Priolo: Arresto per droga. Siracusa: Ragazzini taccheggiatori in centri commerciali. Lentini: 4 arrestati in concorso per fatti di 10 anni prima. Carlentini: Arresto per evasione. Reviewed by Momizat on . PRIOLO GARGALLO (SR). CONTINUANO I CONTROLLI ANTIDROGA DEI CARABINIERI. UN ARRESTO A PRIOLO. [caption id="attachment_82295" align="alignright" width="300"] Sequ PRIOLO GARGALLO (SR). CONTINUANO I CONTROLLI ANTIDROGA DEI CARABINIERI. UN ARRESTO A PRIOLO. [caption id="attachment_82295" align="alignright" width="300"] Sequ Rating: 0
You Are Here: Home » Cronaca » Priolo: Arresto per droga. Siracusa: Ragazzini taccheggiatori in centri commerciali. Lentini: 4 arrestati in concorso per fatti di 10 anni prima. Carlentini: Arresto per evasione.

Priolo: Arresto per droga. Siracusa: Ragazzini taccheggiatori in centri commerciali. Lentini: 4 arrestati in concorso per fatti di 10 anni prima. Carlentini: Arresto per evasione.

PRIOLO GARGALLO (SR). CONTINUANO I CONTROLLI ANTIDROGA DEI CARABINIERI. UN ARRESTO A PRIOLO.

Sequestro droga a Zaccaria

Sequestro droga a Zaccaria

Davide Zaccaria

Davide Zaccaria

Priolo, 10 agosto 2017 – Non si fermano i controlli dei Carabinier della Compagnia di Siracusa per contrastare e reprimere lo spaccio di sostanze stupefacenti, che si acuisce nel periodo estivo vista anche la presenza di numerosi turisti. I Carabinieri della Stazione di Priolo, unitamente ad unità cinofila del Comando Stazione Carabinieri di Sigonella hanno arrestato, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, Davide Zaccaria, 40 anni, di Priolo, già noto ai Carabinieri. I militari insospettiti da continui via vai nei pressi dell’abitazione del Zaccaria hanno proceduto alla perquisizione dell’abitazione del 20 enne rinvenendo, grazie anche all’aiuto dei cani, i un involucro di marijuana e materiale per il confezionamento delle dosi. Il tutto è stato sottoposto a sequestro, mentre Zaccaria, dopo le incombenze di rito, come disposto dall’AG di Siracusa, è stato rimesso in libertà in attesa di giudizio.

                                 

                                        GIOVANISSIMI SORPRESI A COMPIERE FURTI AI DANNI DI ESERCIZI COMMERCIALI. 

Siracusa, 10 agosto 2017 - Due episodi negli ultimi giorni, sembrerebbero far pensare all’esistenza di un fenomeno che vede coinvolti ragazzini di giovane età in episodi di taccheggio e furto agli esercizi commerciali. Infatti, nel corso dell’ultima settimana, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile sono intervenuti in due esercizi commerciali, allertati dai responsabili che avevano sorpreso alcuni giovanissimi, minori di 14 anni, a sottrarre alcuni articoli in vendita. In un caso si è trattato di un ragazzino sorpreso dai proprietari di un negozio di elettronica ad aver rubato della merce di poco valore, in un secondo caso è stata fermata una ragazzina che aveva sottratto prodotti per l’igiene e la bellezza del corpo del valore complessivo di 250 €. L’intervento dei Carabinieri ha consentito di ricuperare la merce e di restituirla ai legittimi proprietari ma soprattutto di collaborare con l’Autorità Giudiziaria Minorile al fine di intraprendere il percorso necessario al ricupero del minore. In questo ambito vengono anche coinvolti i servizi sociali ogniqualvolta si verifichi che questi giovanissimi provengano da situazioni famigliari problematiche, in cui i genitori  risultino assenti o poco presenti, alcuni in carcere o agli arresti domiciliari. Altre volte sono figli di mamme sole, che appena vengono chiamate dai Carabinieri per riprendersi i figli, lasciano il lavoro e corrono in caserma in ansia per quanto accaduto. Nel corso dell’anno scolastico, l’impegno dei Carabinieri nelle numerose conferenze che vengono tenute, è finalizzato proprio alla trattazione delle tematiche che vedono i giovanissimi compiere  reati, proprio con lo scopo di effettuare una profonda azione di prevenzione affinché, fin dalla più giovane età, vi possa essere la cognizione che, nonostante solo al compimento dei 14 anni si possa essere imputabili, comportamenti che si possano ricondurre anche a reati minori, possono segnare il futuro dei ragazzi. Il rischio è che la mancata percezione, fin dall’età più giovane, della gravità di un atto che possa configurare un furto, possa portare questi ragazzi a compiere atti ancor più seri o, addirittura, ad essere assorbiti da circuiti criminali già strutturati soprattutto quando, qualcuno di loro, dopo aver sottratto alcuni oggetti dai negozi, tentano di rivenderli magari attraverso qualche bancarella improvvisata che in alcuni casi fa da corollario ai mercatini. L’obiettivo dell’Arma in interventi di questo tipo è, soprattutto, recuperare il minore con tutti i mezzi a disposizione, con la speranza che quel piccolo furto, quella volta, sia stato solo una semplice bravata. 

 LENTINI (SR).  PENSAVANO DI FARLA FRANCA! ARRESTATI  4 LENTINESI RESPONSABILI, IN CONCORSO TRA LORO, DEI REATI DI VIOLAZIONE DI DOMICILIO, DANNEGGIAMENTO, FURTO IN ABITAZIONE, LESIONI PERSONALI ED ESTORSIONE COMMESSI BEN 10 ANNI FA IN DANNO DI UN PENSIONATO.    

Arturo Tomasello, Ivan Tomasello,Andrea Rapisardi, Antonino Rapisardi

Arturo Tomasello, Ivan Tomasello,Andrea Rapisardi, Antonino Rapisardi

Lentini, 10 agosto 2017 – Alle prime luci dell’alba, i militari della Compagnia Carabinieri di Augusta, traevano in arresto 4 pregiudicati lentinesi, Arturo T omasello , 35 anni,  Ivan Tomasello, 31 anni, Antonino  Rapisardi, 77 anni, Andrea Rapisardi, 38 anni,  poiché, i precisi e concordanti elementi di prova raccolti nel tempo dai militari della Stazione Carabinieri di Lentini, hanno permesso di evidenziare un quadro accusatorio idoneo a sostenere, inconfutabilmente,  la loro colpevolezza in ordine ai reati di lesioni personali, furto in abitazione e tentata estorsione ai danni di un pensionato del luogo. Nella fattispecie, nell’anno 2007, in Lentini, i predetti si introducevano all’interno di un fondo in uso alla vittima e, dopo aver danneggiato con un trattore,  parcheggiato sul posto,   il cancello di ingresso del garage, asportavano due motoseghe, pretendendo altresì dallo stesso, dopo averlo percosso, la somma di euro 2.000 quale corrispettivo di una compravendita mai verificatasi. L’A.G. di Siracusa, quindi, emetteva nei confronti dei medesimi un provvedimento cautelare da eseguire presso la casa circondariale di Brucoli. 

CARLENTINI (SR).  EVADE DAI DOMICILIARI MA VIENE SORPRESO DAI MILITARI DELLA STAZIONE CARABINIERI DI CARLENTINI ALLA GUIDA DELLA SUA AUTOVETTURA. 

Sebastiano Speranza

Sebastiano Speranza

Carlentini, 10 agosto 2017 - I Carabinieri della Stazione di Carlentini, nella mattina di ieri, nell’ambito dei servizi finalizzati  al controllo di soggetti sottoposti alle misure degli arresti domiciliari, predisposti dalla Compagnia Carabinieri di Augusta,  hanno tratto in arrestato, in flagranza di reato, Sebastiano SPERANZA, 46 anni, lentinese ma da tempo residente a Carlentini, per il reato di evasione. Nella fattispecie,  il predetto, sottoposto a citata misura per i reati di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali commessi nei confronti della propria convivente nel mese di giugno 2017,  veniva notato dagli operanti mentre si trovava alla guida della sua autovettura in compagnia della propria madre. L’uomo, prontamente bloccato, non forniva alcuna spiegazione in merito alla sua palese violazione delle prescrizioni impostegli. Dopo le formalità di rito, l’arrestato veniva nuovamente accompagnato presso la sua abitazione per ivi rimanere agli arresti domiciliari come disposto dall’A.G. di Siracusa.    

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 14874

Leave a Comment


+ 1 = dieci

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top