Augusta – La sindaca Di Pietro alza la voce con l’Asp:”Sul Muscatello pronti a rivolgerci alla magistratura”. Replica Di Mare (#perAugusta):”E’ iniziata la campagna per il consulente M5s” Reviewed by Momizat on . NOTA AI LETTORI (Ma.Ci.) La prima stesura di questo articolo è stata pubblicato il 31 gennaio sera. Dopo qualche ora è scomparso dal giornale, senza alcun inter NOTA AI LETTORI (Ma.Ci.) La prima stesura di questo articolo è stata pubblicato il 31 gennaio sera. Dopo qualche ora è scomparso dal giornale, senza alcun inter Rating: 0
You Are Here: Home » Augusta in pagina » Augusta – La sindaca Di Pietro alza la voce con l’Asp:”Sul Muscatello pronti a rivolgerci alla magistratura”. Replica Di Mare (#perAugusta):”E’ iniziata la campagna per il consulente M5s”

Augusta – La sindaca Di Pietro alza la voce con l’Asp:”Sul Muscatello pronti a rivolgerci alla magistratura”. Replica Di Mare (#perAugusta):”E’ iniziata la campagna per il consulente M5s”

NOTA AI LETTORI

(Ma.Ci.) La prima stesura di questo articolo è stata pubblicato il 31 gennaio sera. Dopo qualche ora è scomparso dal giornale, senza alcun intervento da parte di editore e redazione, mentre il link del titolo rimandava a una cronaca di Francofonte. Un’indagine interna appurerà se il disservizio sia il risultato di un’intrusione. Il pezzo viene ripubblicato l’1 febbraio, con l’integrazione di un comunicato nel frattempo pervenuto sull’argomento. Gli articoli “mangiati” sono un fenomeno che, singolarmente, registriamo in momenti politici delicati. Ma ciò che viene cancellato è sempre ripubblicato, anche se perde il mordente dell’immediatezza, perché resti memoria del nostro lavoro d’informazione. E resti intatta la vostra libertà di scegliere dove informarvi.  

Augusta. L'ospedale Muscatello

Augusta. L’ospedale Muscatello

(Massimo Ciccarello) Augusta, 1 febbraio 2018 – “Questa amministrazione è stata costantemente vigile, grazie anche all’ausilio dell’esperto del sindaco, dottor Giuseppe Pisani, su ogni problematica afferente il nostro nosocomio”. La sindaca Cettina Di Pietro inizia la campagna elettorale per il candidato locale dei 5 Stelle, cercando di mettere subito una pezza nel suo tallone d’Achille: il ridimensionamento del Muscatello. Argomento spinosissimo per l’aspirante senatore e la sua sponsor a Palazzo, che Peppe Di Mare ha subito sollevato:“L‘allora Assessore alla Sanità, oggi consulente in materia sanitaria del Sindaco, giustificò tutte le scelte dell’Asp che aveva avallato”.

L’ultima battagli politica sull’ospedale si è scatenata dopo un comunicato diffuso il 31 gennaio dall’ufficio di gabinetto. Nel documento, la sindaca dichiara guerra alla Direzione sanitaria minacciando, “se occorre, di far ricorso alla magistratura”. Un cambio di rotta per un’amministrazione che finora aveva tenuto un atteggiamento “collaborativo”. Adesso Di Pietro si accorge che quella linea politica non paga, sicuramente sotto il profilo elettorale. E così lamenta che, “da mesi, assistiamo a manovre che appaiono in palese e netto contrasto con gli impegni assunti in merito al decreto sulla rimodulazione della rete ospedaliera”. Attirandosi però lo scontato comunicato di replica replica dal consigliere di #perAugusta. Secondo il quale, “affermare di assistere da mesi a ‘manovre’ è il simbolo di questa amministrazione che assiste a tutto, inerme, facendo decidere ad altri il futuro della città”.

Palazzo di città si mobilita dopo le notizie, poi rettificate dall’Asp, che si sarebbero potenziati altri ospedali della provincia a scapito del Muscatello. Emblematica, “in primis la effimera apertura del Centro amianto, oggetto di interlocuzione e richiesta di chiarimenti con la direzione sanitaria da parte del dottor Pisani e del deputato regionale Stefano Zito”.

Un reparto “senza posti letto”, sottolinea il documento diffuso da Di Pietro, avviato “senza l’assegnazione di appositi fondi. Detta scelta, tuttavia, avrebbe potuto essere condivisa qualora si fosse proceduto all’attivazione di quei reparti definiti come prioritari, nel riscontro fornito il 3 maggio 2016 sulla mozione di indirizzo, dove si legge che il potenziamento del polo oncologico megarese rappresenta uno dei punti cardine del piano di riorganizzazione”.

Affermazioni che hanno fatto insorgere il capogruppo d’opposizione, per il pulpito da cui venivano pronunciate. “L‘allora Assessore alla Sanità, oggi consulente in materia sanitaria del Sindaco – scrive Di Mare -, giustificò tutte le scelte dell’Asp che aveva avallato in conferenza dei Sindaci, compreso lo spostamento del reparto di ginecologia fino alla scelta di portare ad Augusta delle Unità operative semplici, concludendo il proprio intervento con le parole ‘…aiutando questa dirigenza (sanitaria) a realizzare quanto previsto’. Oggi, finalmente o pretestuosamente, si rendono conto che quel ‘quanto previsto’ era un piano scellerato.

Ma alla sindaca Di Pietro, nell’ansia di tirare la volata elettorale al suo consulente, tuttavia è sembrato sfuggire anche altro. Come la conferenza dei servizi sul Muscatello, alla quale aveva partecipato il 22 settembre 2015 insieme a Pisani, all’epoca ancora assessore all’Ambiente. Secondo quanto è riportato nel verbale allegato alla delibera 50 del 2016, con la quale la Regione approva la nuova rete ospedaliera depotenziando il nosocomio, il vicesindaco ha una posizione singolare per un amministratore che ancora galleggia sull’entusiasmo elettorale dei grillini.

Il radiologo è arrivato trionfalmente in giunta 3 mesi prima, contribuendo coi suoi oltre 800 voti al boom di un Movimento prosperato sulle proteste di piazza proprio sul Muscatello. Quando il M5s era fuori dal Palazzo, non c’erano ragioni che tenessero e l’amministrazione comunale era responsabile di tutto. Appena messo piede nella stanza dei bottoni, qualcosa sembra cambiare. Così, in quel verbale, da un lato Pisani “evidenzia la necessità di un Polo oncologico ad Augusta”, però si accontenta “di un impegno a che ciò possa avvenire”. Rilasciando l’assenso, che sindacati e associazioni di categoria considerano un nulla osta, “comprendendo l’impossibilità a poterlo realizzare”.

Il suo rapporto con l’amministrazione adesso è diverso, rispetto quella conferenza dei sindaci in cui partecipava nella duplice veste di vicesindaco e primario del Muscatello. Dopo essersi dimesso dalla giunta la primavera successiva per “motivi di salute”, diventando nel frattempo primario a Lentini, è tornato a Palazzo un anno dopo come consulente. Continuando ad affiancare la sindaca Di Pietro con maggiore tranquillità, essendo andato in pensione dall’Asp. Ma non dalla professione che l’ha reso popolare, e che continua a esercitare collaborando con il centro “Archimede” di Siracusa, un istituto di Medicina del lavoro cui si rivolgono le raffinerie per le certificazioni mediche ai propri dipendenti.

                                                                                                                                        COMUNICATO STAMPA – DI MARE: “La campagna elettorale fa miracoli”  

(*CS)E’ proprio vero, la campagna elettorale fa miracoli, compreso quello di far capire all”Amministrazione che al presidio ospedaliero Muscatello le cose non vanno bene, e poco importa se con il proprio comportamento omissivo e distratto, l’Amministrazione, insieme alle costanti scelte discriminatorie della direzione generale sanitaria dell’Asp, di fatto stanno spogliando il nostro Ospedale riducendolo, forse, in un Pronto Soccorso, questo quanto dichiara il Consigliere Comunale di #perAugusta Giuseppe Di Mare.

Che senso ha richiamare una mozione – afferma Di Mare – del Consiglio Comunale del 2015, da sempre disattesa, solo oggi rimane un mistero, a meno che la massima Autorità in materia sanitaria cittadina, il Sindaco, non abbia di fatto aperto ufficialmente la campagna elettorale del proprio consulente alla sanità.

Affermare di assistere da mesi a “manovre” è il simbolo – dice Di Mare – dello stato di questa amministrazione che assiste a tutto, come si assiste ad un concerto o ad uno spettacolo teatrale, inerme, facendo decidere ad altri il futuro della Città amministrata.

Si abbina a questo concetto “l’aver appreso dalla stampa” che i fondi destinati ad Augusta con l’art. 6 della legge 5 del 2009 sono stati probabilmente usati in altri luoghi, siamo al paradosso dell’attività amministrativa.

Ricordo ancora il Consiglio Comunale del 05/10/2015 quando dinanzi al mio grido di allarme, al mio appello – continua Di Mare – per evitare il depotenziamento del nostro Ospedale, al mio non esser d’accordo con la dotazione proposta dall’ASP, l’allora Assessore alla Sanità, oggi consulente in materia sanitaria del Sindaco, giustificò tutte le scelte dell’Asp che aveva avallato in conferenza dei Sindaci, compreso lo spostamento del reparto di ginecologia fino alla scelta di portare ad Augusta delle UOS concludendo il proprio intervento con le seguenti parole “…aiutando questa dirigenza (sanitaria) a realizzare quanto previsto.”

Oggi, finalmente o pretestuosamente, si rendono conto che quel “quanto previsto” era un piano scellerato per il presente e futuro del nostro Ospedale, piano di cui molti sono i complici anche nell’Amministrazione.

In Aula ci siamo sempre opposti ad un certo modo – continua Di Mare – di intendere il futuro ed il presente del Muscatello anche quando l’Amministrazione giustificava tutte le scelte, anche quando l’Amministrazione condivideva piani e progetti della direzione sanitaria e sbandierava risultati raggiunti e cronoprogrammi.

Forse il Sindaco non sa – continua Di Mare – che parla di un Ospedale che non c’è più, che allo stato attuale si tratta solo di un grande pronto soccorso, che il responsabile di questa situazione è anche chi ricopre la carica di maggior responsabile sanitario della Città, cioè il Sindaco stesso.

Oggi è facile e propagandistico svegliarsi in prossimità – conclude il Consigliere Comunale di #perAugusta Giuseppe Di Mare – della campagna elettorale e lanciare la volata ai propri amici, quindi si torna a parlare di Ospedale, tema su cui si possono e devono cercare consensi pre elettorale.

* Giuseppe Di Mare  Consigliere Comunale di Augusta

dichiarazione-alla-stampa-ospedale-muscatello

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 16806

Leave a Comment


6 − cinque =

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top