Augusta – Il Muscatello ancora senza Osservazione intensiva, mentre a Lentini e Avola l’Asp apre la Rianimazione. Il Tds pronto a protestare col governatore Musumeci. Reviewed by Momizat on . [caption id="attachment_91221" align="alignleft" width="300"] Il presidente Domenico Fruciano col direttivo del Tds[/caption] (Massimo Ciccarello) Augusta, 24 a [caption id="attachment_91221" align="alignleft" width="300"] Il presidente Domenico Fruciano col direttivo del Tds[/caption] (Massimo Ciccarello) Augusta, 24 a Rating: 0
You Are Here: Home » Augusta in pagina » Augusta – Il Muscatello ancora senza Osservazione intensiva, mentre a Lentini e Avola l’Asp apre la Rianimazione. Il Tds pronto a protestare col governatore Musumeci.

Augusta – Il Muscatello ancora senza Osservazione intensiva, mentre a Lentini e Avola l’Asp apre la Rianimazione. Il Tds pronto a protestare col governatore Musumeci.


Il presidente Domenico Fruciano col direttivo del Tds

Il presidente Domenico Fruciano col direttivo del Tds

(Massimo Ciccarello) Augusta, 24 aprile 2018 –  L’aria di elezioni amministrative mobilita le fanfare della politica siracusana sul “potenziamento” della sanità pubblica. Così accade che Enzo Vinciullo celebri – giustamente – come “giornata positiva per la provincia di Siracusa, l’apertura della Rianimazione di Lentini e Avola”. Ma accade anche che quel “risultato storico che abbiamo raggiunto” celebrato dall’ex deputato regionale, faccia girare ancora di più le scatole al Tds di Augusta sulla situazione dell’ospedale Muscatello. Che è il primo nella lista quando c’è da tagliare, salvo finire in coda alla graduatoria quando c’è da potenziare.

Il 27 aprile, perciò, la dirigenza del “Tutela della salute e del presidio ospedaliero” terrà una conferenza stampa per denunciare l’immobilismo dell’Azienda sanitaria. E sarà solo la prima della iniziative programmate dall’associazione di volontariato, che ha ereditato le frange più battagliere del Tribunale per i diritti del malato. A seguire ci sarà un incontro pubblico dove, spiega il presidente Domenico Fruciano, “spiegheremo a tutti quanto sta accadendo, anzi, cosa non sta accadendo nel nostro nosocomio”. Le nuove unità inaugurate a Lentini e Avola – ospedali cui si appoggiano Carlentini e Rosolini, entrambi chiamati alle urne nelle comunali di giugno – sono state infatti finanziate con risorse proprie dell’Asp.

“Mentre per il Muscatello non si riesce a fare partire l’Osservazione breve intensiva, che fra l’altro è prevista dalla legge”. Il presidente del Tds riconosce che il percorso di finanziamento per la “Obi” è diverso. Però resta il fatto che, mentre altrove si tagliano nastri, quanto riguarda il presidio ospedaliero augustano continua a restare sulla carta. Continua, ad esempio, ad aspettare che venga fornito di anestesisti per far funzionare a pieno regime la sala operatoria. Attualmente si opera solo per le urgenze, e si spera che a maggio l’ospedale avolese presti uno dei suoi specialisti in anestesia. Anche se, come ogni prestito, “pare che dopo un mese debba essere restituito”.

Eppure, nota Fruciano, “a Lentini di anestesisti ne hanno ben 11″. Sembra però, “secondo quanto ci ha comunicato la Asp, che nessuno voglia venire ad Augusta“. Ovviamente nessuno cerca di far viaggiare la propria carriera sopra un treno che arranca su un binario morto. Ma, altrettanto ovviamente, “quando si tratta di dipendenti, la sede di lavoro può deciderla il datore”. Magari non sarà così semplice, fra normative di settore e sindacati di categoria, però al Tds resta la sensazione che la dirigenza sanitaria distingua fra figli e figliastri.

Così, dopo conferenza stampa e manifestazione pubblica “informativa”, il terzo passo dell’associazione sarà direttamente con l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza. E poi magari con lo stesso Nello Musumeci che, prima di diventare presidente della Regione, aveva puntato i fari della Commissione antimafia siciliana sull’immobilismo intorno il Muscatello. A dirla tutta, ci sarebbe anche un’altra risorsa che potrebbero mettere in campo. Ed è Pino Pisani, senatore 5 Stelle fresco d’elezione plebiscitaria, per giunta in un partito a un passo dal governo. Dell’ospedale augustano è stato primario di radiologia, e dei grillini punto di riferimento nelle proteste di piazza per difenderlo; ma questo era prima che il Movimento respirasse aria di Palazzo.

 COMUNICATO STAMPA -  VINCIULLO:  Giornata positiva per la provincia di Siracusa, aprono la rianimazione di Lentini e Avola, inaugurato l’Einaudi.  

Siracusa, 23 aprile 2018 -  Giornata sicuramente positiva per la provincia di Siracusa che vede finalmente raggiunti 3 traguardi a cui lavoriamo da anni con grande impegno e grande serietà. Lo dichiara Vincenzo Vinciullo.Questa mattina aprono, dopo anni di impegni e di costante lavoro, le Unità di Rianimazione dell’Ospedale di Lentini e dell’Ospedale di Avola.Un risultato storico che abbiamo raggiunto a prescindere dalle varie “Cassandre” che negli anni, anziché comprendere e apprezzare il lavoro che si stava facendo, si sono, invece, augurati che quest’obiettivi non venissero mai raggiunti per poter continuare a gufare e a cimentarsi in querule lamentazioni.Con il raggiungimento di questi due obiettivi, si conclude un programma che era iniziato quando sono stato Segretario della Commissione Sanità e che ha visto l’apertura della Pet/TAC, della Radioterapia, nonché delle Risonanze Nucleari Magnetiche pubbliche di cui solo la sanità pubblica della provincia di Siracusa era sprovvista in tutta Italia ed eliminando, così, un monopolio dei privati che era odioso e insopportabile, così come odioso e insopportabile era il fatto che per essere sottoposti a radioterapia bisognava andare necessariamente fuori provincia.Inoltre, da presidente della Commissione Bilancio, ho contribuito a creare le condizioni per aumentare in modo sostanziale le risorse finanziarie destinate all’ASP di Siracusa, cosa che oggi consente di poter attivare le nuove due Unità di Rianimazione ad Avola e a Lentini.Questa mattina, inoltre, a Siracusa, è stata inaugurata la nuova sede del Liceo Scientifico “Einaudi”, una struttura all’avanguardia che consentirà ai nostri figli e ai nostri studenti di poter frequentare in modo idoneo e adeguato le nostre scuole.Una pagina bella, ha concluso Vinciullo, attesa da anni, frutto del lavoro che la ex Provincia regionale, con i suoi Presidenti e Dirigenti, ha portato avanti in questi anni.Quindi, una giornata storica per la nostra provincia, in cui ha trionfato la buona politica.

Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 16806

Leave a Comment


− 4 = due

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top