Carlentini: 4 colpi di pistola per freddare, davanti al portone, un muratore 32 enne; Arrestato nel tentativo di nascondere droga. Priolo- Una coppia arrestata mentre rubava al Market. Augusta- Arrestato per evasione. Reviewed by Momizat on . CARLENTINI (SR). FREDDATO MENTRE USCIVA DA CASA STAMATTINA ALL’ALBA.   [caption id="attachment_89350" align="alignleft" width="300"] Il luogo dell'agguato mentr CARLENTINI (SR). FREDDATO MENTRE USCIVA DA CASA STAMATTINA ALL’ALBA.   [caption id="attachment_89350" align="alignleft" width="300"] Il luogo dell'agguato mentr Rating: 0
You Are Here: Home » Cronaca » Carlentini: 4 colpi di pistola per freddare, davanti al portone, un muratore 32 enne; Arrestato nel tentativo di nascondere droga. Priolo- Una coppia arrestata mentre rubava al Market. Augusta- Arrestato per evasione.

Carlentini: 4 colpi di pistola per freddare, davanti al portone, un muratore 32 enne; Arrestato nel tentativo di nascondere droga. Priolo- Una coppia arrestata mentre rubava al Market. Augusta- Arrestato per evasione.

CARLENTINI (SR). FREDDATO MENTRE USCIVA DA CASA STAMATTINA ALL’ALBA.  

Il luogo dell'agguato mentre i carabinieri effettuano i rilievi scientifici

Il luogo dell’agguato mentre i carabinieri effettuano i rilievi scientifici

(AGV)Carlentini, 26 febbraio 2018 - Si torna a sparare, si torna a uccidere  nel centro della cittadina della zona nord. Un killer ha freddato un muratore 32 enne mentre usciva di casa alle prime luci dell’alba, intorno alle 6,30. L’uomo, sposato e padre di 2 figli lavorava in un agriturismo.  I prima a giungere sul posto sono stati i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Siracusa e quelli della Compagnia di Augusta proprio mentre Carlentini cominciava a vivere un altro lunedì.  I militari dell’Arma sono in intervenuti  in Piazza Marchesi nel centro cittadino carleontino dove hanno constatato che per  Salvatore Ragusa di 32 anni, non c’era più nulla da fare. L’uomo era  incensurato, circostanza che non facilita le indagini dei militari. Ragusa è stato colpito da  4 proiettili  esplosi  da una pistola calibro 7,65. Il killer ha sparato da una distanza ravvicinata in rapida sequenza e senza mancare mai il bersaglio. I Carabinieri intervenuti sul posto, hanno agito sotto la direzione del P.M. Dottor Tommaso Pagano della Procura della Repubblica  di Siracusa, e dopo avere  eseguito metodici rilievi sono passati ad assumere  informazioni per giungere a determinare il movente dell’esecuzione e assicurare alla giustizia il responsabile, o i responsabili dal momento che non si esclude che un complice possa avere accompagnato l’autore dell’ omicidio.

CARLENTINI (SR). DURANTE UN CONTROLLO ALLA CIRCOLAZIONE STRADALE I CARABINIERI TROVANO UN GIOVANE CHE OCCULTAVA STUPEFACENTI DI VARIO GENERE NELLE TASCHE DEL GIUBBOTTO: ARRESTATO.

Giordano Palermo

Giordano Palermo

Carlentini, 26 febbraio 2018 - Nella decorsa notte, in Carlentini i militari della locale Stazione CC, nell’ambito di mirati servizi predisposti dalla Compagnia CC di Augusta e finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati in materia di stupefacenti, traevano in arresto, in flagranza di reato, il pregiudicato  Giordano Palermo, 25 anni, convivente, disoccupato, perché resosi responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Nella fattispecie i militari dell’Arma a seguito di un normale controllo alla circolazione stradale procedevano ad effettuare una perquisizione personale nei confronti del predetto giovane, fermato a bordo di autovettura in compagnia di altra persona, a seguito della quale rinvenivano nelle tasche del suo giubbotto involucri contenente grammi 5 circa di sostanza stupefacente tipo cocaina e grammi 4 circa di sostanza stupefacente tipo marijuana, suddivisa in piccole dosi e già pronta per lo smercio. Lo stupefacente veniva sequestrato, il giovane tratto in arresto e dopo aver espletato le formalità di rito, veniva sottoposto agli arresti domiciliari così come disposto dall’A.G. procedente. 

PRIOLO GARGALLO (SR). TENTANO DI RUBARE VESTITI E GENERI ALIMENTARI IN UN SUPERMARKET: 2 ARRESTI DEI CARABINIERI. 

Elena Maffei

Elena Maffei

Alfredo Cappello

Alfredo Cappello

 

Priolo, 26 febbraio 2018 – Nel pomeriggio della giornata di ieri, i Carabinieri della Stazione di Priolo Gargallo, durante un servizio di controllo del territorio, sono stati allertati dai dipendenti del supermarket “Gemar” per un furto in atto ed hanno quindi tratto in arresto Elena Maffei, 41 anni, siracusana disoccupata e pregiudicata e Alfredo Cappello, 36 anni, disoccupato siracusano con precedenti di polizia. L’uomo e la donna, dopo aver manomesso i sistemi antitaccheggio della merce, hanno tentato di trafugare capi di abbigliamento, detersivi e prodotti alimentari per un valore complessivo pari a 100 euro circa. Il personale di vigilanza del centro commerciale, avendo notato i soggetti con atteggiamento furtivo, hanno seguito i loro movimenti dalle telecamere di sorveglianza ed ha potuto osservare il momento del furto. Immediatamente allertati ed intervenuti sul posto i Carabinieri, hanno sottoposto i sospettati a perquisizione personale rinvenendo l’intera refurtiva.I due sono stati quindi dichiarati in arresto per furto aggravato e dopo aver espletato le formalità di rito presso la Stazione Carabinieri di Priolo Gargallo, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari così come disposto dall’Autorità Giudiziaria di Siracusa.

 AUGUSTA (SR).  EVADE DAL LUOGO DETENZIONE DOMICILIARE: ARRESTATO DAI CARABINIERI.  

Alfio Sesta

Alfio Sesta

Augusta, 26 febbraio 2018 – Nel corso del pomeriggio di ieri, i militari dell’Aliquota Radiomobile del N.O.R.M. della Compagnia   Carabinieri di Augusta, nell’ambito di predisposti servizi finalizzati al controllo dei soggetti sottoposti a regime di espiazione pena, traevano in arresto, in flagranza di reato,  Alfio Sesta, siracusano, 33 anni, per il reato di evasione. Nella fattispecie, il predetto, sebbene sottoposto al regime della detenzione domiciliare presso una comunità terapeutica assistita di Augusta, per aver commesso, nel 2009, vari reati contro il patrimonio, veniva rintracciato dai militari operanti nei pressi del borgo marinaro di Brucoli. Sesta che non forniva ai militari alcuna valida spiegazione in merito alla palese violazione delle prescrizioni impostegli, una volta espletate le prescritte formalità di rito, veniva sottoposto agli arresti domiciliari presso la stessa struttura terapeutica cosi come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

 

 

 

 

 

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 16806

Leave a Comment


7 × otto =

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top