CESSA IL 34° GRUPPO RADAR SOSTITUITO DAL DISTACCAMENTO E DALLA SQUADRIGLIA RADAR – Celebrata la soppressione del 34° Gruppo Radar e la nascita del Distaccamento Aeronautico di Siracusa e della 137^ Squadriglia Radar Remota – Mezzogregorio. Reviewed by Momizat on .     (CS) Siracusa, 29 giugno 2012 - Presso la sede logistica del 34° Gruppo Radar di Via Elorina, ha avuto luogo la cerimonia di riorganizzazione del     (CS) Siracusa, 29 giugno 2012 - Presso la sede logistica del 34° Gruppo Radar di Via Elorina, ha avuto luogo la cerimonia di riorganizzazione del Rating:
You Are Here: Home » Attualita' » CESSA IL 34° GRUPPO RADAR SOSTITUITO DAL DISTACCAMENTO E DALLA SQUADRIGLIA RADAR – Celebrata la soppressione del 34° Gruppo Radar e la nascita del Distaccamento Aeronautico di Siracusa e della 137^ Squadriglia Radar Remota – Mezzogregorio.

CESSA IL 34° GRUPPO RADAR SOSTITUITO DAL DISTACCAMENTO E DALLA SQUADRIGLIA RADAR – Celebrata la soppressione del 34° Gruppo Radar e la nascita del Distaccamento Aeronautico di Siracusa e della 137^ Squadriglia Radar Remota – Mezzogregorio.

 

 

(CS) Siracusa, 29 giugno 2012 – Presso la sede logistica del 34° Gruppo Radar di Via Elorina, ha avuto luogo la cerimonia di riorganizzazione del 34° Gruppo Radar, presieduta dal generale di divisione aerea Mirco Zuliani, comandante del Comando Operazioni Aeree di Poggio Renatico (Ferrara). Alla presenza delle massime autorità civili, militare e religiose della provincia, il tenente colonnello Salvatore Gissara ha lasciato il comando del 34°Gruppo Radar Aeronautica Militare che, dal giorno 30 giugno, sarà ufficialmente soppresso per essere rimpiazzato dal “Distaccamento Aeronautico” di Siracusa, del quale ha assunto il comando il tenente colonnello Paolo Tredici, e la 137^ Squadriglia Radar Remota della quale ha assunto il comando il maggiore Giuseppe Canto. Si è così conclusa, dopo poco più di 52 anni, l’attività del 34° Gruppo Radar la cui sala operativa ha garantito, senza soluzione di continuità, la sorveglianza di un’ampia porzione di spazio aereo nazionale e Nato ed il controllo dei caccia intercettori che, 24 ore su 24, assicurano la Difesa Aerea dei cieli italiani. La soppressione del Gruppo Radar è stata resa possibile grazie allo sviluppo tecnologico che oggi consente di far confluire i segnali provenienti da tutte le antenne radar dislocate sul territorio nazionale, presso un’unica “centrale di controllo”, nella quale sarà accentrato tutto il personale qualificato “controllore difesa aerea”. Un processo che ha richiesto alcuni anni di lavoro, al fine di garantire che il passaggio delle funzioni di controllo dalla sala operativa di Mezzogegorio alle sale operative che ne hanno rilevato l’area di competenza, potesse avvenire con la massima sicurezza, cioè, senza riduzione delle capacità di sorveglianza dello spazio aereo.

 

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 16806

Comments (1)

Leave a Comment


× 5 = quaranta cinque

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top