Melilli- Denunciati i 4 operai della grigliata dentro cimitero. Siracusa: Arresto perchè si avvicina alla moglie; Ricordato il carabinere Carmelo Gangi trucidato da rapinatori; Festeggiato il 90° dell’ ANC. Pachino: Arrestato per evasione. Priolo: Coppia rubava nei negozi di elettronica. Carlentini: Salvato aspirante suicida. Reviewed by Momizat on .   MELILLI-CITTA’ GIARDINO (SR). GRIGLIATA DI CARNE ALL’INTERNO DEL CIMITERO COMUNALE: IDENTIFICATI E DENUNCIATI I 4 RESPONSABILI DAI CARABINIERI.  Melilli,   MELILLI-CITTA’ GIARDINO (SR). GRIGLIATA DI CARNE ALL’INTERNO DEL CIMITERO COMUNALE: IDENTIFICATI E DENUNCIATI I 4 RESPONSABILI DAI CARABINIERI.  Melilli, Rating: 0
You Are Here: Home » Cronaca » Melilli- Denunciati i 4 operai della grigliata dentro cimitero. Siracusa: Arresto perchè si avvicina alla moglie; Ricordato il carabinere Carmelo Gangi trucidato da rapinatori; Festeggiato il 90° dell’ ANC. Pachino: Arrestato per evasione. Priolo: Coppia rubava nei negozi di elettronica. Carlentini: Salvato aspirante suicida.

Melilli- Denunciati i 4 operai della grigliata dentro cimitero. Siracusa: Arresto perchè si avvicina alla moglie; Ricordato il carabinere Carmelo Gangi trucidato da rapinatori; Festeggiato il 90° dell’ ANC. Pachino: Arrestato per evasione. Priolo: Coppia rubava nei negozi di elettronica. Carlentini: Salvato aspirante suicida.

 

MELILLI-CITTA’ GIARDINO (SR). GRIGLIATA DI CARNE ALL’INTERNO DEL CIMITERO COMUNALE: IDENTIFICATI E DENUNCIATI I 4 RESPONSABILI DAI CARABINIERI.

 Melilli, 4 dicembre 2017  – Nella giornata di ieri i Carabinieri della Stazione di Priolo Gargallo, a seguito di una accurata attività investigativa volta a ricostruire la dinamica degli eventi accaduti all’interno del cimitero comunale in data 28 novembre ed a identificare i soggetti che hanno ben pensato di allestire un vero e proprio barbecue durante la pausa pranzo davanti agli stessi loculi, hanno denunciato quattro dipendenti ditta incaricata della manutenzione del luogo e delle incisioni sulle lapidi. Gli stessi si identificano in B.S, 53 anni, C.V., 48 anni, T.M., 27 anni, e R.E., 61 anni, tutti siracusani e incensurati. Dagli accertamenti effettuati è emerso che durante la fascia orario in cui è avvenuto il fatto non era presente nessun dipendente comunale all’interno della struttura poiché la responsabile comunale si era allontanata per la pausa pranzo mentre il custode era in malattia così come documentato dal prescritto certificato medico. I 4 soggetti sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria per aver commesso il reato di violazione di sepolcro ai sensi dell’art.407 del codice penale, norma che tutela il sentimento diffuso di pietà e rispetto nei confronti dei defunti.   

SIRACUSA-CASSIBILE. VIOLA IL DIVIETO DI AVVICINAMENTO: ARRESTATO DAI CARABINIERI.

 

Martino Amata

Martino Amata

Siracusa, 4 dicembre 2017  -I Carabinieri della Stazione di Cassibile, durante un servizio di controllo del territorio,  hanno tratto in arresto, per la violazione della misura cautelare del divieto di avvicinamento sia all’abitazione che ai luoghi frequentati dai parenti della moglie, Martino Amata, siracusano, 47 anni, operaio e pluripregiudicato. Nello specifico, l’Amata, in evidente stato di ebbrezza alcolica, nonostante fosse sottoposto a tale provvedimento dal settembre dello scorso anno, non ha ottemperato agli obblighi imposti da detta misura cautelare recandosi presso l’abitazione degli stessi e minacciandoli, tra l’altro, di morte. Alla luce di ciò l’Autorità Giudiziaria, concordando appieno con l’attività investigativa condotta dei militari dell’Arma, ha immediatamente disposto che dopo le incombenze di rito eseguite presso il Comando Stazione Carabinieri di Cassibile, l’arrestato venisse condotto alla Casa Circondariale “Cavadonna” del capoluogo siracusano.

SIRACUSA. RICORDATO IL SACRIFICIO DEL CARABINIERE CARMELO GANCI. 

Onore reso al carabiniere Gangi

Onore reso al carabiniere Gangi

Siracusa, 4 dicembre 2017 -  Nel corso della mattinata, i Carabinieri del Comando Provinciale di Siracusa hanno commemorato la ricorrenza del 30esimo anniversario della tragica scomparsa del Carabiniere Carmelo Ganci, nato a Siracusa il 30 luglio del 1964. Appena 18enne, Ganci si arruolò nell’Arma dei Carabinieri quale Allievo Carabiniere e fu ammesso a frequentare il corso  d’istruzione presso la Scuola Allievi Carabinieri di Iglesias (CA). Al termine del ciclo formativo fu promosso Carabiniere  e destinato in provincia di Napoli presso la Stazione Carabinieri di Massa Lubrense, vicino Sorrento. In seguito fu trasferito in provincia di Caserta, presso la Stazione Carabinieri di Castel Morrone ove prestò servizio per circa una decina di giorni prima di quel tragico 4 dicembre 1987, data in cui compì l’atto di valore per il quale venne insignito della Medaglia d’Oro al Valor Militare concessa con D.P.R. del 31 ottobre 1988 con la seguente motivazione “A diporto in abito civile unitamente a pari grado, appreso che poco prima quattro malviventi armati avevano perpetrato rapina ai danni degli avventori di un esercizio pubblico dandosi poi alla fuga a bordo di autovettura di grossa cilindrata, con altissimo senso del dovere e cosciente sprezzo del pericolo, si poneva alla loro ricerca con la propria autovettura. Intercettati i fuggitivi ed ingaggiato con essi conflitto a fuoco, nel corso di prolungato inseguimento ad elevata velocità fuoriusciva con l’auto dalla sede stradale finendo nella sottostante scarpata, ove, ferito ed impossibilitato a difendersi, veniva vilmente ucciso dai criminali con numerosi colpi d’arma da fuoco. Luminoso esempio di elette virtù militari, ammirevole abnegazione e dedizione al servizio spinto fino all’estremo sacrificio”. La tragica morte si è verificata a Castel Morrone (Caserta) il 04 dicembre 1987. Un destino beffardo accomunò in quel maledetto giorno il giovane Carabinieri Ganci ed il collega Pignatelli che, liberi dal servizio, a bordo di una Fiat Ritmo si lanciarono immediatamente all’inseguimento della Saab 9000 di una banda responsabile di una rapina consumata pochi minuti prima nel centro abitato campano. Per un’incredibile coincidenza, dopo un lungo inseguimento e pur non avendo percorso la stessa strada, i due Carabinieri intercettarono l’auto incriminata tra Castel Morrone e Piana di Monte Verna. I rapinatori, dopo una curva ed approfittando dell’oscurità, svoltarono in aperta campagna, e, spegnendo i fari, attesero il passaggio di Ganci e Pignatelli. I due militari, raggiunti, affiancati e mandati fuori strada, diventarono bersaglio facile dello spietato commando che, imbracciando un fucile Winchester 30 Luger calibro 7,65, si accanì con inaudita violenza contro i Carabinieri, entrambi prigionieri all’interno dell’abitacolo. I due militari dell’Arma rimasero feriti e, pertanto, impossibilitati a muoversi e a difendersi. Una condizione di debolezza che, secondo la sentenza che anni dopo condannerà all’ergastolo i tre autori, non sfuggì ai rapinatori. I tre, da quanto emerso dall’inchiesta, scesero dalla loro Saab 9000 e, a sangue freddo, fecero di nuovo fuoco per essere sicuri di aver ucciso i militari. A terra furono ritrovati oltre 60 colpi esplosi all’indirizzo dei due Carabinieri. Nella cerimonia odierna, dopo la resa degli onori da parte di una Guardia d’Onore del Comando Provinciale Carabinieri di Siracusa e la deposizione di un cuscino floreale sulla foto ritraente il giovane Carabiniere Ganci Carmelo, il Tenente Colonnello Giovanni Palatini, nel prendere la parola, ha ricordato il gesto eroico compiuto dal giovane Carmelo, evidenziandone l’elevatissimo spirito di abnegazione ed il radicato senso di responsabilità verso la tutela della popolazione di Castel Morrone, nel segno dell’indissolubile legame tra l’Arma ed i suoi Eroi e della continuità tra passato e presente nella gelosa custodia dei valori della memoria.

PACHINO (SR). EVADE DAI DOMICILIARI: ARRESTATO DAI CARABINIERI. 

Sebastiano Di Bartolo

Sebastiano Di Bartolo

Pachino, 4 dicembre 2017  - Nel corso della giornata di ieri, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Noto, impegnati in servizio di perlustrazione sul territorio di competenza, hanno tratto in arresto in flagranza del reato di evasione Sebastiano DI BARTOLO, 53 anni, già noto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti di polizia ed attualmente sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari.

Nella serata, infatti, i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile, nel corso dei controlli lungo le vie del comune di Pachino hanno notato, intento a parlare con un conoscente, fuori da una rivendita di tabacchi, Di Bartolo, che non esponeva alcuna valida giustificazione per il volontario allontanamento dalla detenzione domiciliare. Condotto in caserma, l’uomo è stato dichiarato in stato di arresto e successivamente, al termine delle formalità di rito, è stato nuovamente tradotto presso il proprio domicilio, a disposizione dell’A.G. di Siracusa.

NOTO (SR).  COLTO DA UN ATTACCO DI AMNESIA IN CAMPAGNA: AIUTATO DAI CARABINIERI.

Noto, 4 dicembre 2017 -  Nel corso del pomeriggio di ieri, domenica 3 dicembre, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Noto, sono intervenuti in quella contrada Zisola ove un quarantenne, allontanatosi da casa in auto in direzione Siracusa, colto da una improvvisa amnesia, si allontanava dal veicolo incamminandosi, a piedi, senza meta, per le campagne circostanti. I figli, contattatolo sul suo cellulare, si re4ndevano conto che qualcosa non andava, hanno prontamente contattato i Carabinieri per chiedere aiuto. Immediata la localizzazione da parte dei militari che, una volta rassicurato l’uomo, hanno contattato e rassicurato la famiglia sulle condizioni dell’uomo, che è stato successivamente accompagnato in ospedale per gli accertamenti del caso.

SIRACUSA. CERIMONIA PRESSO LA SEDE DELL’A.N.C.

  anc-sr-2Siracusa, 4 dicembre 2017  -Nella mattinata di sabato 2 dicembre, preso la sezione di Siracusa dell’Associazione Nazionale Carabinieri, si è svolta una cerimonia a conclusione degli eventi che hanno caratterizzato il suo novantesimo anniversario dalla data di fondazione, a cui hanno preso parte il Comandante Provinciale di Siracusa, Col. Luigi Grasso, il Comandante del Reparto Operativo Ten. Col. Giovanni Palatini ed il Comandante della Compagnia Maggiore Alessandro Chichi, nonché una numerosa rappresentanza di soci e benemerite.

Nel corso della cerimonia, il Presidente De Ieso, ha consegnato agli Ufficiali il crest commemorativo dei 90 anni della sezione ANC, ringraziandoli per l’impegno profuso nell’ambito della collaborazione sinergica tra arma in servizio ed in congedo nel corso delle varie manifestazioni svolte nell’anno 2017.

Proprio in questo senso va sottolineato come la Sezione di Siracusa sia stata impegnata nell’ultimo anno, unitamente al Comando Provinciale Carabinieri, nel dare un apporto di spessore nella realizzazione di esposizioni patrocinate dalla Soprintendenza dei beni Culturali e Ambientali tra le quali ricordiamo la mostra dal titolo “Le sentinelle dell’Arte” dove sono stati raccolti reperti di valore storico e archeologico ricuperati negli anni dalla locale Sezione Tutela Patrimonio Culturale dei Carabinieri. Tra le ultime importanti iniziative a cui la A.N.C. di Siracusa ha dato un contributo  con grande impegno di molti dei suoi iscritti, è stata quella per la riapertura del Teatro Comunale di Siracusa chiuso da circa 60 anni, ed oggi fruibile per la cittadinanza grazie anche allo spirito laborioso con cui l’A.N.C.  si è adoperata per contrarre i tempi di esecuzione dei lavori.

La sezione A.N.C. di Siracusa, venne istituita il 14 Gennaio 1926 e dal 12 Dicembre 1969 è intitolata all’eroe, Carabiniere Filippo Cosentino, nato il 17/9/1893 nel Comune di Misterbianco (Catania), medaglia d’argento al valore Militare alla memoria sacrificando eroicamente la propria vita il 18 Agosto 1917 mentre combatteva per la Patria nel corso di un fatto di guerra durante il primo grande conflitto mondiale mentre era impiegato nella 28^ Sezione Carabinieri appartenente alla 28^ Divisione. La motivazione con cui venne insignito dell’alta onorificenza recita:

«Sviluppatosi un incendio in un deposito di materiali e munizioni, per lo scoppio di bombe nemiche, sotto il persistente tiro di artiglieria avversaria, sprezzante di ogni pericolo, si adoperò validamente allo spegnimento delle fiamme, lasciandovi la vita per lo scoppio di una granata avversaria. Flondar, 18 Agosto 1917».

L’A.N.C. di Siracusa, oggi presieduta dal Maresciallo cong. Valentino De Ieso, come le altre 8 Sezioni presenti in provincia, promuove in città i valori per i quali la stessa è stata fondata e cioè quelli di  cementare i vincoli di cameratismo e di solidarietà fra i militari in congedo e quelli in servizio dell’Arma, il culto delle gloriose tradizioni dell’Arma e la memoria dei suoi eroici caduti; realizzare, nei limiti delle possibilità, l’assistenza morale, culturale, creativa, ricreativa ed economica a favore degli iscritti e delle loro famiglie.

Ai tradizionali scopi associativi si sono oggi aggiunti quelli dell’impegno sociale nelle varie forme di volontariato e le iniziative nel campo culturale, ricreativo e sportivo (convegni, raduni, tornei, ecc.)

PRIOLO GARGALLO (SR). FERMATI DUE CONVIVENTI DEDITI AI FURTI A DANNO DI NEGOZI EURONICS. 

Augusta, 4 dicembre 2017  -Nel corso della giornata del 28 novembre scorso, i Carabinieri della Stazione di Priolo Gargallo, a seguito di mirata attività info investigativa hanno fermato due conviventi catanesi L.M. C., 31 anni, disoccupato e pregiudicato e M.V.,23 anni, disoccupata con precedenti di polizia specifici, poiché ritenuti responsabili di svariati furti a danno di negozi di elettronica.

Dalle indagini eseguite dai Carabinieri è emerso che i due conviventi avrebbero commesso almeno 9 furti consumati ed uno tentato, tutti perpetrati in danno di esercizi commerciali ad insegna “Euronics”, ubicati all’interno dei centri commerciali di Melilli (SR), Catania (CT), Acireale (CT), Bronte (CT) e Misterbianco (CT), dei quali venivano accuratamente visionate le immagini registrate dai sistemi di video sorveglianza.

Le modalità operative erano sempre le stesse, i due catanesi, riuscivano a trafugare apparecchiature hi-tech di valore rimuovendo le placche antitaccheggio e le relative confezioni dotate di dispositivi d’allarme, per un bottino totale pari a 20.000 euro circa, per poi rivenderle sul mercato clandestino. Nel corso di una perquisizione domiciliare, inoltre, gli stessi militari, hanno rinvenuto e sequestrato, alcuni capi d’abbigliamento utilizzati dagli stessi durante le azioni criminose, nonché un telefono cellulare da cui veniva rilevata esplicita messaggistica con terze persone finalizzata alla vendita merce trafugata.

Nel corso della giornata di ieri, l’Autorità Giudiziaria di Siracusa, convenendo con le prime risultanze investigative raccolte dalla Stazione di Priolo Gargallo, ha applicato nei loro confronti la misura cautelare del divieto di dimora nel territorio dei comuni di Misterbianco (CT) e di Melilli (SR), prescrivendo loro di non dimorare in tale territorio e di non accedervi senza autorizzazione del giudice.

AUGUSTA (SR). TENTA IL SUICIDIO DAL PONTE SAN LEONARDO, SALVATO DAI CARABINIERI.

Augusta, 4 dicembre 2017 – Dramma sfiorato ad Augusta grazie alla prontezza ed al coraggio dei Carabinieri dell’aliquota radiomobile della Compagnia di Augusta intervenuti. Un 29 enne originario dei paesi etnei, ieri pomeriggio, intorno alle ore 14.30, ha messo in atto un tentativo di suicidio sul ponte San Leonardo, situato lungo la SS.114. L’uomo poco prima di dirigersi lungo il fiume aveva contattato telefonicamente un amico, manifestando forte disperazione ma fortunatamente quest’ultimo allertava i Carabinieri che prontamente accorrevano sul posto trovando il giovane, in forte stato di agitazione e totale stato di abbandono, arrampicato nella parte centrale della struttura in ferro sottostante il ponte San Leonardo, ad un’altezza di circa 30 metri dell’omonimo fiume. I Carabinieri portavano alla calma il ragazzo, che dopo una lunga mediazione desisteva dal suo insano proposito riconducibile alla recente fine di una relazione sentimentale. Dopo le cure del caso, prestate dai sanitari del 118, il 29enne è stato affidato alla madre.

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 15610

Leave a Comment


nove × 7 =

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top