Melilli- Scontro tra Ambulanza e autovettura, muore la donna trasportata verso l’ospedale. Francofonte – Caseificio chiuso dai Nas riaperto abusivamente dai titolari, ora denunciati penalmente. Sortino- In carcere per espiare condanna per diversi reati. Siracusa- Esecuzione aggravamento pena per un 41 enne. Reviewed by Momizat on .   FRANCOFONTE -  CARABINIERI SCOPRONO CHE I TITOLARI DI UN CASEIFICIO AVEVANO RIAVVIATO L’ATTIVITA’ SEBBENE ANCORA SOTTO SEQUESTRO.    [caption id="at   FRANCOFONTE -  CARABINIERI SCOPRONO CHE I TITOLARI DI UN CASEIFICIO AVEVANO RIAVVIATO L’ATTIVITA’ SEBBENE ANCORA SOTTO SEQUESTRO.    [caption id="at Rating: 0
You Are Here: Home » Cronaca » Melilli- Scontro tra Ambulanza e autovettura, muore la donna trasportata verso l’ospedale. Francofonte – Caseificio chiuso dai Nas riaperto abusivamente dai titolari, ora denunciati penalmente. Sortino- In carcere per espiare condanna per diversi reati. Siracusa- Esecuzione aggravamento pena per un 41 enne.

Melilli- Scontro tra Ambulanza e autovettura, muore la donna trasportata verso l’ospedale. Francofonte – Caseificio chiuso dai Nas riaperto abusivamente dai titolari, ora denunciati penalmente. Sortino- In carcere per espiare condanna per diversi reati. Siracusa- Esecuzione aggravamento pena per un 41 enne.

 

FRANCOFONTE -  CARABINIERI SCOPRONO CHE I TITOLARI DI UN CASEIFICIO AVEVANO RIAVVIATO L’ATTIVITA’ SEBBENE ANCORA SOTTO SEQUESTRO. 

 

Nas controllano un caseificio

Nas controllano un caseificio

Francofonte, 9 marzo 2018 – Nella giornata di ieri, i Carabinieri della Stazione di Francofonte e del N.A.S. di Ragusa, nel corso di attività ispettiva, verificavano che in un fatiscente laboratorio di produzione prodotti caseari, sottoposto a sequestro nello scorso merse di dicembre, era stata riavviata l’attività di produzione violando i sigilli a suo tempo apposti. Nel corso della verifica i Carabinieri accertavano che i due titolari francofontesi L.S. e M.M., marito e moglie, violando i sigilli precedentemente apposti al laboratorio, poiché interessato da gravi carenze igieniche e senza autorizzazione, riattivavano la produzione casearia, mantenendo ancora ulteriori materie prime e prodotti caseari pronti per la vendita, in cattivo stato di conservazione ed insudiciati, non facendo rinvenire, altresì, ai militari operanti i prodotti sequestrati nel mese di dicembre scorso. A tal punto i Carabinieri si sono visti costretti a denunciare all’Autorità Giudiziaria i due titolari per i più ben gravi reati di violazione di sigilli e sottrazione di cose sottoposte a sequestro e reiterare la denuncia per il cattivo stato dei prodotti che al momento erano presenti nell’attività di produzione di alimenti. Nella circostanza sono stati sequestrati oltre 1.400 kg. di prodotti caseari ed 800 litri di latte, per un valore complessivo di oltre 20 mila euro. Nel mese di dicembre 2017 i due coniugi, oltre alla segnalazione alla competente Autorità Giudiziaria per le gravi violazioni di carattere penale, erano stati destinatari di complessivi 25.000 euro di sanzioni amministrative e del sequestro dello stabile adibito a laboratorio, del valore di € 100.000.

                                                                                                


SORTINO- DEVE ESPIARE UNA PENA DI 2 ANNI E 6 MESI, PER REATI DI LESIONI PERSONALI, RICETTAZIONE ED EVASIONE: ARRESTATO DAI CARABINIERI

Andrea Zappulla

Andrea Zappulla

Sortino, 9 marzo 2018 – I Carabinieri della Stazione di Sortino, nel corso del pomeriggio di ieri hanno tratto in arresto, in esecuzione di provvedimento di carcerazione emesso dal Tribunale di Siracusa Andrea Zappulla, pregiudicato, 25 anni, dovendo lo stesso espiare la pena detentiva di 2 anni e 6 mesi di reclusione per i reati di lesioni personali, ricettazione ed evasione, commessi in Sortino tra il 2014 e il 2016. L’arrestato, rintracciato presso la propria abitazione, al termine delle prescritte formalità di rito veniva tradotto presso la Casa Circondariale “Cavadonna” di Siracusa.

ORTIGIA, CARABINIERI DANNO ESECUZIONE AD UN AGGRAVAMENTO MISURA NEI CONFRONTI DI UN 42ENNE.  

Alfredo Bonafede

Alfredo Bonafede

Siracusa, 9 marzo 2018 – Nella giornata di ieri i Carabinieri della Stazione di Ortigia, hanno dato esecuzione ad un provvedimento di aggravamento misura cautelare emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Siracusa, nei confronti del siracusano Alfredo Bonafede, 41 anni, disoccupato con precedenti di polizia. La stesso, infatti, era stato più volte segnalato all’Autorità Giudiziaria di Siracusa, dallo stesso Comando Stazione, per la violazione delle prescrizioni previste dall’obbligo di dimora cui era già sottoposto per aver commesso in passato i reati di furto e resistenza a pubblico ufficiale. Preso atto delle inadempienze del Bonafede, la Procura di Siracusa ha deciso quindi di applicare allo stesso la misura più restrittiva degli arresti domiciliari.  

 

  untitledMELILLI -VIOLENTO INCIDENTE STRADALE TRA AUTO ED AMBULANZA CON PAZIENTE A BORDO, INTERVENGONO I CARABINIERI. 

Melilli, 9 marzo 2018 – Nella serata di ieri, lungo la SP30, nei pressi dell’incrocio con via S. Pertini di Melilli, si è verificato un violento incidente stradale tra un’ambulanza che, a sirene spiegate, trasportava una donna di 65 anni in codice rosso, e una Toyota Auris condotta da una donna. La paziente, trasferita immediatamente su altro mezzo di soccorso, sfortunatamente è deceduta prima dell’arrivo all’Ospedale Muscatello di Augusta. Nell’incidente sono rimasti lievemente feriti anche i conducenti che, trasportati anch’essi presso l’Ospedale Umberto I di Siracusa, riportavano lievi lesioni guaribili in pochi giorni. Non ancora chiara la dinamica dell’incidente avvenuto nella periferia di Melilli (Sr). Secondo quanto ricostruito dalla polizia municipale, la vittima era sull’ambulanza che la stava trasportando d’urgenza al pronto soccorso dopo che la donna aveva accusato un malore, forse un attacco cardiaco. Il mezzo di soccorso si è scontrato con un’autovettura che procedeva nel senso opposto di marcia. La donna che guidava l’auto ha riportato lievi ferite guaribili in pochi giorni così come l’autista dell’ambulanza. La Procura di Siracusa ha aperto un’inchiesta. Il sostituto Vincenzo Nitti la prossima settimana affiderà l’incarico per l’autopsia.

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 16707

Leave a Comment


× 7 = sette

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top