODEPUTATI REGIONALI PRESENTI   

Siracusa, 13 novembre 2017 – Si è tenuto stamane presso la sede di Confcommercio Siracusa, in via Laurana, l’incontro tra il Consiglio dell’associazione e la nuova rappresentanza regionale dalla provincia di Siracusa in forza all’ARS.

La presa di impegno è avvenuta e i deputati presenti, Giovanni Cafeo per il PD e Stefano Zito per il M5S, hanno sottoscritto il Patto con Siracusa, patto che vuole assicurare alla città la giusta destinazione di risorse e l’attuazione di un indirizzo politico che ne garantiscano la crescita su alcuni punti nodali per il benessere di qualsiasi comunità:

  • Trasporti e mobilità
  • Accoglienza e servizi
  • Fomazione e Bandi europei
  • Sanità privata

Dopo i saluti del presidente dell’associazione, Sandro Romano, la parola è passata al direttore Alfieri, che con entusiasmo ha delineato i punti programmatici sottostanti al Patto, insistendo sul punto Trasporti e mobilità, per cui non è necessario pensare a opere faraoniche, poichè basterebbe già potenziare, migliorare e completare le vie di trasporto già esistenti e assicurare una continuità territoriale all’Isola e ai suoi residenti. Su Accoglienza e servizi, la proposta di Confcommercio è quella di promuovere il nostro sistema culturale come un progetto integrato, che comporterebbe “portare nel mondo arance e Chiese, mandorla e vino, abbinamenti apparentemente bizzarri e inconciliabili ma che costituiscono l’essenza della nostra identità”. L’idea è quella di trattare tutto il nostro territorio alla stregua di un brand da promuovere, vera e propria leva di un marketing territoriale efficace.

Anche la Formazione può costituire un volano per la nostra economia, perché puntare sulle risorse umane sarà la scelta vincente per il nostro futuro. Sui Bandi Europei non mancherà la collaborazione di Confcommercio, alla luce delle ultime iniziative portate avanti, come la partecipazione al bando UIA o l’assistenza che, attraverso una rete di esperti professionisti di cui si avvale, offre alle proprie aziende associate, desiderose di innovarsi.

La richiesta di impegno è arrivata a pochi giorni dalla conclusione delle elezioni politiche siciliane che hanno visto trionfare alla presidenza l’On. Nello Musumeci, della coalizione di centro-destra. Il programma pensato dall’associazione di categoria più rappresentativa del territorio è frutto di un costante dialogo con le imprese, le cui istanze spesso disattese rimangono alla fine sempre le stesse e, se ascoltate e tradotte in azioni concrete, genererebbero un’utilità ben più ampia e a vantaggio della comunità intera.

I punti programmatici sono stati sottoposti all’attenzione di due dei 5 deputati neoeletti nella nostra provincia: Stefano Zito (M5S) e Giovanni Cafeo (PD), mentre gli altri sono stati impossibilitati a presenziare per impegni pregressi. Al termine dell’incontro ognuno dei neodeputati è stato chiamato a sottoscrivere un “Patto con Siracusa”, allo scopo di stabilire una modalità di lavoro comune e coordinata.

“Il lavoro più importante che siamo chiamati a fare, noi neoeletti, è quello di pressione verso il Governo Regionale affinchè il nostro territorio abbia la giusta rappresentanza a livello economico e politico”, è così intervenuto Stefano Zito.

“Auspico che a questo tavolo, che approvo nel merito e nel metodo, si uniscano nel prossimo futuro le altre associazioni, insieme ai miei colleghi deputati”, ha così chiosato Giovanni Cafeo, a conclusione dell’incontro.

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 15610

Leave a Comment


otto − 2 =

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top