Lentini- In carabinieri arrestano i protagonisti del tentato omicidio. Siracusa -Arrestato per evasione. Avola: Ai domiciliari per un ovulo di eroina; Sedata lite famigliare. Carlentini- Incidente in centro. Reviewed by Momizat on . SIRACUSA.  I CARABINIERI IDENTIFICANO I DUE RESPONSABILI DEL TENTATO OMICIDIO DI LENTINI: APPLICATA LA MISURA CAUTELARE IN CARCERE PER ENTRAMBI. [caption id="at SIRACUSA.  I CARABINIERI IDENTIFICANO I DUE RESPONSABILI DEL TENTATO OMICIDIO DI LENTINI: APPLICATA LA MISURA CAUTELARE IN CARCERE PER ENTRAMBI. [caption id="at Rating: 0
You Are Here: Home » Cronaca » Lentini- In carabinieri arrestano i protagonisti del tentato omicidio. Siracusa -Arrestato per evasione. Avola: Ai domiciliari per un ovulo di eroina; Sedata lite famigliare. Carlentini- Incidente in centro.

Lentini- In carabinieri arrestano i protagonisti del tentato omicidio. Siracusa -Arrestato per evasione. Avola: Ai domiciliari per un ovulo di eroina; Sedata lite famigliare. Carlentini- Incidente in centro.

SIRACUSA.  I CARABINIERI IDENTIFICANO I DUE RESPONSABILI DEL TENTATO OMICIDIO DI LENTINI: APPLICATA LA MISURA CAUTELARE IN CARCERE PER ENTRAMBI.

I due arrestati

I due arrestati

La conferenza stampa

La conferenza stampa dei carabinieri

 

(En.Va.)Lentini, 2 dicembre 2017 - I carabinieri della locale  stazione hanno fatto chiarezza sulla sparatoria del mese scorso avvenuto nella piazza principale di Lentini, giungendo all’arresto dei protagonisti. Luigi Proto, sopravvissuto alle ferite dei proiettili, secondo la ricostruzione del militari, non era la vittima designata, ma, uno che per caso si è trovato sulla linea di fuoco. Procediamo con ordine dopo avere appreso dalla conferenza stampa tenutasi presso il  comando provinciale dell’Arma i particolari.  Dopo l’udienza di convalida dell’arresto di Samuele Grasso  di 23 anni e Giuseppe Scandurra di 54 anni, effettuato dai Carabinieri alcuni giorni addietro perchè i due  erano stati trovati entrambi in possesso di due armi clandestine, e dei rispettivi caricatori con proiettili oltre alcune dosi di  cocaina, le indagini hanno avuto uno sviluppo ulteriore. Il GIP del tribunale di Siracusa ha applicato nei confronti dei due malviventi la misura della custodia cautelare in carcere così come richiesto dal Pubblico Ministero. Infatti, il pm Davide Lucignani della Procura della Repubblica di Siracusa, concordando pienamente con le risultanze della intensa attività di indagine svolta dai Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Siracusa, nel corso dell’udienza di stamani, ha richiesto il provvedimento cautelare restrittivo per i due arrestati presentando gli elementi raccolti dai militari che consentivano di dimostrare come il Samuele Grasso , nel tardo pomeriggio del 17 novembre scorso, avesse  sparato nella piazza Duomo di Lentini, nei pressi del Bar “Jessica”, dove era rimasto ferito gravemente  un uomo colpito da diversi proiettili di cui uno all’addome: vittima era Proto Luigi, 68 enne disoccupato e noto0 da sempre nel mondo dello spaccio di droga. Le indagini avviate dai Carabinieri,  dopo il grave fatto di sangue, hanno consentito negli ultimi due giorni  di fare luce sulla sparatoria e  dimostrare come il Grasso in realtà   non volesse uccidere  il Proto. I colpi di pistola calibro 7,65, infatti, erano diretti a colpire  Giuseppe Scandurra  che si trovava in quel momento davanti la porta del bar e che solo per pochi centimetri non veniva colpito da proiettili solo per pochi centimetri. Evidentemente Samuele Grasso non era un vero “specialista” nell’uso della pistola a giudicare dai risultati ottenuti. Ad avvalorare ulteriormente le ipotesi dei militari del Nucleo Investigativo, sono state le immagini riprese da una telecamera di videosorveglianza posta in una via limitrofa alla Piazza Duomo (esattamente in via XX settembre)  che hanno inquadrato di spalle il Grasso e frontalmente  Giuseppe Scandurra, che dopo aver rischiato la vita sfuggendo ai  colpi  di pistola del Grasso, si lanciava al suo inseguimento con in pugno la sua  pistola cal. 7,65. Lo  Scandurra, aveva fatto fuoco a sua volta contro l’ attentatore senza però riuscire a colpirlo. La vicenda criminosa sarebbe da ricondurre  ad una sorta di pretesa territoriale per lo spaccio di droga  tra i due contendenti, ossia Grasso e Scandurra. Inoltre, le indagini  condotte in merito alla sparatoria del 17 novembre  hanno permesso di appurare come negli ultimi due mesi i due contendenti  avessero avuto numerosi scontri fisici diretti proprio  nel centro di Lentini. Non soli pugni e calci  perchè  tra i due, si giungeva anche ad atti  intimidatori come da esempio  l’incendio dello scooter in uso al Grasso, avvenuto sempre nella centralissima Piazza Duomo,  e  agguati andati a vuoto che però avevano lasciato visibili fori di proiettile in prossimità delle rispettive abitazioni. L’esecuzione dei provvedimenti odierni sono una prima importante risposta all’esigenza di sicurezza dei centri abitati di Lentini e Carlentini segnati negli ultimi tempi da episodi che avevano indotto anche il Prefetto, dottor Giuseppe Castaldo a convocare nei giorni scorsi un Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica proprio a Lentini e che, quindi, non potevano rimanere senza una risposta da parte dei Carabinieri del Comando Provinciale. 

 SIRACUSA-BELVEDERE. EVADE DAI DOMICILIARI ARRESTATO DAI CARABINIERI 

Siracusa, 2 dicembre 2017 – Nella nottata di ieri i Carabinieri della Stazione di Belvedere, impegnati in un servizio di pattuglia per le vie cittadine, hanno tratto in arresto in flagranza di reato, per evasione, Tyrone LEONARDI di 24 anni, siracusano, disoccupato e con precedenti di polizia, già agli arresti domiciliari per reati contro il patrimonio, nello specifico per furto, commesso in Priolo a metà del settembre scorso.  Il Leonardi, nell’arco della serata, si era allontanato dalla propria abitazione senza alcun giustificato motivo e una volta notato ed identificato dalla pattuglia dei Carabinieri nel centro cittadino, seppur cercando di eludere i controlli dei militari, è stato tratto in arresto.  Lo stesso, infine, dopo le incombenze di rito eseguite presso i locali della Stazione Carabinieri, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato nuovamente sottoposto agli arresti domiciliari nella propria abitazione.

AVOLA (SR).   TROVATO IN POSSESSO DI UN OVULO DI EROINA: ARRESTATO DAI CARABINIERI. 

Avola, 2 dicembre 2017 – Proseguono con incisività i servizi di prossimità posti in essere dai Carabinieri della Compagnia di Noto finalizzati alla prevenzione dei reati, con particolare riguardo ai reati contro il patrimonio ed al fenomeno dell’uso di sostanze stupefacenti, problematica abbastanza diffusa sul territorio e per la quale permane sempre molto alta l’attenzione dei Carabinieri.

Nel corso della serata di ieri i Carabinieri della Stazione di Avola hanno tratto in arresto in flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente Giuseppe BIANCA, 54 snni, già noto alle forze dell’ordine per i suoi diversi precedenti.

I Carabinieri, nell’ambito della quotidiana attività d’istituto, nel corso di un servizio alla circolazione stradale intimavano l’alt alla vettura in uso al Bianca e questi, pensando di non essere visto, gettava dall’abitacolo un ovulo contenente sostanza stupefacente di tipo “eroina”. I Carabinieri, notato il gesto, hanno provveduto a raccogliere la sostanza ed a proseguire i controlli con una perquisizione veicolare. Al termine delle attività infatti i Carabinieri hanno dichiarato il Bianca in stato di arresto e, al termine delle formalità di rito, lo hanno tradotto presso la sua abitazione in regime di arresti domiciliari, in attesa della celebrazione dell’udienza di convalida prevista nei prossimi giorni presso il Tribunale di Siracusa. La sostanza rinvenuta è stata sottoposta a sequestro in attesa di esperire le analisi di laboratorio del caso necessarie per verificarne il grado di purezza.

I Carabinieri continueranno a prestare la massima attenzione al territorio, organizzando periodicamente analoghi servizi al fine di incrementare la percezione di sicurezza tra la cittadinanza e porre in essere una concreta azione di contrasto ai vari fenomeni delittuosi.

 AVOLA (SR). LITE IN FAMIGLIA: INTERVENGONO I CARABINIERI.  

Avola, 2 dicembre 2017 – Nella serata di ieri i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Noto sono intervenuti ad Avola su richiesta di una donna che, al termine di un dissidio col proprio compagno, si è vista buttata fuori dall’abitazione dove fino a quel giorno aveva convissuto col compagno. I Carabinieri, immediatamente giunti sul posto, constatata l’insanabilità del rapporto, calmate le parti, hanno assicurato la serenità delle operazioni, informando le parti delle possibilità previste dalla legge a tutela degli interessati.

Quello della violenza domestica rappresenta, purtroppo, un fenomeno drammatico che si può contrastare solo con l’impegno quotidiano, con la costante presenza sul territorio al fine di poter captare per tempo le prime avvisaglie di situazioni che spesso rischiano di diventare tragiche, con i contatti continui con i centri antiviolenza e, lo si ribadisce, la volontà delle vittime di fidarsi delle forze dell’ordine e di rivolgersi a loro per ricevere aiuto. L’Arma dei Carabinieri impiegherà ogni risorsa per affrontare con professionalità e competenza lo specifico fenomeno. 

CARLENTINI (SR). UN INCIDENTE STRADALE ALL’INTERNO DEL CENTRO PROVOCA UN RALLENTAMENTO DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE: NECESSARIO L’INTERVENTO DEI CARABINIERI.  

Carlentini, 2 dicembre 2017 – Nella mattinata di ieri all’interno del centro urbano di Carlentini, un incidente stradale fra un’autovettura ed un furgone  di proprietà del comune, senza lesioni alle persone coinvolte e con lievi danni alle carrozzerie  dei mezzi interessati, provocava ugualmente significati rallentamenti del traffico veicolare con notevoli disagi alla popolazione vista l’ora di punta, accentuati anche per il transito di pullman di studenti. Cause della momentanea interruzione della circolazione stradale la mancata volontà tra i conducenti  alla  stesura del modulo di constatazione amichevole. Necessario pertanto l’intervento di una pattuglia dei Carabinieri della Stazione di Carlentini che in brevissimo tempo procedeva ai rilievi del sinistro ed all’immediato  ripristino della circolazione stradale.

 

 

 

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 15610

Leave a Comment


− 5 = quattro

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top