Augusta – Chi protesta e chi manovra. Vendita della Esso, FdI polemica per l’assenza di notizie sul vertice fra Di Pietro e Sonatrach. M5s e Assostampa s’intendono sull’informazione di Palazzo Reviewed by Momizat on . [caption id="attachment_91643" align="alignright" width="300"] Mauro Caruso (Capogruppo e il grande manovratore del M5S . Nel riquadro Inzolia e Failla[/caption [caption id="attachment_91643" align="alignright" width="300"] Mauro Caruso (Capogruppo e il grande manovratore del M5S . Nel riquadro Inzolia e Failla[/caption Rating: 0
You Are Here: Home » Augusta in pagina » Augusta – Chi protesta e chi manovra. Vendita della Esso, FdI polemica per l’assenza di notizie sul vertice fra Di Pietro e Sonatrach. M5s e Assostampa s’intendono sull’informazione di Palazzo

Augusta – Chi protesta e chi manovra. Vendita della Esso, FdI polemica per l’assenza di notizie sul vertice fra Di Pietro e Sonatrach. M5s e Assostampa s’intendono sull’informazione di Palazzo

Mauro Caruso( Capogruppo e il grande manovratore del M5S  . Nel riquadro Inzolia e Failla

Mauro Caruso (Capogruppo e il grande manovratore del M5S . Nel riquadro Inzolia e Failla

 (Massimo Ciccarello) Augusta, 11 maggio 2018 - Adesso anche la politica si accorge che qualcosa non funziona fra i 5 Stelle di Augusta e il concetto di informazione. A mettere nero su bianco questa perplessità è Fratelli d’Italia, con un comunicato dove “chiede chiarimenti all’amministrazione” sul vertice a Palazzo di città col nuovo proprietario della Esso. I coordinatori cittadini, Marco Failla e Enzo Inzolia, “intervengono a seguito della cessione della raffineria e dell’incontro tra la delegazione della società algerina e il sindaco, tenutosi al municipio”. Un faccia a faccia fra Cettina di Pietro e l’amministratore delegato della Sonatrach, Abdelmoumen Ould Kaddour, svoltosi il 9 maggio proprio mentre usciva la notizia che ha colto in contropiede persino i sindacati nazionali.

Il ceo dell’azienda statale è stato accolto dalla grillina con tutti gli onori, compresi lo scambio di doni e le foto di rito. Cosa che ha subito fatto sospettare un appuntamento fissato da tempo. Perciò “Fratelli d’Italia chiede di sapere quando e da chi la visita sia stata richiesta, e con quale motivazione”.Una curiosità che hanno molti, “poiché è impensabile che la delegazione della società algerina, che “segretamente” ha acquistato gli impianti e i depositi dell’intera Sicilia, si sia improvvisamente ed inaspettatamente presentata in Comune per rendere visita”. Inzolia e Failla non si accontentano del generico post pubblicato dalla sindaca solo nel cuore della notte, e rimasto fino all’11 maggio l’unica comunicazione del Comune.

“In assenza di cortesi ma esaustive risposte, diventerebbe lecito pensare che l’amministrazione abbia tenuto nascoste ai cittadini (quanto meno ai suoi rappresentanti) informazioni di vitale importanza per l’intera comunità augustana, e non solo”, scrivono i coordinatori di FdI. Ma a notare questo buco nero nella informazione di Palazzo sono anche i consiglieri d’opposizione. Che hanno già chiesto una seduta urgente del consiglio comunale, aperta ai sindacati e alle due aziende. Un’iniziativa partita dal capogruppo Leu, l’ex Cgil Giancarlo Triberio, cui si è aggiunto il consigliere area Cisl Alessandro Tripoli. Oltre a Peppe di Mare, Angelo Pasqua, Enzo Canigiula, Irene Sauro, Giuseppe Schermi, Marco Niciforo, Franco Lisitano e Salvatore Errante. Un fronte bipartisan, sia politico che sindacale, dal quale manca il logo 5 Stelle.

Eppure la maggioranza dovrebbe essere in prima fila a dare una risposta alle preoccupazioni che serpeggiano in città. E a chiedere chiarimenti pubblici alla giunta M5s, se non altro perché sembra sapere più di altri. Persino delle Rsu aziendali, che di algerini ancora non hanno visto l’ombra. E che nelle assemblee di fabbrica hanno avuto dalla direzione solo rassicurazioni per l’immediato futuro, ma nessuna garanzia per il lungo termine. I segnali che arrivano dai russi della vicina Lukoil non sono incoraggianti, circa le intenzioni dei petrolieri stranieri nel petrolchimico. Fanno intravedere il piano di un progressivo abbandono della raffinazione, per trasformare gli stabilimenti in depositi di stoccaggio. E’ questa la strategia seguita pure dalla Sonatrach ad Augusta, una volta terminato l’addestramento specializzato del personale algerino?

Un’idea concreta sui reali progetti dell’azienda di stato, che deve far fronte alla fame di carburante dichiarata dall’Algeria, potrebbe venire solo dal loro piano industriale. I sindacati l’hanno già chiesto nel competente tavolo al ministero dello Sviluppo, e sono ancora in attesa di risposta. Se questa domanda l’ha fatta pure Di Pietro, ottenendo qualche informazione in merito, non è dato sapere. La striminzita comunicazione postata sulla sua pagina Facebook, non dice nulla in merito. Strano, perché il M5s in questi giorni sembra particolarmente attento a curare l’informazione. E persino a migliorare i rapporti con quella categoria dei giornalisti da cui si sentono bistrattati.

Nonostante a pesare sul tavolo ci fosse il “ci siamo abituati da tre anni”, denunciato dal Palazzo circa un trattamento discriminatorio ricevuto dai webgiornali locali, i portavoce grillini hanno incontrato l’Assostampa con cordialità. Sul tappeto il caso del finto notiziario diffuso sulla loro pagina social, e poi ritirato dopo le proteste dei giornalisti telematici dell’Agirt e del Gruppo Sud est. Ma in argomento pure i rapporti fra corrispondenti e amministrazione comunale.

“Ad Assostampa vanno fin d’ora i più sentiti ringraziamenti per l’apporto professionale, corretto e obiettivo offerto”, scrive il capogruppo Mauro Caruso, due giorni dopo il faccia a faccia col segretario provinciale Prospero Dente. Il quale, in un comunicato diffuso quasi in contemporanea al M5s, annuncia che “le parti sono rimaste d’accordo che, nel volgere di due settimane, si ritroveranno per una nuova verifica”.

Insomma, i vertici dei grillini e la segreteria del sindacato unico dei giornalisti si parlano e sembrano capirsi bene. Quanto e in che modo è più diffusamente chiarito nei due documenti, pubblicati integralmente in coda. Qualche ora dopo che le due delegazioni s’erano salutate avendo chiarito la necessità di “sensibilizzare l’amministrazione, sindaco in testa, affinché le informazioni vengano diffuse prontamente agli organi di stampa”, Di Pietro usciva a sorpresa la notizia-bomba del suo incontro col ceo algerino. I cronisti hanno dovuto leggerlo sui social, senza poter fare domande dirette. Probabilmente i 5 Stelle avranno pensato che, in fin dei conti, l’importante è aver “condiviso molte opinioni legate alla sfera comunicativa”. Il resto può attendere, come le risposte sulla Sonatrach.

COMUNICATO Failla e Inzolia (FdI): Cessione raffineria Esso, Fratelli d’Italia chiede chiarimenti all’amministrazione sull’incontro al municipio

 I Coordinatori cittadini di Fratelli d’Italia di Augusta, Marco Failla e Enzo Inzolia, partito guidato dall’On. Giorgia Meloni, intervengono a seguito della cessione della raffineria Esso e dell’incontro tra la delegazione della società algerina ed il Sindaco tenutosi al municipio. Di seguito, la nota congiunta.

Augusta, 11 maggio 2018 – Considerate le modalità della cessione della raffineria Esso, e poiché è impensabile che la delegazione della società algerina che “segretamente” ha acquistato gli impianti e i depositi dell’intera Sicilia si sia improvvisamente ed inaspettatamente presentata ieri in Comune per rendere visita al Sindaco, Fratelli d’Italia chiede di sapere quando e da chi la visita sia stata richiesta e con quale motivazione. Anche perché, in assenza di cortesi ma esaustive risposte, diventerebbe lecito pensare che l’amministrazione abbia tenuto nascoste ai cittadini (quanto meno ai suoi rappresentanti) informazioni di vitale importanza per l’intera comunità augustana e non solo.

I Coordinatori cittadini Marco Failla – Enzo Inzolia

COMUNICATO STAMPA ASSOSTAMPA

 Siracusa, 11 maggio 2018 – Accesso alle fonti, diritto di informazione, comunicazione istituzionale. Questi gli argomenti al centro di un proficuo incontro tra il segretario provinciale di Assostampa Siracusa, Prospero Dente, la presidente del Consiglio Comunale di Augusta, Sarah Marturana, e il capogruppo consiliare dei 5Stelle, Mauro Caruso.

L’incontro, ritenuto necessario dopo la pubblicazione di una sorta di video-giornale sulla pagina “Augusta 5 Stelle” e rimosso dopo una prima intesa intercorsa tra il sindacato unico dei giornalisti e lo stesso movimento politico, è sceso nel merito delle garanzie da preservare per una corretta, plurale, costante informazione dell’attività dell’Amministrazione comunale di Augusta.

Assostampa ha ribadito due concetti fondamentali. Il primo riguarda la necessità, normata dalla legge, che la comunicazione istituzionale di qualsiasi ente locale sia affidata ad un giornalista e non può essere declinata con altri mezzi, vedi pagine personali sui social di chi ricopre cariche pubbliche, o da persone non iscritte all’Ordine professionale.

La seconda riguarda l’accesso alle informazioni da parte dei colleghi che raccontano le vicende del Comune di Augusta. L’Assostampa, pur comprendendo le difficoltà economiche oggettive dell’ente, ha chiesto al presidente del Consiglio comunale e al capogruppo di maggioranza, di farsi portavoce della categoria e sensibilizzare l’Amministrazione, Sindaco in testa, affinché le informazioni vengano diffuse prontamente agli organi di stampa, gli assessori possano agevolare il lavoro dei colleghi in caso di richiesta di notizie e/o approfondimenti, tutti i colleghi, nessuno escluso, siano invitati alle eventuali conferenze stampa indette.

Le parti sono rimaste d’accordo che, nel volgere di due settimane, si ritroveranno per una nuova verifica.

La Segreteria Assostampa Siracusa

COMUNICATO GRUPPO AUGUSTA 5 STELLE – RAPPORTI CON LA STAMPA.

Siracusa, 11 maggio 2018 – In merito alle recenti notizie diffuse da alcuni organi di stampa, riteniamo doveroso smentire con forza che il breve video notiziario recentemente apparso sulla pagina Facebook Augusta5Stelle rappresenti, o volesse essere, un atto ostile nei confronti della categoria dei giornalisti, alla quale va invece tutto il nostro rispetto. Il c.d. videonotiziario è una breve sintesi di notizie già pubblicate dai soggetti istituzionali nelle rispettive pagine facebook, ed è stato realizzato e pubblicato da Augusta 5 Stelle sulla propria pagina facebook: il Comune, pertanto, nulla ha diffuso via web. Quanto all’incontro con Assostampa, del tutto privato ed informale, esso non è nato come conseguenza del comunicato firmato dall’Associazione giornalisti radiotelevisivi e telematici e dal Gruppo giornalisti e dal Gruppo giornalisti del sud est, ma era stato già promosso in precedenza e proprio per ragioni legate al fatto che il Comune di Augusta non dispone di un Ufficio/Addetto Stampa, ragion per cui riteniamo ancor più importante ed essenziale avvalerci di utile interlocuzione con i professionisti accreditati al fine di offrire il nostro supporto all’operato dell’amministrazione.  L’incontro è stato molto piacevole e sereno ed abbiamo condiviso molteplici aspetti importanti. In particolare, abbiamo condiviso molte opinioni legate alla sfera comunicativa, e la delicata situazione in cui la legittima volontà di poter divulgare informazioni riguardanti la nostra città e l’operato della nostra amministrazione, si scontra con le difficoltà oggettive dell’ente, connesse alla mancanza di un capitolo di bilancio per la comunicazione a mezzo stampa. Abbiamo, ovviamente, discusso anche del c.d. videonotiziario, un video che racchiude notizie già pubbliche e diffuse dalla stampa locale, e abbiamo approfondito anche l’aspetto relativo alla comunicazione diretta e personale che ogni carica istituzionale può portare avanti attraverso la propria pagina facebook, attività che non richiede necessariamente l’interposizione della figura del giornalista professionista, in funzione di addetto stampa, ai fini della divulgazione di comunicati di natura Politica.  Con l’occasione, è stato chiesto ad Assostampa di poter conoscere i professionisti appartenenti all’Associazione dei giornalisti radiotelevisivi e telematici e al Gruppo giornalisti del sud est, firmatarie del comunicato che, con nostro grande dispiacere, ha definito il videonotiziario del meetup un atto ostile, al fine di intraprendere anche con loro un utile dialogo. In attesa di risposta, ad Assostampa vanno fin d’ora i più sentiti ringraziamenti per l’apporto professionale, corretto ed obbiettivo offerto.

 IL CAPOGRUPPO CONSILIARE M5S Mauro Caruso


Condividi questo articolo nei tuoi social network

About The Author

Number of Entries : 16561

Leave a Comment


− 2 = quattro

© 2013 Web Design and Develop by MediaX srl

Quotidiano LaNota7.it is Spam proof, with hiddy
Scroll to top