Lentini -Inagugurata la mostra “Luce dell’Onestà” ricavata dai tesori archeologici dei sequestri della GDF Reviewed by Momizat on . [caption id="attachment_91569" align="alignleft" width="300"] Inaugurazione: La sovr. Pavini; il col. Spampinato; il Prefetto Castaldo e il sindaco Bosco[/capti [caption id="attachment_91569" align="alignleft" width="300"] Inaugurazione: La sovr. Pavini; il col. Spampinato; il Prefetto Castaldo e il sindaco Bosco[/capti Rating: 0
You Are Here: Home » Cultura » Lentini -Inagugurata la mostra “Luce dell’Onestà” ricavata dai tesori archeologici dei sequestri della GDF

Lentini -Inagugurata la mostra “Luce dell’Onestà” ricavata dai tesori archeologici dei sequestri della GDF

Inaugurazione

Inaugurazione: La sovr. Pavini; il col. Spampinato; il Prefetto Castaldo e il sindaco Bosco

Lentini, Inaugurata “La Luce dell’Onestà”: mostra di Tesori archeologici dai sequestri delle Fiamme Gialle

 Lentini, 8 maggio 2018 – Dall’8 maggio al 27 maggio il Comune di Lentini ospiterà nei locali del Circolo Alaimo la mostra di reperti archeologici “La Luce dell’Onestà” che raccoglie i tesori ritrovati durante importanti sequestri della Guardia di Finanza di Siracusa. 

È stata inaugurata martedì 8 maggio, nel Comune di Lentini la sesta Edizione, fortemente voluta e promossa dal Colonnello Antonino Spampinato – Comandante Provinciale della Guardia di Finanza di Siracusa – e della dottoressa Rosalba Panvini – Sovrintendente di Siracusa.

Presso l’aula consiliare del Comune, il Sindaco, il Comandante Provinciale e la Sovrintendente di Siracusa hanno introdotto e presentato il percorso agli ospiti presenti tra cui il Prefetto di Siracusa – dott. Giuseppe Castaldo – il Questore di Siracusa – dott.ssa Gabriella Ioppolo – ed il comandante Provinciale dei Carabinieri di Siracusa – Col. Luigi Grasso.

Dopo la presentazione del sindaco di Lentini dott. Saverio Bosco, il Prefetto ha rivolto il suo saluto alla cittadinanza intervenuta, ed ha espresso un forte apprezzamento per l’iniziativa, realizzata in sinergia tra il Comando Provinciale della Guardia di Finanza, la Sovrintendenza e il Comune di Lentini, istituzioni che collaborano al fine di dare alla comunità locale l’opportunità di fruire, attraverso l’esposizione dei reperti, di un patrimonio culturale di eccezionale valore storico e identitario. “La luce dell’onestà” si conferma, pertanto, una mostra itinerante che porta l’arte nelle comunità, e che, al contempo, trasmette ai cittadini il concetto di arte quale bene comune e patrimonio dell’umanità da fruire e valorizzare “legalmente”.

Ha evidenziato il Colonnello Spampinato: “Un’ulteriore tappa che, iniziata qualche anno fa all’indomani dei festeggiamenti di Santa Lucia, si ripropone a Lentini in concomitanza con i festeggiamenti per il Patrono Sant’Alfino, ad ulteriore testimonianza di un percorso che ci vede portatori di un messaggio fondamentale: la legalità quale principio fondante della collettività e la riappropriazione di beni che ritornano alla luce per esser apprezzati nuovamente da tutti”.  

Negli spazi messi a disposizione saranno esposti un consistente numero di reperti archeologici sequestrati dai Militari della Guardia di Finanza, già a partire dagli anni 60 e che sono rimasti conservati fino ad oggi nei depositi della Soprintendenza.

La Mostra ha un notevole significato scientifico e didattico e potrà consentire ai visitatori di conoscere ed apprezzare oggetti archeologici di rilevante interesse. Si spera però che essa possa incidere sulla coscienza dei cittadini e soprattutto dei giovani inducendoli ad una collaborazione con le Istituzioni preposte alla tutela del patrimonio culturale, a fianco delle quali dovranno operare per recuperare e consegnare i materiali che casualmente affiorano sulla superficie del terreno o che, invece, in maniera di certo non legittima, potrebbero essere rimossi dai siti archeologici, spesso poco sorvegliati o addirittura privi di controllo ovvero ancora non noti agli esperti.

Hanno preso parte alla presentazione e all’inaugurazione della mostra, i cittadini e numerose associazioni presenti nel territorio oltre ad una rappresentanza delle scolaresche.

 “Un’occasione unica per Lentini – commenta il Sindaco, Saverio Bosco – siamo onorati che il Comandante Spampinato e la Sovrintendente Panvini ci abbiano scelti per ospitare un evento culturale di tale portata e prestigio, alla loro sensibilità giunga il nostro grazie di comunità”.

L’esposizione potrà essere ammirata tutti i giorni dalle ore 09,30 alle ore 12,30 e dalle ore 16,30 alle ore 19,30 sino al giorno 27 del mese di maggio.

 
 

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 16703

Leave a Comment


× 6 = sei

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top