Lentini – L’ex sindaco Turi Raiti interviene nel dibattito sulla discarica di Armicci. Reviewed by Momizat on . (Gregorio Valvo)Lentini, 30 gennaio 2017 - Sulla vicenda della discarica di Armicci  tanto avversata dall'amministrazione comunale di Lentini, con una lettera a (Gregorio Valvo)Lentini, 30 gennaio 2017 - Sulla vicenda della discarica di Armicci  tanto avversata dall'amministrazione comunale di Lentini, con una lettera a Rating: 0
You Are Here: Home » Ambiente » Lentini – L’ex sindaco Turi Raiti interviene nel dibattito sulla discarica di Armicci.

Lentini – L’ex sindaco Turi Raiti interviene nel dibattito sulla discarica di Armicci.

(Gregorio Valvo)Lentini, 30 gennaio 2017 – Sulla vicenda della discarica di Armicci  tanto avversata dall’amministrazione comunale di Lentini, con una lettera al direttore offre le sue riflessioni, Turi Raiti, un ex sindaco di lungo corso (1994-2002) ben informato dei fatti in trattazione. Sulla vicenda, anche raiti,  chiede  approfondimenti e confronti per stabilire cosa  è bene o male per il territorio di Lentini e i lentinesi. Fino ad ora sono stati messi un campo delle opinioni che non possono certamente essere considerati incontrovertibili ed esaustivi dell’argomento che  vede al centro  un Comune invaso da una mega discarica  privata (la più grande della Sicilia) che molti  tentano di non vedere e una discarica rimasta allo stato potenziale perchè mai entrata in funzione nonostante in possesso delle necessarie autorizzazioni. L’ ex sindaco Raiti,  tra le sue riflessioni, conferma che per decenni in contrada Armicci il Comune di Lentini  aveva gestito una sua grande discarica di rifiuti. Accenna  anche al “No” che si è trovato a subire quando la sua amministrazione, nel 2000,  aveva pensato di autorizzare un impianto per sviluppare energia  bruciando  legna di risulta proveniente dagli agrumeti. Se l’ex  sindaco Raiti, unitamente a risorse intellettuali come l’n. Luigi Boggio,   chiede  l’apertura di un dibattito sulle vicende ambientali del territorio, il sindaco in carica Saverio Bosco sembra avere già esaminato la situazione e deciso sul da farsi. Nessuna risposta sembra essere stata data all’imposizione della Regione di bypassare la discarica in attività sul proprio territorio ( quella dei Leonardi) e conferire i rifiuti di Lentini a Melilli. Fino ad ora  nessuna raccolta di firme sembra essere stata attivata per opporsi  alla offensiva  imposizione del governatore Crocetta. Il sindaco Bosco ha ricevuto in dotazione la fascia tricolore che  se indossata lo trasforma in massima autorità decisionale. S’informi cosa può fare con la fascia tricolore a tracolla e agisca da lentinese d’altri tempi: quando non si faceva politica solo per fare “scena” e la città era rispettata…sul serio.      

LA LETTERA DELL’EX SINDACO TURI RAITI 

ARMICCI E IL TERRITORIO. Nel riquadro Turi raiti

ARMICCI E IL TERRITORIO. Nel riquadro Turi raiti

    Carissimo Direttore, Ho letto con molto interesse la sua riflessione sulla discarica comunale di contrada Armicci a Lentini e anche quello che ha scritto con cura e conoscenza l’On Luigi Boggio.  Confermo, come ex Sindaco di Lentini, che fino a qualche anno  fa c’erano sia la discarica di Armicci comunale e la discarica privata della Sicula trasporti che oggi, dopo qualche ampliamento, si trova anche in contrada Grotte San Giorgio  in territorio di Lentini.  Di questa ultima discarica non le so dire nulla in quanto, durante il mio mandato di Sindaco, il comune di Lentini scaricava i propri rifiuti nella discarica Comunale di Armicci , controllata e  quasi  giornalmente, visitata dall’allora assessore  Lidia Costanzo la quale teneva la situazione monitorata e sotto controllo. Discarica che, per una certa fase, per indicazione e decisione dell’allora Prefetto di Siracusa , fu utilizzata anche per i rifiuti di Catania, Augusta ed altri comuni della Provincia di Siracusa.  Non sono in grado di fornire ulteriori  notizie su quella discarica di Armicci  dal 2002, anno in cui completai la mia esperienza di Sindaco a Lentini, come non le saprei dire nulla rispetto alla discarica abusiva  di Serravalle perché fu scoperta molto prima del mio mandato di Sindaco.Dopo  questa doverosa premessa,  per rispondere alla sua domanda, desidero esprimere la mia opinione su quello che in questi giorni si sta discutendo a Lentini in merito alla nuova discarica di Armicci con i cittadini che sono stati chiamati ad esprimere il proprio no alla discarica anche con la firma su una petizione popolare.

Premetto che mettere una firma su una petizione che mette alla base la salute dei cittadini diventa quasi obbligatorio. Difatti nessuno potrebbe dire facciamo un’opera che produce  danni alla salute.

Il problema, per quanto mi riguarda, è quello che un ragionamento attorno ad una discarica deve essere più complesso ed articolato e se decidiamo che la stessa produce danni  alla salute bisogna  evitare che ci siano per la salute   discariche  cattive e discariche non cattive.

La discussione sulla discarica o discariche si deve inquadrare dentro un ragionamento che riguarda tutta la questione del ciclo e riciclo dei rifiuti partendo dalla loro formazione e produzione per passare dalla  differenziata, ai termovalorizzatori, inceneritori, alla produzione di energia e gas, al controllo dei processi produttivi e prima di tutto dalla  salvaguardia della salute dei cittadini.

Nel caso specifico, inoltre, sarebbe interessante, come scrive L’on Luigi Boggio, sapere il rapporto fra la discarica di Armicci e la relazione tecnica della variante generale al PRG sull’area in prossimità al lago con l’elaborazione di un piano particolareggiato entro il raggio di un  chilometro.

Deve essere chiaro, in ogni caso, ( e su questo senza se e senza ma) che  su una  materia così delicata non può essere messa in discussione  in nessun modo la salute dei cittadini.

Dico questo perché molto spesso siamo abituati a creare paura anche quando non bisogna averne.

Ricordo, al riguardo, l’attacco che mi venne portato con la parola d’ordine  del No alla costruzione dell’impianto dell’industria del cippato di legna che un privato voleva costruire a Lentini . Anche quel No era basato sul fatto che quell’impianto portava danni alla salute anche se ove questo tipo di impianto è stato costruito ha portato solo lavoro.

Questo lo voglio ricordare perché in quel caso l’azienda, oltre a portare investimento, lavoro e royalty per il comune, aveva  proposto anche una commissione cittadina, un controllo democratico e scientifico finalizzato alla salute dei cittadini non solo nella fase lavorativa ma anche nella fase di costruzione dell’impianto.                                        

Detto questo, per  mia natura, non sono abituato ad affrontare questioni così delicate con frasi fatte ed in maniera superficiale. Sarebbe meglio avere in mano tutti gli elementi per poter esprimere una opinione serena ed articolata che non si può racchiudere in un si o in un no.

Distinti saluti, Turi Raiti, Ex Sindaco di Lentini

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 14102

Comments (3)

  • pippo grasso

    Un candidato sindaco si presenta alla cittadinanza con il suo programma e che una volta eletto lo deve portare a termine. Raiti oltre ad essere stato il primo sindaco eletto e rieletto direttamente dai cittadini e per la durata di dieci anni lasciò Lentini peggio di come l’aveva trovata e cioè se non ricordo male fu capace di svuotare le casse comunali, con un avanzo di svariati miliardi delle vecchie lire, lasciando anche debiti per le future amministrazioni: Sicuramente il suo programma (vero) non era quello che aveva presentato agli elettori in campagna elettorale, prova ne è che subì delle mozioni di sfiducia e sopratutto, per restare in carica, dovette stravolgere, più volte, il suo assetto della sua maggioranza, cambiando diversi assessori, col risultato che ho precedentemente descritto. Raiti farebbe bene e meglio se non intervenisse su questioni che lui stesso ha contribuito a peggiorare. Il mio è solo un giudizio politico.

  • pippo grasso

    Tante parole per non dire nulla

  • pippo grasso

    Tante parole per non dire niente

Leave a Comment


uno + 8 =

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top