Portopalo- Domiciliari per fratello e serella che perseguitavano gli ex coniugi conviventi.Siracusa- Arrestato23 enne spacciatore. Rosolini-Rubano ovini per macellarli. Melilli- Denunciato per ricettazione commerciante: trasportava 1000 litri di gasolio. Reviewed by Momizat on .   PORTOPALO DI C. P. (SR). FRATELLO E SORELLA NON ACCETTANO LA RELAZIONE TRA I RISPETTIVI EX CONIUGI: ARRESTATI DAI CARABINIERI.  Portopalo cp, 12 gennaio   PORTOPALO DI C. P. (SR). FRATELLO E SORELLA NON ACCETTANO LA RELAZIONE TRA I RISPETTIVI EX CONIUGI: ARRESTATI DAI CARABINIERI.  Portopalo cp, 12 gennaio Rating: 0
You Are Here: Home » Cronaca » Portopalo- Domiciliari per fratello e serella che perseguitavano gli ex coniugi conviventi.Siracusa- Arrestato23 enne spacciatore. Rosolini-Rubano ovini per macellarli. Melilli- Denunciato per ricettazione commerciante: trasportava 1000 litri di gasolio.

Portopalo- Domiciliari per fratello e serella che perseguitavano gli ex coniugi conviventi.Siracusa- Arrestato23 enne spacciatore. Rosolini-Rubano ovini per macellarli. Melilli- Denunciato per ricettazione commerciante: trasportava 1000 litri di gasolio.

 

PORTOPALO DI C. P. (SR). FRATELLO E SORELLA NON ACCETTANO LA RELAZIONE TRA I RISPETTIVI EX CONIUGI: ARRESTATI DAI CARABINIERI.

 Portopalo cp, 12 gennaio 2018 - Nel corso della scorsa serata, a Portopalo di Capo Passero, i carabinieri della locale Stazione hanno tratto in arresto due fratelli, un uomo ed una donna, per il reato di atti persecutori. I fratelli si sarebbero avventati, armati di spranghe e bastoni, nei confronti dei loro rispettivi ex coniugi: secondo i rei, i due ex cognati, sarebbero colpevoli di vivere una relazione sentimentale clandestina. Solo l’immediato intervento dei Carabinieri della locale Stazione, già impegnati in servizio di controllo del territorio, ha scongiurato più gravi conseguenze. Gli aggressori, infatti, resisi conto dell’arrivo dei militari, avrebbero nascosto le spranghe all’interno dell’autovettura con la quale si sarebbero portati presso l’abitazione dei malcapitati. La successiva perquisizione dei Carabinieri ha permesso di rinvenire quanto nascosto e chiarire così la dinamica dell’evento. Accompagnati in caserma fratello e sorella sono stati dichiarati in arresto per il reato di atti persecutori: non sarebbe stata infatti la prima volta che i due si sarebbero recati dai loro rispettivi ex compagni con intenti vendicativi, non accettando la fine delle loro relazioni. Al termine delle formalità di rito i due sono stati tradotti presso le loro rispettive abitazioni in regime degli arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Siracusa. Quello di ieri è l’ennesimo episodio di violenza, in un quadro gravissimo, che i Carabinieri della Stazione di Portopalo di Capo Passero sono riusciti ad affrontare grazie alla continua presenza sul territorio ed alla fiducia riposta dalle vittime nell’operato dei Carabinieri e della Magistratura. Si tratta, purtroppo, di un fenomeno drammatico che si può contrastare solo con un lavoro quotidiano condiviso e diversificato in cui assume un ruolo decisione la fiducia verso le istituzioni.L’Arma dei Carabinieri impiegherà ogni risorsa per affrontare con professionalità e competenza lo specifico fenomeno.

   23ENNE SIRACUSANO DETENEVA HASHISH E MARIJUANA IN CASA: ARRESTATO DAI CARABINIERI  

Sequestro, stupefacente,

Sequestro, stupefacente,

Siracusa, 12 gennaio 2018 - Nel corso della giornata di ieri, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Siracusa hanno arrestato in flagranza di reato, C.E. di 24 anni, disoccupato siracusano e incensurato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Nel corso dei servizi volti al contrasto del fenomeno dello spaccio di droga, i Carabinieri hanno deciso di effettuare una mirata perquisizione domiciliare, in cui hanno rinvenuto all’interno di un armadio della camera da letto del 23enne siracusano, ben due panetti di hashish del peso di 200 grammi, 9 dosi di marijuana del peso di 10 grammi ed un bilancino di precisione. Lo stupefacente  sequestrato sarebbe stato destinato agli assuntori della città ed avrebbe fruttato nella vendita al dettaglio circa 2000 euro. L’arrestato, accompagnato presso i locali della Compagnia Carabinieri per le formalità di rito, è stato poi sottoposto agli arresti domiciliari così come disposto dall’Autorità Giudiziaria di Siracusa.

ROSOLINI (SR):   TENTANO DI RUBARE E MACELLARE ABUSIVAMENTE DEGLI OVINI: INTERVENGONO I CARABINIERI.

Rosolini, 12 gennaio 2018 -Nel corso della nottata odierna, a Rosolini, i carabinieri della locale Stazione, unitamente ai militari dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Noto, sono intervenuti in contrada Tagliati, ove era in atto una macellazione abusiva di ovini. Diversi capi di bestiame sarebbero stati infatti rubati da un ovile poco distante per essere successivamente uccisi al fine di essere macellati. Sul posto anche il proprietario dell’ovile, il quale avrebbe ritrovato gli animali esanimi raccolti in un punto, pronti ad essere caricati per la successiva macellazione. I Carabinieri continuano a seguire il fenomeno con la massima attenzione, ponendo in essere tutte le indagini del caso al fine di risalire all’identità dei soggetti che si rendono responsabili del reato di macellazione abusiva di animali. Al riguardo, si invita la cittadinanza a collaborare con le Forze dell’Ordine per contrastare il fenomeno, segnalando tempestivamente tali condotte illecite.

MELILLI (SR).        TROVATO CON 1000 LITRI DI GASOLIO NEL FURGONE: DENUNCIATO PER RICETTAZIONE UN COMMERCIANTE MELILLESE.  

Melilli, 12 gennaio 2018 – Nel Corso della notte appena trascorsa, i militari della Stazione CC di Melilli (SR) unitamente al personale dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Augusta, nell’ambito di un predisposto servizio finalizzato al contrasto dei reati contro il patrimonio, e seguito di un controllo di un furgone apparso sospetto, hanno rinvenuto nel cassone circa 100 litri di gasolio di cui il conducente non sapeva giustificare la provenienza. All’atto della perquisizione, avvenuta in una strada poco frequentata di Contrada Pietre Nere, i militari accertavano la presenza di diverse taniche di plastica tutte riempite del carburante e stipate nella parte posteriore dell’autocarro. L’uomo che era alla guida, P.D., trentaseienne commerciante di quel centro abitato, veniva quindi deferito alla competente A.G. quale persona indagata per il reato di ricettazione, poiché non spiegava la legittima provenienza del gasolio che stava trasportando. L’automezzo e le taniche di carburante sono stati quindi sottoposti a sequestro dai Carabinieri.

 

 

 

 

 

 

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 15833

Leave a Comment


tre × 8 =

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top